Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Vaticano  
La Chiesa crea un fondo Prestiti. Ma a ben guardare...

La Chiesa crea un fondo Prestiti. Ma a ben guardare...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 31/03/2009

Crisi economica. Crisi dell’Umanità intera. Questa volta, nessuna scusa. Nessun dubbio. Nessuna via d’uscita. Nessuna Razza – parafrasando un bel brano del cantante Caparezza.

 

Da ogni dove si parla. Si diatriba. Si discute. Si sollecitano soluzioni.

Concretamente, possiamo vantare il più alto livello di disoccupazione mai registrato prima, a livello internazionale. Il più alto livello di povertà, a livellare la Massa in una apoteosi di economia spicciola al ribasso.
 
Soluzioni? Nell’immediato non ne vediamo. Parole, tante. Promesse, quelle si. Che non riempiono i piatti della gente. E non pagano le rate, i mutui, i prestiti, gli affitti, le bollette.
 
Ma attenzione: giunge – non troppo propagandata – la mano della Chiesa ad arginare – seppur miseramente – le ferite dei più deboli, con una cifra posta al loro servizio. Ma che non si sappia troppo in giro. Dovessero far la parte di quelli che pensano davvero alla povera gente.
 
La Chiesa, il Potere mondiale più ricco in assoluto. Proprietari di mezzo mondo. Di opere d’arte che, a venderne un paio, sfamerebbero una bella fetta di mondo. Che sia il Terzo oppure il Secondo...non si sa.
 
La Chiesa, quindi, entra con un progetto di “Carità” a sostegno dei meno abbienti.
 
La CEI – Conferenza Episcopale Italiana, in accordo con l’Abi Associazione Bancaria Italiana – ha creato un fondo di garanzia per un importo pari a 30milioni di euro, che renderà in soldoni, la possibilità per alcuni – sembra 20.000 famiglie - di poter accedere a prestiti agevolati per circa 300milioni di euro.
 
In pratica, il fondo posto a garanzia dalla Chiesa, farà si che si possa creare una esposizione bancaria che decuplicherà tale importo.
 

Chi non accetterebbe una garanzia così di lustro?

La Chiesa ne esce trionfante nei confronti del Mondo, l’Abi ha il suo bel tornaconto.
 
Come accedere a tali prestiti?
 
Durante una conferenza stampa, il neo eletto segretario generale della CEI Monsignor Mariano Crociata ha chiarito che, potranno farne richiesta, “Le famiglie regolari, con tre figli, malati o disabili a carico, che abbiano perso qualsivoglia forma di reddito” Tre figli a carico? Oppure disabili e malati? E, ciliegina sulla magra torta, a patto che sia una “famiglia regolare” – leggi: maritata “Ma anche in Comune” – bontà loro -  e che non abbia alcuna fonte di reddito? Ma stiamo parlando di famiglie in difficoltà o di baraccati?
 
E perché, proprio la Chiesa, limita drasticamente l’accesso a tale “agevolazione”? Chi agevola? Come li agevola?
 
Peraltro – udite, udite – i 30milioni che saranno posti in garanzia presso l’Abi, NON saranno presi dal nutritissimo portafoglio della Chiesa, bensì da collette a tappeto sul territorio nazionale e durante le Messe: il povero paga il povero, insomma. Come sempre.
 
Nel lontano caso poi, che una famiglia possa provare di avere i requisiti fondamentali per accedere a questa “Chicca” di Carità Cristiana, accederà ad una sorta di prestito bancario, che si trasformerà in un sussidio mensile di ben 500euro al mese, per far fronte – così ha dichiarato Monsignor Mariano – alle spese di Mutuo, bollette o eventuale fitto...
 
Durata del “prestito”? Dodici mesi. Rinnovabili.
 
Le somme prese in prestito poi, potranno essere “comodamente rimborsate” in cinque anni dal momento in cui si dovesse recuperare uno status lavorativo. Interessi? Minimi – dicono – ma non sono stati dichiarati. ...forse, per carità Cristiana.
 

E nel caso non si riuscisse ad assolvere al prestito ricevuto? La banca comincerà, puntualmente, a registrare gli interessi. Si potrà così con calma, pagare – forse a vita – la mano caritatevole della Chiesa.

A chi chiedere l’accesso a questa sorta di “credito caritatevole”? Ai parroci. Che indirizzeranno poi, presso la Caritas o le Acli di zona.
 

La riflessione, d’obbligo come sempre, ci illumini tutti.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/05/2022 11:36:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Vaticano

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Attualita'
Data: 19/05/2019
Zuckerberg: il padrone del mondo

Entra lentamente, si muove senza intoppi, impassibile, ieratico, come una statua montata su scarpe da ginnastica, con la pelle d'alabastro e questo taglio di capelli come un prato che lo fanno sembrare un console romano. I

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Vaticano
Data: 16/05/2019
Padre Krajewski a La Zanzara su Radio 24: 'Il mio gesto si difende da solo'

“Abusivi? Il mio prossimo è quello in difficoltà, questo è il Vangelo. Critiche? Non mi interessano, se qualcuno ha bisogno di aiuto mi comporto come ogni medico che giura di salvare una persona”.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/01/2019
Basilica di San Pietro: inaugurata la nuova illuminazione a led realizzata da Osram

Monsignor Angelo Comastri, Arciprete della Basilica ha commentato: "L'illuminazione intelligente risponde perfettamente alle esigene di culto, preghiera e celebrazione in particolare quando è presente il Santo Padre. Ma abbiamo raggiunto anche un altro scopo: la possibilità di ammirare la bellezza architettonica della Basilica".


Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 24/01/2019
Famiglia Cristiana: 'Quando Grillo scriveva: accogliamoli tutti'

"Il futuro non sarà migliore se ci difenderemo alzando steccati o prendendo impronte, ma se saremo capaci di integrazione e di condivisione. Questo il vero progresso, non quello che ci fa diventare sempre più meschini, chiusi o impauriti".

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -