Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Catastrofi Naturali  
Per un grado in più...lo Stato dichiara una magnitude minore. Perchè?

Per un grado in più...lo Stato dichiara una magnitude minore. Perchè?
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 11/05/2009 18:26:05

Un mese e qualche giorno. E' bastato un periodo così breve a far calare l'Abruzzo e le zone devastate dal sisma in un ricordo da relegare nell'oscurità di notizie rese prioritarie rispetto alla necessità di aggrapparsi alla speranza di una reale e veloce ricostruzione. Si parla del Papa in Terra Santa a reti unificate. Di Berlusconi marito e poco Premier. Di PIL e contro PIL, che all'atto pratico non cambia le sorti economiche del Paese. Si parla. Di Nulla. Di quel grande Nulla tanto utilizzato quando le vicende che questo Nulla copre, sono serie, esasperanti, tragiche. Ma la gente è stanca. Tutta o quasi. Di fare i salti mortali per dribblare gli ostacoli di una esistenza resa rovente da una Società cui sembra non appartenere più. Di notizie che non trovano traguardi: rimangono sospese, come le parole gettate al vento, pronte ad essere sostituite da nuove parole. E così avanti, a sconvolgere una volta in più le realtà. L'Abruzzo sta già pagando, per la seconda volta.
 
La prima, dopo un sisma annunciato, se non dalle macchine di Giampaolo Giuliani – peraltro ormai sparito da ogni cronaca – per quelle trecento scosse più o meno forti che avevano il dovere di allertare, non tanto la Regione quanto  gli organismi di sostegno e controllo. In primis, la dirigenza della Protezione Civile,c he invece, ha continuato a minimizzare. Trecento scosse che hanno percorso le fibre nervose dei cittadini giorno e notte. Fino all'ecatombe. La scossa che ha oscurato tutto. Storia e storie. Vite e futuro. Lavoro e famiglie.
 
La scossa che forse molti, avevano timore di dover subire. Ma che non hanno trovato altra soluzione se non quella di non sapere quando sarebbe arrivata. Poi, tutto nella corsa folle. Verso uno sprazzo di salvezza, per i più fortunati. Verso l'avvio della macchina dei soccorsi. Verso il conteggio dei morti prima, dei salvi poi. Verso la creazione di tendopoli, fra polemiche – tante – rabbia (poco espressa) dignità, scambiata già per stupidità. Ed intorno a cittadini attoniti e carenti di ogni cosa, persa fra i frammenti di mura sbriciolate per calcoli edili al risparmio, il grande show del Potere, che trova degno palcoscenico fra i mali della gente che amministra. Sterile demagogia di strada, che si perde subito, in una manciata di giorni. Che se no la popolazione ci crede davvero alle promesse fatte. Eccoli ora, quei cittadini cui la natura irrequieta ha tolto tutto. In fila dal mattino alla sera per chiedere le piccole cose quotidiane.
 
La colazione, un pasto caldo, una doccia. I giorni passano. Le cucine sfornano miseri pasti. La carne sparisce dalle tavole. Qualcuno comincia a lamentarsi. Pochi hanno la voglia di diffondere queste notizie. Che sono la realtà delle cose. Ma coinvolgono poco la Massa, affamata di nuove tragedie, e gossip e numeri. Quella setssa gente che è sorella e fratello di chi per mano di un evento particolare, ora non ha più gli stessi diritti. Messi da parte. Come extracomunitari cui si debba dare un poco di sostegno. Quel tozzo di pane tanto per non apparire animali. La gente vale poco ormai, sempre meno. E' palese. Vale poco quando si tratta di dare un minimo fondamentale per vivere. Vale ancor meno, se la stessa gente diviene una serie di problemi da risolvere. Ricostruzioni. Stanziamenti. Nuovi paesi da trarre dalle rovine.
 
Spiccano intanto, le immagini delle prime ricostruzioni: quelle alle Chiese. Che a quanto pare, con la scusa d'essere "patrimonio" di tutti" vanno recuperate per prime. Strano algoritmo fra carità e sopruso. Cala il silenzio nel frattempo, su eventi che alle prime ore dopo il sisma, facevano già gridare allo scandalo, come il crollo dell'ospedale S. Salvatore dell'Aquila, che si è scoperto essere, non solo non agibile ma persino non accatastato. Un fantasma per lo Stato. Un modo "pulito" per non esser coinvolti più di tanto. Le indagini iniziate. Che fine hanno fatto? Chi se ne cura? Cosa ne sta emergendo? Nulla. Non si deve sapere. Silenzio.

 
Intanto, inizia a girare una informazione. Fra le onde del Web. Un tam tam spontaneo quasi. Poche le testate che ne parlano. A quanto sembra, la magnitudo del sisma più forte, quello della notte del 6 Aprile alle 03:32 non sarebbe del 5.6 della scala Richter, bensi di magnitudo 6.5 cosi come comunicò sia l'Istituto di Geofisica e Vulcanologia Italiano ed anche – sembra dopo poche ore dall'evento - l'USGS (l'Agenzia Geologica Federale del Governo USA). Una bella disparità di dati. Che oggi, avrebbero ben poca importanza, a morti avvenute e paesi e città distrutte. Ma che d'improvviso diventa un dato sconcertante, tanto quanto l'arresto troppo veloce dell'attenzione sulla Regione Abruzzo.
 
Si scopre infatti che, nel caso in cui un sisma superi una magnitudo del grado 6.0 della scala Richter, il risarcimento per far fronte alla ricostruzione sarebbe pari al 100%. Al di sotto di questo grado, gli stanziamenti sono notevolmente più bassi. Ma dal Governo, continuano a diffondere un dato che a quanto pare, non corrisponde a realtà. Il dubbio atroce che i dati siano stati contraffatti, non può non nascere. Lo stesso Ingegner Maurizio Floris dell'I.G.V.I., dichiara che «i dati sull'entità del sisma sono stati cambiati, penso volutamente e con raziocinio, per evitare il risarcimento del 100% che sarebbe stato dovuto in caso di sisma maggiore di 6 gradi Richter." Una dichiarazione che arriva come un pugno nello stomaco. Che rimescola il sangue. Fa urlare di rabbia. Di fronte ai soldi, una volta in più, il genere Umano non conta. Di fronte al denaro, nessuno ha più diritto di esistere. Se non quel gruppicolo di persone che lo stesso genere Umano annientato, continua a supportare col proprio voto, la stima e la fiducia. Di fronte a questi scandali negli scandali, furberie contro la popolazione, pressioni che divengono insostenibili, è necessario aprire bene gli occhi. E dire NO. Un No corale. Netto. Diretto e continuativo. Perché di tempo, ce n'è sempre meno per arrivare al traguardo di una Vita degna d'esser chiamata tale
 
 
 

L'articolo ha ricevuto 19664 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/09/2019 17:44:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Catastrofi Naturali

Autore: Redazione Attualita'
Data: 31/10/2017 06:43:37
Scuole e terremoto -  Save the Children: 4,5 milioni di studenti vivono in aree ad alto pericolo sis

L’Organizzazione lancia una petizione per mettere in sicurezza gli istituti scolastici nelle zone più a rischio

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Attualita'
Data: 17/08/2015 11:48:28
Meteo: arriva il ciclone Troy. Temperature in ribasso

Stanchi di soppoprtare il caldo tropicale? Tranquilli: il Meteo.it assicura che è in arrivo un peggioramento delle condizioni climatiche e questo a causa di Troy, il ciclone in arrivo sull'Italia e che porrà fine alle temperature calde e afose che hanno caratterizzato l'Estate 2015.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 14/08/2015 14:46:17
Summer Storm: arriva la burrasca su tutta l'Italia. Crollano le temperature

Summer Storm porterà un crollo delle temperature massime che arriveranno a 22° su buona parte della penisola. 

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Attualita'
Data: 16/07/2015 10:29:10
Tornado in Veneto e altri strani eventi: dietro le quinte lobby come il Bilderberg

“È palese che ci sia qualcuno che orienti le cose, sia dal punto di vista economico, che climatico, che di gestione del pianeta. È tutto molto strano: in Veneto non avevo mai visto fenomeni di questo tipo. Ai tropici o negli Usa, sì; ma qui no. Può essere il cambiamento climatico; ma può essere sicuramente che qualcuno metta qualcosa apposta nell'aria...”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -