Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Sidief e Confedilizia firmano accordo con Sunia, Sicet e Uniat su contratto concordato

Sidief e Confedilizia firmano accordo con Sunia, Sicet e Uniat su contratto concordato
Autore: Redazione Economia
Data: 29/10/2019

Dopo un ampio e costruttivo confronto si è raggiunta l’intesa tra la Sidief (società della Banca d'Italia che possiede e ne gestisce il patrimonio residenziale) rappresentata da Confedilizia e i sindacati degli inquilini, che stabilisce i livelli dei canoni e regole contrattuali per oltre 5.000 unità immobiliari del patrimonio in 17 provincie italiane.

 

Si tratta del primo Accordo integrativo quadro nazionale tra la Sidief, Confedilizia, Sunia, Sicet, Uniat per la regolamentazione normativa ed il rilascio delle attestazioni di rispondenza dei contratti di locazione -abitativa, studenti universitari, transitori- così come previsto dal D.M. 16\1\2017 -Ministero Infrastrutture e Trasporti- art. 1 comma 5 e succ.

 

Si tratta, inoltre, del primo accordo di questo tipo siglato con una grande proprietà dopo il rinnovo della Convenzione Nazionale tra Associazioni della Proprietà e Organizzazioni degli inquilini recepita dal Decreto Ministeriale del gennaio 2017. L'Accordo sarà protocollato e consultabile presso tutti i Comuni (Roma, Bologna, Bolzano, Bari, Brescia, Firenze, L’Aquila, Milano, Cassina de’ Pecchi, Pioltello, Segrate, Genova, Napoli, Ercolano, Padova, Piacenza, Salerno, Trento, Torino, Rivoli, Verona, Venezia) e le Regioni interessate, oltre che sul sito della Sidief.

 

“Siamo particolarmente soddisfatti del risultato ottenuto - ha dichiarato Carola Giuseppetti, Consigliere e Direttore Generale di Sidief - e della collaborazione con le Associazioni di proprietari e inquilini. Attraverso questo accordo il rapporto tra proprietà e inquilini diventa più efficiente, con contratti standard nazionali e canoni concordati. Ci auguriamo che sia di stimolo per la crescita del mercato della locazione residenziale in Italia”.

 

“Rilanciare l’affitto è il nostro impegno quotidiano - ha sottolineato Giorgio Spaziani Testa, Presidente di Confedilizia - e questo accordo evidenzia in modo molto significativo, considerato l’elevato numero di unità immobiliari interessate e l’ampia estensione territoriale, l’incremento del ricorso a canoni calmierati, che sempre più soddisfa proprietà e inquilinato”.

 

“La scelta di applicare il contratto concordato da parte della grande proprietà costituisce un importante segnale di controtendenza, perché favorisce il contenimento dei canoni e trasparenza nelle regole della locazione”, concordano Daniele Barbieri, Segretario Generale del Sunia, Nino Falotico, Segretario Generale del Sicet e Augusto Pascucci, Presidente di Uniat Aps.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 05:28:27

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -