Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L’Italia di oggi tra sicilianizzazione e messicanizzazione

L’Italia di oggi tra sicilianizzazione e messicanizzazione
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/11/2019

Leonardo Sciascia, negli anni ’60, previde una “sicilianizzazione” dell’Italia. Detto da lui, siciliano doc, non si può certo avventarsi contro la dichiarazione.

Cosa intendeva il grande scrittore siciliano? Esattamente ciò che passa per la mente leggendo il termine: considerò che i metodi clientelari, ma anche legati a un sistema mafioso che fa parte del tessuto regionale siculo, col passare del tempo sarebbero stati sdoganati nel resto d’Italia.

Previsione azzeccata. In mezzo secolo di storia l’Italia si è sicilianizzata. La politica ha perso il lume della ragione, complice un periodo storico – che faccio risalire ai “dorati anni ‘80” – che servì da aperitivo di apertura per un pranzo assai poco digeribile: l’avvento di una crisi che, oggi, si pensa essere scoppiata nel 2008 ma che ha radici più antiche.

Gli anni ’90 non furono la continuazione del decennio precedente, pervaso da un senso di pseudo benessere. Gli ’80 furono solo una pausa doverosa tra il periodo di boom economico degli anni ’60 – che seguì al lungo trascorso di miseria post bellica – e la guerra civile degli anni ’70. La vera crisi iniziò negli anni ’90, con la popolazione schiavizzata attraverso le predazioni economiche (non dimenticate mai il governo Amato del ’92), e da un sistema burocratico paradossale che è servito a contribuire alla sicilianizzazione: se, per fare un esempio, un contribuente deve diventar pazzo per ottenere la licenza per un esercizio commerciale, si fa prima a proporre una serie di mazzette a chi di dovere, ed ecco che le pratiche si velocizzano…

Purtroppo, quando fai assimilare a una popolazione la sensazione che tutto vada bene, che ci sono ricchezza e opportunità per tutti, sono necessari anni affinché la gente apra gli occhi e si accorga che la situazione si è ribaltata. Va anche detto che nel DNA dell’italiano medio alberga un elemento: quello che gli fa voltare sempre la testa dal lato opposto alla realtà delle cose. Sognatori, che divengono vittime di se stessi.

Tornando a Sciascia, è meritevole la lucidità con cui riuscì – in tempi non sospetti – a comprendere verso dove si stesse andando. Leggete questo passo, tratto dal libro “Il giorno della civetta” pubblicato con Enaudi nel 1961: “Forse tutta l'Italia va diventando Sicilia... A me è venuta una fantasia, leggendo sui giornali gli scandali di quel governo regionale: gli scienziati dicono che la linea della palma, cioè il clima che è propizio alla vegetazione della palma, viene su, verso il nord, di cinquecento metri, mi pare, ogni anno... La linea della palma... Io invece dico: la linea del caffè ristretto, del caffè concentrato... E sale come l'ago di mercurio di un termometro, questa linea della palma, del caffè forte, degli scandali: su su per l'Italia, ed è già, oltre Roma”...

Ed è già oltre Roma...

In tempi più recenti qualcuno ha iniziato a usare un altro termine che ha, però, il medesimo significato: messicanizzazione. Uno dei personaggi che con maggior frequenza lo utilizza è l’economista Alberto Forchielli, un caro amico di cui ho delineato il ritratto in questo articolo pubblicato su Libero.

Non cambia il senso  delle cose: il Messico è tra le nazioni col più alto livello di delinquenza e corruzione. Tutto o quasi passa attraverso il potente locale. La popolazione ne è schiava, perché dove alberga il caos  in seno alla politica, non si può far altro che rivolgersi a chi ne prende il posto a livello territoriale.

I politici sono ormai bulimici di potere e denaro. Tutto diviene fonte di potere e denaro: il crollo di un ponte con tanto di vittime, uno stato di emergenza, la costruzione di uno stadio, un terremoto…

I passaggi sono sempre gli stessi: i poteri in deroga, che cancellano di colpo gli obblighi normativi vigenti e permettono di accedere ai fondi del Tesoro senza doverne spiegare il motivo. Un caso per tutti: il post sisma in Abruzzo del 2009. Attraverso i “poteri in deroga” il governo in carica ebbe libero accesso al denaro pubblico, che fu sperperato in migliaia di rivoli, con motivazioni spesso private.

Poi ci sono gli appalti, che non saranno mai concessi alle aziende sane, perché a controllare e gestire ci sono le organizzazioni malavitose che si dividono questa larga  fetta di economia nazionale.

E i cittadini? Soccombono. Non possono fare altro perché non vogliono fare altro. In qualche modo si torna in Sicilia, stavolta però devo citare Tomasi di Lampedusa, che in una parte del suo “Gattopardo” fece dire a Tancredi, nipote del Principe di Salina, la famosa frase: Se non ci siamo anche noi, quelli ti combinano la repubblica in quattro e quattr'otto. Se vogliamo che tutto rimanga com'è, bisogna che tutto cambi”.

Non a caso, Giuseppe Tomasi di Lampedusa era siciliano…

Statemi bene. 

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/12/2019 03:27:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/12/2019
Prescrizione: il dubbio atroce. Attenzione all'ambito civile...

Perché mai si dovrebbe cancellare l’istituto giuridico della prescrizione? Il nostro sistema giudiziario necessita di un altro tipo di riforma, quella che renderebbe possibile lo snellimento delle cause, e anche di corposi finanziamenti che possano sostenere la buona tenuta di tutto il sistema. Invece a cosa pensano?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/11/2019
Siamo tutti in pericolo!

Vogliamo continuare a perder tempo, a contare i morti, ad assistere alle passeggiate propagandistiche di questo o quel politico, puntualmente presenti dopo il verificarsi dell’ennesima tragedia che si poteva, e si doveva, evitare? 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/11/2019
Sardine: quando i movimenti spontanei rischiano di fiaccare l'energia del popolo

Ignorare i propri diritti, non conoscere a dovere cosa è lecito fare da parte del mondo della politica, permette ai governi di scaraventare sulla popolazione un numero enorme di misure che contrastano vivacemente con il criterio stesso di democrazia.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/11/2019
Fondo Salva Stati e dittatura economica

Riproponiamo questo articolo del nostro direttore, Emilia Urso Anfuso, pubblicato la prima volta nel 2012

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -