Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Newlat rinuncerà al brand Buitoni: 'Investiremo sui marchi di proprietà'

Newlat rinuncerà al brand Buitoni: 'Investiremo sui marchi di proprietà'
Autore: Redazione Economia
Data: 31/10/2019

Il fondatore:“Aperti ad andare sotto 50% per aggregazioni”

 

La matricola Newlat Food è arrivata in Borsa (-0,17% oggi il titolo) con il suo portafoglio di marchi dell’alimentare italiano come Polenghi e Giglio ma è pronta a rinunciare al brand più noto, Buitoni, che utilizza per pasta e prodotti da forno in virtù di un accordo con Nestlé, proprietaria del marchio. Secondo quanto riportato nella documentazione per la quotazione infatti, il gruppo appena approdato allo Star non intende rinnovare il contratto con il colosso svizzero e pertanto gli accordi su Buitoni, che originano un fatturato pari a circa il 16% del totale, termineranno alla scadenza naturale fissata per il 31 dicembre 2020 con riferimento allo sfruttamento nei Paesi extra Ue e al 31 dicembre 2021 per i Paesi Ue.

 

«Entro due anni il marchio sparirà, ma noi riteniamo che il rischio di perdita dei volumi si azzeri – spiega a Radiocor Angelo Mastrolia, presidente esecutivo di Newlat e con la sua famiglia azionista di controllo della società - In Italia i prodotti da forno Buitoni sono principalmente le fette biscottate tonde e i crostini che ormai sono riconosciuti dai consumatori come ‘Granfetta’ e ‘Crostino’, due marchi registrati di nostra proprietà. In Germania il marchio Buitoni è legato alla pasta ma vogliamo investire in ‘Delverde’ che ha un posizionamento più alto».

 

La scelta di abbandonare il brand toscano è quindi motivata dalla volontà di puntare su marchi propri ma anche dall’elevato costo delle royalties versate a Nestlé e pari a circa 1,7 milioni di euro l’anno: «Dal 2008 abbiamo investito 22 milioni di euro in royalties per un marchio non nostro – prosegue Mastrolia – La fine del contratto ci consente di avere un beneficio in termini di margini operativi e di investire nel marketing sui nostri marchi: anche nello scenario peggiore, in cui perdessimo l’80% dei volumi fatti nella pasta e il 20% dei prodotti da forno, l’impatto sulla nostra redditività sarebbe neutro». Non è detto comunque che tra Newlat e Buitoni si tratti di un addio: «Qualora Nestlé decidesse di vendere il marchio, sicuramente saremo della partita visto che abbiamo acquisito nel 2008 lo stabilimento di Sansepolcro dove Buitoni è nata».

 

Una scommessa futura quindi che si accompagna alla strategia più generale di Newlat di diventare «una piattaforma del food italiano», come la definisce il suo fondatore: «Come famiglia siamo disponibili a scendere sotto il 50% per aggregare altre aziende dell’alimentare italiano».




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 01/12/2021 13:34:17

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -