Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Politica Estera  
Bernie Sanders non racconta la verità sull'assistenza sanitaria canadese

Bernie Sanders non racconta la verità sull'assistenza sanitaria canadese
Autore: Peter St. Onge - Redazione Esteri
Data: 07/03/2020

Tutti gli americani, indipendentemente dal partito politico di riferimento, vogliono avere accesso a cure sanitarie tempestive e di alta qualità. La domanda è come arrivarci. Sfruttiamo il potere e l'innovazione del settore privato o lo consegniamo al governo e speriamo per il meglio?

Il Canada ha scelto quest'ultima strada e, in uno dei dibattiti più recenti tra i candidati presidenziali democratici, Bernie Sanders ha ancora una volta pubblicizzato il suo sistema sanitario gestito dal governo, come modello per l'America.

La versione di Sanders dell'assistenza sanitaria canadese non si adatta però alla realtà dei fatti.

Niente più spese vive? In realtà, i costi sanitari diretti dei canadesi sono quasi identici a quelli che pagano gli americani, una differenza di circa $ 15 al mese. In cambio, i canadesi pagano fino al 50% in più di tasse rispetto agli americani, con i soli costi sanitari del governo che rappresentano $ 9.000 in tasse aggiuntive all'anno. Ciò equivale a circa $ 50 in tasse aggiuntive per dollaro risparmiate in costi immediati.

C'è da tenere presente che questi sono solo l'inizio dei successi finanziari di " Medicare for All ". Il sistema pubblico canadese non copre molti grandi costi sanitari, dai prodotti farmaceutici alle case di cura ai dentisti e alla vista.

Di conseguenza, la spesa sanitaria pubblica in Canada rappresenta solo il 70% della spesa sanitaria totale. Al contrario, le proposte Medicare for All promettono una copertura del 100%. Ciò suggerisce che gli oneri finanziari per gli americani, e le distorsioni da curare, sarebbero di gran lunga maggiori di quanto già soffrono i canadesi.

La limitata copertura del Canada può sorprendere gli americani, ma la chiave è capire cosa significa "universale" e trasfrormarlo in "cure universali".

I sistemi universali significano che tutti sono costretti a unirsi al sistema pubblico. Enfaticamente non significa che tutto sia gratuito. In effetti, i costi di tasca propria sono in realtà significativamente più alti in Svezia, Danimarca e Norvegia rispetto a quelli in America.

Più grave degli oneri finanziari è ciò che accade alla qualità delle cure in un sistema gestito dal governo

I costi sanitari totali del Canada sono circa un terzo più economici degli Stati Uniti in percentuale del prodotto interno lordo, ma ciò è ottenuto da pratiche indesiderate di controllo dei costi. Ad esempio, l'assistenza è razionalmente spietata, con liste di attesa che durano mesi o anni.

Il sistema taglia anche gli angoli usando farmaci più vecchi ed economici e risparmiando sulle attrezzature moderne. Il Canada oggi ha meno unità di risonanza magnetica pro capite rispetto alla Turchia o alla Lettonia. Inoltre, gli investimenti insufficienti in strutture e personale hanno raggiunto il punto in cui i canadesi vengono curati nei corridoi degli ospedali.

Com'era prevedibile, i pronto soccorso del Canada sono pieni. Nella provincia del Quebec, i tempi di attesa sono in media più di quattro ore, portando molti pazienti a rinunciare, tornare a casa e sperare per il meglio.

Vedere uno specialista può richiedere tempi incredibilmente lunghi. Un medico dell'Ontario ha chiesto un rinvio per un neurologo e gli è stato detto che c'era una lista d'attesa di quattro anni e mezzo.

Un ragazzo di 16 anni nella Columbia Britannica ha aspettato tre anni per un intervento chirurgico urgente, durante il quale le sue condizioni sono peggiorate ed è stato lasciato paraplegico. Un uomo di Montreal ha finalmente ricevuto la chiamata per il suo intervento urgente a lungo ritardato, ma è arrivato due mesi dopo la sua morte.

I canadesi hanno trovato il modo di sfuggire al razionamento, alle lunghe attese e alle attrezzature scadenti: Vanno a curarsi negli Stati Uniti

Ogni anno, oltre 50.000 canadesi volano per sottoporsi a interventi chirurgici perché possono ottenere cure di alta qualità e trattamenti rapidi a un prezzo ragionevole. Pagano volentieri per cure che, per la stragrande maggioranza degli americani, sono coperte da assicurazioni, private o pubbliche.

Lungi dall'essere un modello di assistenza sanitaria gestita dal governo, il Canada funge da monito per le conseguenze indesiderate della medicina socializzata: tasse elevate , lunghe attese, carenza di personale e farmaci e attrezzature scadenti. Coloro che soffrono di più sono i poveri, che non possono permettersi di volare all'estero per cure tempestive.

Lontano dalla retorica del benessere, la medicina socializzata in Canada si è dimostrata un'esca e uno scambio che non ha mai mantenuto la promessa.

Oggi a Washington ci sono proposte molto valide sul tavolo per ridurre i costi dell'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Includono riforme per garantire la trasparenza dei prezzi, aumentare la concorrenza e abrogare i mandati di aumento dei prezzi. Questo è il modo migliore per andare avanti.

Il sistema canadese di medicina socializzata ha creato tasse elevate e pazienti sofferenti. Non è quello che gli americani vogliono o meritano.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/01/2022 14:49:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Estera

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Esteri
Data: 08/04/2020
Coronavirus: gli USA e il disastro sociale

La tragica prova che gli Stati Uniti stanno attraversando apriranno finalmente gli occhi agli elettori americani? 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 22/03/2020
Coronavirus - Angela Merkel è stata posta in quarantena

La Merkel, 65 anni, sarà sottoposta a "test regolari" nei prossimi giorni e continuerà con il suo lavoro da casa, almeno per il momento.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 17/03/2020
Covid-19 - Macron: 'Siamo in guerra'

"L'epidemia di coronavirus è diventata una realtà immediata, presente. Siamo in guerra, una guerra sanitaria certamente: non lottiamo contro un esercito o contro un altro paese". 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/03/2020
Covid-19: risposta insufficiente del Regno Unito all'emergenza sanitaria

Mentre molti paesi europei hanno adottato misure drastiche per arginare la diffusione del coronavirus, il Regno Unito non ha ancora introdotto misure di "distanziamento sociale"...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -