Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Covid-19: gli orrori del governo Conte. Un ospedale a palazzo Chigi, ma per gli italiani...

Covid-19: gli orrori del governo Conte. Un ospedale a palazzo Chigi, ma per gli italiani...
Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/04/2020

Franco Bechis, direttore del quotidiano Il Tempo, collega che apprezzo per la sua grande  ironia e lucidità, ieri ha pubblicato il suo approfondimento su un tema alquanto scottante: le derrate sanitarie fatte arrivare a Palazzo Chigi per proteggere adeguatamente Conte, i parlamentari e gli eventuali ospiti.

Ecco il suo articolo, illuminante: Mascherine, guanti e bombole di ossigeno: Conte si è fatto l'ospedale a casa e lo potete anche scaricare in formato .pdf sul vostro PC tante volte il web decidesse di “mangiare” questo articolo di Bechis che deve invece restare nella storia del giornalismo d’inchiesta e della Repubblica Italiana: ecco il link attraverso il quale scaricare il file

Prima di pensare: “Beh, che male c’è”? è molto meglio che continuiate a leggere.

In massima sintesi: com’è ormai noto a tutti, e come ho riportato nel mio articolo sul tema pubblicato il 20 marzo, Conte ha varato il decreto attraverso il quale è stato dichiarato lo stato di emergenza sanitaria il 31 Gennaio scorso. Due giorni dopo, lo stesso Conte dichiarava ai colleghi giornalisti che lo intervistarono all’uscita da Palazzo Chigi: “Gli italiani possono continuare a condurre una vita normale”.

Nel frattempo, però, proprio Conte si organizza di gran fretta per far si che a Palazzo Chigi giunga un corposo approvvigionamento di mascherine, guanti e tutto quello che deve servire in stato di emergenza sanitaria, così come è imposto a ogni singolo cittadino e per decreto legge, tutti firmati da Conte.

Cosa stona in questa situazione? Che mentre il premier Giuseppe Conte, consapevole ben prima del 31 gennaio della situazione di emergenza sanitaria (Cliccare sui link per accedere all'articolo) perdeva tempo e dichiarava placidamente che potevamo stare tranquilli, facendo così diffondere a macchia d’olio una situazione pandemica dai contorni aberranti, nelle stesse ore si preoccupava di cautelare la propria incolumità e quella dei colleghi politici.

A rendere ancor più grave questa azione, è bene non perdere di vista alcuni punti importanti:

1) Per decreto legge ogni cittadino circolante in Italia è obbligato a bardarsi con mascherine protettive e guanti. Peccato che le mascherine siano introvabili, e che nella migliore delle ipotesi costino un occhio della testa: Conte doveva semmai varare un decreto urgente per imporre almeno lo stesso prezzo pagato da Palazzo Chigi – 0,20 centesimi a mascherina – pena il carcere per gli speculatori

2) Gli stessi medici e il personale sanitario, in tutta Italia, subiscono gravi carenzi di presidi medici protettivi

3) Alle forze dell’ordine impongono di usare la stessa mascherina per due giorni (data la scarsità) anche se è risaputo che la durata è di poche ore per ognuna di esse

Già solo questo elenco di cose deve portare tutti a una profonda riflessione sul tema della coerenza, della trasparenza, della tendenza della politica nostrana a non cautelare mai davvero gli interessi della popolazione, ma solo di se stessi.

Se a questo aggiungiamo il subemendamento che fuoriuscì dal cappello a cilindro qualche tempo fa, e che – se non fosse poi stato ritirato dopo che la stampa nazionale ha fatto il suo dovere, parlandone alla popolazione – avrebbe reso immuni da qualsiasi denuncia il premier Conte e tutto l’esecutivo, e se aggiungiamo l’arroganza utilizzata spesso dal Premier Conte, che invece di spiegare chiaramente le ragioni della quarantena, del suo prolungamento, e di spiegare a dovere anche cosa possono attendersi lavoratori, imprenditori e nuclei familiari, per quanto riguarda l’aspetto economico, già disperatamente crollato e che fa presagire tempi terribili (Cliccare sul link per leggere l'articolo)  anche in ordine di suicidi che purtroppo potranno avvenire – è già accaduto dopo l’avvento della crisi economica scoppiata nel 2008 – quale tipo di domande vogliono porre, i miei lettori, al premier Conte, alla luce di quanto ho esposto?

Scrivetemi: potete farlo commentando questo mio articolo, dopo esservi registrati gratuitamente alla piattaforma online di questo giornale, o contattandomi sui social.

Raccoglierò le vostre istanze e le invierò direttamente al Premier, attendendo risposte.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/04/2021 12:56:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -