Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Wanna Marchi torna in carcere. ...e gli Italiani restano orfani di sogni.

Wanna Marchi torna in carcere. ...e gli Italiani restano orfani di sogni.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 05/03/2009

 
Wanna Marchi torna in carcere dopo la sentenza di Cassazione. Nove anni e sei mesi da passare in cella. Senza pubblico. Senza più riflettori. Senza miliardi (forse…).
 

La storia della poliedrica Wanna, sembra concludersi con questa sentenza inappellabile. Sembra… perché considerando la sua capacità di reinventarsi ogni qualvolta i suoi "affari" trovano conclusione, non ci è dato sapere cosa sarà il futuro di questa donna, ex estetista di provincia, che grazie ad un innato bernoccolo degli affari e dello show, ha creato ai tempi, un'impresa talmente grande, da far impallidire i colossi dell'imprenditoria italiana.

 

Iniziò la sua carriera di imprenditrice negli anni delle prime televisioni commerciali a cavallo fra gli anni settanta ed ottanta. Al grido di "Centomila!! Solo centomila!!…" la Wanna nazionale, vendeva sogni di magrezza e beltà, attraverso inutili creme snellenti e rimedi fantasmagorici. I prezzi? Da capogiro. Eppure… eppure la gente, donne e uomini di vario ceto sociale e livello di cultura, acquistavano quasi in stato di ipnosi, quel baluardo cui si aggrappavano, certi di aver trovato rimedio al secolare desiderio di poter rendere giustizia a corpi non più giovani ne snelli.

 

La Marchi, con una verve ed una energia fuori dal comune, tanto da far pensare ad una personalità di tipo paranoide, aggrediva i telespettatori trascinandoli in uno show perverso, palesemente truffaldino, eppure talmente gradito da far si che in poco tempo, la ex estetista potesse contare su un solido conto corrente bancario.

 

Tutto ciò che avvenne dopo, la bancarotta fraudolenta, la ricostruzione della sua immagine attraverso nuove imprese di "successo", è cronaca leggibile attraverso qualsiasi media.

 

L'ultima trovata di Wanna Marchi, i famosi e magici numeri al lotto, proposti attraverso i canali televisivi con tale capacità di convincimento, da rendere lobotomizzate centinaia di persone pronte a versare centinaia di milioni nelle casse della nostra, è storia dei nostri giorni, finita nelle aule dei tribunali, con decine di persone pronte ora a recriminare su quel denaro speso con troppa incredibile leggerezza.

 

A mio parere, al di la del sostenere chiaramente la fraudolenza reiterata di questo personaggio, dovremmo tutti parallelamente riflettere sulla bizzarra peculiarità dei cittadini Italiani, pronti a gettar denaro dalle finestre a fronte di una illusione.

 

Specialmente in un periodo come questo, in cui si fa solo un gran parlare di come la crisi rosicchi ogni giorno il poco denaro dei contribuenti, in una Italia fallace economicamente da anni, in una nazione ove il risparmio – tutt'ora – viene considerato parte della nostra storia, appare ancor più bizzarra questa tendenza al credere ad una favola. A molte favole. Ai sogni costruiti ad arte da chi ha compreso anzitempo, come di fronte all'appagamento di ansie e desideri incolmabili, l'italiano medio si lasci circuire con tanta facilità dalla frode. Pronto poi ad indicare l'indice, verso chi ha cucito quelle lacerazioni attraverso ciò che la stessa persona, pronta ora a condannare, chiedeva a piene mani, pur di poter aggrapparsi ad una soluzione. Sia essa di ricchezza moltiplicata che di bellezza resa possibile attraverso una chimera.

 

Wanna Marchi torna in carcere. Una truffatrice in meno sulla piazza italiana. Ma quanti ce ne sono ancora al loro posto, pronti a lenire le paure ed i desideri occulti di tanti altri cittadini, che ancor oggi versano e continueranno a versare oboli al mondo estremo dell'immediata risoluzione delle loro fragilità?

 

Anche questo, non è dato sapere.

 

Le luci per un attimo si spengono. Maghi, draghi e fattucchiere, riposti per breve tempo in un armadio. …fino al prossimo urlo di vendetta. Per non aver potuto trarre vantaggio da chi svende un sogno che rimarrà tale. E che forse, proprio per questo, non ha prezzo.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/02/2020 10:40:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/02/2020
Coronavirus e altre considerazioni

Il Conte bis è a caccia di soldi. Servono 15 miliardi, da trovare in tutta fretta per avviare la riforma fiscale tanto propagandata, e che dovrebbe portare – secondo le ipotesi non avallate dai fatti – all’agognata semplificazione. Niente di spettacolare, almeno per quanto ne sappiamo fino a oggi. Si tratterebbe di ridurre gli scaglioni reddituali da 5 a 3, copiando il modello tedesco da cui copiamo un mucchio di cose, le peggiori, come il reddito di cittadinanza.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/02/2020
Sardine: un movimento impopolare

Dopo i ringraziamenti slinguettanti di Zingaretti alle sardine, per aver ben sostenuto la vincita di Bonaccini, ecco che il movimento ittico, o meglio i leader, arrivano non solo a omaggiare i grandi industriali, gli stessi a cui il governo dice di voler sottrarre la concessione di Autostrade

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 27/01/2020
Giornalisti e lettori: un matrimonio da salvare

Se davvero vogliamo migliorare la società, torniamo a dialogare, mettiamo da parte le rabbie, le tifoserie, l'ossessione contro le "caste". Almeno un tentativo va fatto. Proviamoci.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -