Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Fra Lodi e nodi. L'Italia dell'impossibile...reso possibile.

Fra Lodi e nodi. L'Italia dell'impossibile...reso possibile.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/05/2009

Si può ancora parlare di Democrazia in un Sistema di Stato che preveda leggi ad personam? Possiamo ancora parlare di volontà di trasparenza in un Paese ove l'incostituzionalità fa a botte – e vince – contro la costituzionalità? L'Italia dei Lodi diviene l'Italia di nodi, che vengono al pettine non tanto per essere sbrigliati ma per palesare una volta di più, come tutto ormai sia possibile, in una nazione resa cieca dall'incomprensione stessa, generata da vicende mai chiarite in maniera basilare, comprensibile ai più. E dove si controfirmano proposte di Legge in un batter d'occhio, si da non rendere possibile alcuna traccia di eventuale discordia sugli eventi.
 
Di Lodo in Lodo, i nodi italiani si sono scomposti fino a creare una lineare visione di come ci si possa svicolare persino da pendenze giuridiche eclatanti. E rendersi impuniti ed impunibili, quel tanto da proclamare un potere assoluto che in questo modo, grava ancor più sulle spalle di chi invece, si ritrova a delinquere persino se paga in ritardo la bolletta della luce. Dalla presentazione - nel 2003 - del Lodo Maccanico, divenuto poi a colpi di emendamento, Lodo Schifani e poi  Lodo Berlusconi, fece si che il già allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, uscisse indenne dal processo SME, che fra vendite di comparti IRI a privati quali la CIR (Compagnie Industriali Riunite) a somme ritenute nettamente inferiori ai parametri di mercato ed a suon di tangenti per far si che una serie di imprese italiane entrassero a far parte del gioco, fece conoscere all'Italia una nuova epoca fatta di scandali…accettabili.
 
Nel breve lasso di tempo dalla controfirma del Lodo da parte degli organi di Stato preposti, al processo reso inutile dallo stesso Lodo al conseguente stralcio – postumo – dell'articolo uno del Lodo che recitava: "Non possono essere sottoposti a processi penali, per qualsiasi reato anche riguardante fatti antecedenti l'assunzione della carica o della funzione fino alla cessazione delle medesime, il Presidente della Repubblica, il Presidente del Senato, il Presidente della Camera dei Deputati, il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Presidente della Corte Costituzionale"  si passò in pratica a rendere effettivo per il tempo utile norme a totale protezione di chi risultava coinvolto in questo ennesimo affaire nazionale.
 
Un Lodo durato esattamente il tempo di un mandato: quello del Governo Berlusconi che come sempre, fa vivere parallelamente fino a poi intrecciarle, vicende che passano con allegria fra l'Impresa – propria - e la Politica. Una Legge mantenuta in vita dal Giugno 2003 al Gennaio 2004. Palesemente, una truffa temporanea. Arriviamo ai nostri giorni. Cambiano e si susseguono i Governi. Le facce si sa, rimangono le stesse. Le cause e gli scandali, anche. Ma a chi detiene il potere, appare cotraddittorio che si voglia cercare giustizia fra le sale dei palazzi. C'è tanto da fare per la nazione, meglio rispolverare un'idea niente male, che possa rendere Casta intoccabile, ciò che fu già palesato attraverso un libro che potrebbe essere stato commissionato dagli stessi protagonisti delle tante storie raccontate con dovizia di particolari da una coppia di "insospettabili giornalisti" – Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo - in busta paga al Corriere della Sera, testata dalle sorti controverse anche per ciò che riguarda le proprietà editoriali, si da palesare a tutto tondo, l'intoccabilità e l'assoluta volontà a rimanere indenni da qualsiasi azione contro il Potere.
 
Ecco nuovamente il parterre politico – tutto – alle prese con il riconsiderare possibile l'intoccabilità delle quattro più alte cariche dello Stato, ed estromettendo questa volta del tutto, la Corte Costituzionale operando così in maniera da non trovare più alcun garante a controllare qualsiasi nuova legiferazione: un trionfo di anti Democrazia ed anti costituzionalità resa possibile dalla sola forte volontà di pochi. Il Lodo del Ministro Alfano, detta i punti attraverso i quali, 4 sole persone in Italia possono usufruire di immunità totale e persino retroattiva, nel caso in cui le quattro più alte cariche dello Stato, avessero in tempi non sospetti agito contro le Leggi e si trovassero ad essere implicati in fatti da argomentare nelle aule dei tribunali nostrani. 
 
Un macigno scagliato di fretta e con forza contro qualsiasi e più rosea visione d'insieme del Sistema stesso. Una proclamazione di Impero attualizzato ai giorni nostri, e che trova tutti concordi – a parte isolati casi di esternazione subito sopiti da altre querelle – maggioranza ed opposizione. La popolazione resa di colpo assoggettata totalmente ad potere ormai assoluto di chi gestisce il Paese, non trova altro da fare che dribblare fra le tante difficoltà di una Società resa sempre più divisa fra chi può permettersi tutto e chi rischia l'inferno per reali iniquità. Si poteva far qualcosa? Non nel senso immediato dell'avvenimento in se. Si poteva opporre resistenza ogni qualvolta si fosse presentata una nuova bizzarria di chi gestisce le sorti del Paese.
 
Ma volete mettere il pigro trastullarsi fra le onde di decisioni prese in alto e rendersi pubblico piuttosto che attori? Il Fare pesa. Il Dire non conduce a traguardi. Ma fa convincere la popolazione di essere parte integrante degli avvenimenti. Non c'è più tempo per accorgersi di essere divenuti tutti, sostanzialmente, pedine di un gioco di ruolo giocato da quattro impenitenti concorrenti che muovono le loro armate con l'uso di un dito puntato come in un plotone di esecuzione.
 
Ognuno al suo posto…

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/10/2020 11:24:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -