Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Covid-19: il pagamento delle pensioni presso gli uffici postali mette a rischio gli anziani

Covid-19: il pagamento delle pensioni presso gli uffici postali mette a rischio gli anziani
Autore: Lorenzo Brambilla - Redazione Politica
Data: 24/03/2020

EMERGENZA COVID-19, PAGAMENTO DELLE PENSIONI DI MARZO 2020 NEGLI UFFICI POSTALI:

A RISCHIO TRA I 10 E I 13 MILIONI DI PENSIONATI OVER 65 SENZA MONETA ELETTRONICA

Appello al Ministro della salute e a Poste Italiane: paese fermo ma pensionati invitati presso gli uffici postali, c’è il rischio che accrescano il contagio

Dario Francolino, esperto di crisis communications management: “In Italia 4 pagamenti su 5 vengono effettuati in contanti, occorre implementare subito un piano straordinario di emergenza per dotare i pensionati che ne sono sprovvisti di carte di credito, bancomat o carte prepagate”

Sono 16 milioni i pensionati italiani (fonte: report ISTAT “Condizioni di vita dei pensionati anni 2017-2018) e di questi, secondo gli ultimi dati, solo il 20% utilizza sistemi di pagamento elettronici.

“Occorre agire subito, ci sono solo 48 ore di tempo per evitare una catastrofe di cui nessuno sembra accorgersi - dichiara Dario Francolino, esperto di crisis communications management in Axess Public Relations e docente di comunicazione d’impresa presso il CUOA, business school di Altavilla Vicentina –. Esiste il gravissimo rischio suicida che tra i 10 e i 13 milioni di pensionati italiani, sprovvisti di moneta elettronica e che non accreditano in banca la propria pensione, potrebbero aumentare rapidamente il contagio, recandosi, seppur in modo scaglionato ma fisicamente, dal 26 marzo al primo aprile in ordine alfabetico, presso gli uffici postali. Non possiamo chiedere agli anziani di stare in casa e poi invitarli, se non hanno strumenti di pagamento elettronico, ad andare all’ufficio postale!

E ancora: “Troviamo allarmante e fortemente a rischio per gli operatori postali e i pensionati italiani, la cui età purtroppo come sappiamo è la più colpita dalla pandemia, la comunicazione di Poste Italiane circa gli orari e le modalità di erogazione dell’assegno pensionistico di marzo 2020. La politica degli annunci che sta purtroppo anticipando la messa in essere reale di azioni concrete rischia di allargare il contagio ed è ritenuta assolutamente contraria alle disposizioni dell’ultimo DCPM del 22 marzo e alle ordinanze regionali in particolare di quella della Regione Lombardia (ordinanza n. 515 del 22 marzo 2020). Ci rendiamo conto che gli spot televisivi e la campagna di comunicazione sono antecedenti alle nuove misure di contenimento del contagio ma ciò non legittima il fatto di non modificarle o di annullarle. Occorre fare presto perché altrimenti #iorestoacasa sarà vanificato!”

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 29/03/2020 22:30:22

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 28/03/2020
Coronavirus - Vincenzo De Luca: 'Garantire la salute, garantire il pane'

Alle misure rigorose prese per combattere il contagio è indispensabile aggiungere da subito misure di sostegno alle famiglie, di aiuto a singoli cittadini in difficoltà, e a quei settori su cui il prolungarsi della crisi pesa in maniera drammatica.

Leggi l'articolo

Autore: Luuca Dal Negro - Redazione Politica
Data: 28/03/2020
Coronavirus - Economia spiccia: Il vaccino

La "potenza di fuoco" governativa, in realtà, non è poca cosa se pensiamo agli schieramenti militari e non messi sul territorio, e l'unica attenuante generica che gli si può dare è che la pastoia legislativa che regola le Regioni e lo Stato centrale, materia che certamente non si può avocare in toto a questo Governo, sia davvero quella melma che impedisce un'azione efficace. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 24/03/2020
Covid-19: ecco il nuovo modulo di autocertificazione - scaricatelo da qui in .pdf

Il Ministero dell'Interno ha sviluppato un nuovo modello di autocertificazione per gli spostamenti. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 24/03/2020
Coronavirus - Radicali: 'Parole di Mattarella su carceri non restino inascoltate'

"È urgente un intervento per ridurre le presenze nelle case circondariali, cronicamente sovraffollate. Gli strumenti per farlo già ci sono"

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -