Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020

Ospedale è un termine che deriva dal latino hospitale, e indicava la camera che era destinata agli ospiti. Oggi può apparire paradossale pensare all’ospitalità riferita alle strutture sanitarie, che in alcuni casi nel belpaese non sono affatto luoghi ospitali.

La situazione a livello nazionale, però, ci racconta una realtà molto migliore di quanto si immagini: l’Italia resta tra le nazioni che, a livello mondiale, vantano l’eccellenza in campo sanitario. Le recenti classifiche ci pongono al nono posto, su scala mondiale. Un vero vanto.

Il nostro paese, peraltro, sforna medici specialisti che sono molto richiesti nelle altre nazioni, le università italiane sono un altro fiore all’occhiello del Made in Italy, e il fatto che attualmente i giovani scelgano di emigrare alla ricerca di migliori opportunità professionali, prioritariamente in campo medico, è causato solo dalla cattiva condizione del sistema socio economico, che dall’avvento della crisi ha minato gravemente la stabilità del mercato del lavoro.

Tornando al tema centrale, quello delle eccellenze in campo medico, oggi voglio spendere qualche parola per un reparto in particolare, che si trova presso il Policlinico Umberto I di Roma: il padiglione di chirurgia intitolato al Professor Pietro Valdoni, considerato il più grande chirurgo italiano del '900 

Perché ne parlo? Perché oltre a essere un polo chirurgico di eccellenza, poco tempo fa al suo interno una persona a me molto cara ha trovato ospitalità, cure, sostegno, attenzioni. Fino all’ultimo respiro.

Non ce l’ha fatta il caro zio Franco Belluso, ma la consapevolezza che sia stato curato al meglio, con le attenzioni che ci riportano all’osservanza del contenuto profondo che ci ricorda le origini del termine  ospedale, ha posato nell’animo di noi parenti una carezza, spalmato un balsamo, che in un momento di dolore così impietoso, ci ha fatto del bene.

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Francesco Belluso rimarrà indissolubilmente dentro i cuori di tutti noi, perché la sua esistenza - in alcuni periodi avventurosa, ricca di esperienze, di viaggi, di ricordi da raccontare a tutti noi che abbiamo passato tante ore ad assorbire le sue parole e a immaginare tanti luoghi - non si dissolve con la mancanza corporea.

Con riconoscenza sincera, la moglie Paola Papandrea e i figli Laura e Norberto, ringraziano tutto il team di medici e personale sanitario, cui aggiungo un mio personale ringraziamento.

Curare il prossimo è il livello più alto che l'uomo possa raggiungere. In una società composta di persone "eccezionali" la normalità diviene un elemento raro: non banalizziamolo. Mai. 

 

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/03/2020 22:11:23

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 28/03/2020
Indagine su Covid-19 parte II – Il destino dell'umanità tra bufale e realtà

Un virus può sanare tante cose, rimettere in equilibrio le interconnessioni internazionali, i mercati azionari, il rischio di rivoluzioni dovute alle troppe strategie politiche ed economiche vessatorie, al clima impazzito per mille cause diverse, alla scarsità delle risorse fondamentali, che mettono in crisi il futuro di tutti.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 24/03/2020
Covid-19: l’Italia e l’emergenza al rallentatore. 5 domande a Conte

Il governo conferma lo stato di emergenza sanitaria con un decreto varato il 31 Gennaio,  ma da fine gennaio a oggi si è mosso a passo di lumaca per mettere in stato di sicurezza la popolazione. Nel video che trovate in questo editoriale, potrete sentire la voce del premier Conte, che consiglia ai cittadini di "Condurre una vita normale". Era il 2 Febbraio. Due giorno dopo il varo del decreto in cui viene stabilito lo stato di emergenza sanitaria.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/03/2020
Coronavirus - 'Decreto Cura Italia': art. 6 e requisizione dei beni mobili e immobili

L’articolo 6 del recente decreto Cura Italia tratta l’argomento delle requisizioni di pubblica utilità. In massima sintesi, in considerazione dell’emergenza sanitaria che rende necessario disporre di ambienti in cui ricoverare i contagiati, è possibile poter agire in tal senso attraverso la Protezione Civile – comma 10 – anche su richiesta del Commissario straordinario, come recita l’articolo 122, che con un decreto varato ad hoc può decidere per l’espropriazione di beni di proprietà pubblica o privata...

Leggi l'articolo

Autore: Indagine del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/03/2020
Indagine su Covid-19 - (1): nel mondo si parla di diffusione attraverso l'acqua, in Italia no

L’OMS consiglia la massima attenzione sui servizi igienico-sanitari e sui rifiuti sanitari. Se consideriamo la condizione idrica nazionale, gli scandali che si sono succeduti nel corso degli anni, il metodo della richiesta di deroghe alla UE anche a costo di penalizzare la salute e la vita dei cittadini, possiamo dirci davvero certi che viviamo in una nazione che ci sta cautelando?

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -