Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Opinioni  
Testosterone a 1000

Testosterone a 1000
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 17/02/2009

Il titolo è volutamente provocatorio, e non inneggia certo allo stupro.

Semmai, vuole portare ad una riflessione, ad un approfondimento.

In clima di sicurezza assoluta, di campagna e propaganda per una Italia assicurata dalla presenza degli eserciti e di un Governo che riesca a confortare la cittadinanza, stupisce un po' una tendenza esplosa negli ultimi due o tre mesi, relativa ad un aumento testosteronico violento, tutto firmato Romania e Nigeria.

 

Gli ultimi episodi di violenza sessuale, raccontano di ragazze di giovane età, localizzate in diverse regioni italiane. Ragazze ignare del pericolo. Pure. Sconvolte ora dal dramma della violenza subita.

 

Dall'inizio del 2009, i casi di stupro in Italia si sono via via moltiplicati.

Le Regioni più colpite: Lazio e Lombardia.

Ciò che impone una riflessione, è questa atmosfera antirazziale unita a questa incredibile ondata di violenza, sempre e comunque ad opera di Romeni. O Nigeriani.

 

Viene da chiedersi: quante donne italiane denunciano la violenza subita? Quante di esse, vengono stuprate da connazionali? E che fine fanno le statistiche condotte fin qui, da cui si evince che – dati del 2006 relativi al Rapporto sulla criminalità – il 65% dei violentatori era italiano?

 

Vero è, che esponenzialmente la popolazione di immigrati nel nostro Paese cresce quotidianamente, ma appare inverosimile il fatto – oramai confermato attraverso tutti i media – che lo stupratore oggi parla una lingua straniera. Nessuno spazio per l'aggressore nostrano. Sparito dalle cronache. Protetto da violentatori extracomunitari. Sempre più spesso clandestini.

 

Non male per portare avanti una campagna politica che si sta fondando sulla pulizia etnica ed un concetto astratto di sicurezza. Astratto, per il solo fatto che, tutta questa campagna contro lo straniero, sta sviluppando nella cittadinanza italiana, un odio epocale contro qualsiasi etnia presente sul nostro territorio.

 

Le cronache parlano di tentativi di linciaggio: mai accaduto prima d'ora.

 

Sono lontani i giorni in cui le varie fazioni politiche, inneggiavano ad una piena apertura nei confronti degli immigrati nel nostro Paese. Le porte italiane all'extracomunitario, furono aperte. Per arrivare alle cronache dei nostri giorni, attraverso il quale è palese evincere, come non siamo stati in grado di recepire queste persone, accoglierle, renderle non un fantasma delle nostre paure, bensì una parte della nostra cultura aperta al dialogo.

 

Ora tutto questo, passa al setaccio di una chiusura violenta verso chiunque non abbia il nostro colore di pelle. La nostra nazionalità.

 

Un lungo elenco di percentuali, ad avallare la necessità di espellere dalla nostra storia, qualsivoglia forma di immigrazione: la popolazione di immigrati, è attualmente pari al 6% del totale sul nostro territorio. Nel 2006, la percentuale di immigrati denunciati per stupro nel nostro Paese, è stata pari al 38%. Primi fra tutti, i Romeni, con un 6,8%, seguiti dai marocchini – 5,9% - e dagli albanesi – 3,7%.

 

E gli stupratori italiani, che fine hanno fatto? Perché non rientrano più in alcuna classifica? Perché non risulta da alcuna statistica, la presenza di violentatori nostrani, così come è sempre – aimhè – accaduto in passato?

 

Come sempre accade, è necessario riuscire ad avere una visione quanto più possibile aperta alla riflessione globale di un problema che fiacca la nostra società.

 

Peraltro, in tutto questo fiaccolare di violenza straniera, l'animale nostrano si aggira perverso nelle pieghe nascoste e nelle trame dei nostri giorni. Protetto dallo straniero, ora reso più verosimilmente colpevole dall'opinione pubblica e dal Sistema.

 

Stupra, ma non viene denunciato. O forse, nell'immaginario collettivo, lo stesso stupratore nazionale, parla con un accento straniero. Così che la coscienza si possa pulire, gettando addosso ad altri la responsabilità di un gesto estremo.

 

 

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/02/2020 10:42:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Opinioni

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 27/07/2013
Non esistono piu' i Colpi di Stato di una volta...

Chi oggi come oggi realizzerebbe nel nostro Paese un Colpo di Stato? E’ una domanda che mi è stata posta spesso negli ultimi tempi, sia da lettori che da colleghi e conoscenti. La mia risposta – ogni volta – è stata la stessa: “Lo Stato. Attraverso il Governo”

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 30/05/2013
M5S: Grillo vittima di se stesso. E dei grillini…Io credo che Grillo ormai è vittima di se stesso, dell’idea di un Movimento che non può funzionare perché nulla di dissimile ha mostrato al Paese. Ed è vittima dei suoi stessi “cittadini” parlamentari, che lo hanno tratto in inganno, contraddicendo subito un sogno che oggi non appartiene a nessuno perché nessuno ha avuto la capacità di metterlo in atto.
Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 17/12/2012
Italia: ci vorrebbe un 'dittatore'. Svedese...E’ meglio essere i primi fra i peggiori o gli ultimi fra i migliori? In pratica, la sostanza non cambia, anche se a prima vista la seconda opzione potrebbe far pensare ad un livello di positività, anche se al ribasso. L’Italia in qualsiasi classifica, sia essa relativa agli stipendi europei, al livello di sistema sanitario, a quello riferito alla scolarizzazione e tutto ciò che globalmente crea il sistema Paese, è sempre matematicamente nella classifica peggiore.
Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 24/10/2012
Elsa Fornero ed i giovani 'choosy'. Ma c'è anche chi scrive 'Grazie Fornero'...In un articolo di opinione apparso oggi su panorama.it, Marco Ventura, i sostiene senza alcun dubbio la versione Fornero sulla poca adattabilità dei giovani al primo lavoro. Lo fa con un’ enfasi tale che gli fa dimenticare altre realtà, altre possibili visioni dello stesso problema. Avere una visione monolitica di un problema complesso, non fa onore a nessuno. Né alla Fornero, né a chiunque sostenga a spada tratta qualsiasi azione o pensiero mancante di possibili alternative visioni prismatiche.
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -