Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Emergenza sanitaria: il governo Conte libera i detenuti e mette in carcere i cittadini

Emergenza sanitaria: il governo Conte libera i detenuti e mette in carcere i cittadini
Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/03/2020

Qualcosa non convince nelle decisioni che il governo si appresta a prendere. Sembra che vogliano far uscire dalle carceri circa 6.000 persone, tra coloro che hanno avuto pene fino a 18 mesi.

Significa che ladri, spacciatori e rapinatori potrebbero esser messi ai domiciliari. Peccato che, nella situazione attuale, non credo che le già scarne forze di polizia potrebbero controllare che costoro non si muovano dai domiciliari.

La stessa cosa sta per avvenire in Iran, dove il governo ha deciso di liberare oltre 54.000 detenuti, per lo più detenuti politici tra cui figura anche Nazanin Zaghari-Ratcliffe, cittadina con doppia nazionalità britannica e iraniana che è detenuta in Iran dal 2016 con l’accusa di aver «cospirato contro il governo iraniano».

Di contro, con le nuove misure di prevenzione dell’emergenza sanitaria, si rischia il carcere qualora si dovesse uscire di casa avendo i sintomi del Coronavirus o, peggio, essendosi sottoposti al tampone risultando positivi.

Basterà una segnalazione da parte di un altro cittadino, che comunichi alle autorità competenti che tizio circolava tossendo, per ritrovarsi in un oceano di guai.

Chi sa di essere positivo, dichiara il falso nel modulo di autocertificazione, e si evince che ha mentito, sarà denunciato per reati che vanno dalle lesioni all’omicidio volontario – nel caso in cui si entri a contatto con soggetti fragili o a rischio – fino all’omicidio volontario se le persone che sono entrate in contatto con il soggetto positivo perdono la vita per essersi infettate.

Per tale motivo spingo i cittadini a riflettere approfonditamente su due aspetti: il primo, quello di restare in casa a ogni costo, e non solo per salvaguardare la salute propria e degli altri, dal momento che si rischia il carcere. Il secondo: rileggete come è stato scritto il più recente modulo di autocertificazione per le uscite diffuso dal Viminale.

Non hanno inserito due caselle fondamentali: “Mi sono sottoposto al tampone” e “Non mi sono sottoposto al tampone”.

In mancanza di queste due caselle, la seguente dicitura rischia di poter essere interpretata in diversi modi: DICHIARA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ di non essere sottoposto alla misura della quarantena e di non essere risultato positivo al virus COVID-19 di cui all'articolo 1, comma 1, lettera c), del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell' 8 marzo 2020.

Quando Giuseppe Conte, fresco di prima nomina a Premier, dichiarò: “Sarò l’avvocato di tutti gli italiani” cosa intendeva di preciso…?

Faccio notare che, nel frattempo, ci sono personaggi della politica e dello spettacolo che circolano indisturbati, e senza l'ombra di mascherina....

Ecco il modulo che potete scaricare sul vostro PC: nuovo modulo per autocertificazione

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/04/2020 09:12:52

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/04/2020
Pornografia e pedopornografia su Twitter e Telegram: la libertà di essere mostruosi

Cosa sta succedendo e perché? Quale motivo si nasconde dietro al fatto che certi materiali circolino liberamente sui social network? La Polizia Postale, come sappiamo, è oberata di richieste, non si può quindi additare come “colpevole” (come fanno in molti sui social) anche perché si muove dietro denuncia e segnalazione, come è giusto che sia.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/04/2020
Veneto: mascherine allegate coi giornali del Gruppo Gedi? E' concorrenza sleale...

La notizia è questa: la Regione Veneto, ha stretto un accordo con Grafica Veneta per la distribuzione gratuita di 250.000 mascherine a chi acquista i quotidiani del Gruppo Gedi (lo stesso di Repubblica, per intenderci). Col giornale acquistato, si riceve una confezione di 5 mascherine o meglio, di 5 “schermi protettivi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/04/2020
Coronavirus: grazie al virus ora è evidente a tutti come funziona la politica

Abbiamo dovuto apprendere che, mentre per gli italiani ci sono – manco a dirlo – pochi denari, e che per chiedere un bonus si rischia di vedere i propri dati sensibilissimi alla mercé di tutti, il governo nazionale distribuisce milioni alla Tunisia e alla Bolivia: esattamente 71 milioni di euro...

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/04/2020
Coronavirus, Bonus 600 euro e sito Inps: gravissimo attacco alla privacy dei cittadini

Nel video pubblicato da Repubblica il racconto di quanto è avvenuto ieri, 1 Aprile 2020, quando i cittadini hanno tentato di accedere al sito INPS per chiedere il bonus di 600 euro. Una situazione grave e paradossale, subito "scusata" dalle istituzione come "attacco hacker": tra attacco hacker e mala gestione di una situazione di questo genere ce ne passa.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -