Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Catastrofi Naturali  
Abruzzo: il G8 e la dignità rubata

Abruzzo: il G8 e la dignità rubata
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 03/06/2009 12:13:19

Due mesi dal sisma. L'Abruzzo, fra scosse di terremoto e scossoni subiti a suon di nuove polemiche, passa la mano e cede al Sistema – Politico ed Economico – la visibilità che si aspettava di detenere, almeno per un altro po'. Tanto da non seppellire sotto la coperta del silenzio, gli accadimenti quotidiani e le sue bizzarrie.
 

Cala il silenzio, almeno per ora, sulle inchieste. Quelle per individuare i colpevoli di aver edificato case ed ospedali senza tenere in minima consierazione le fondamentali misure di sicurezza a norma anti sismica su un territorio riconosciuto come altamente a rischio. Si oscurano a singhiozzo, le immagini dalle tendopoli e le frustrazioni quotidiane degli sfollati: a quanto pare per i grandi media, non fa più notizia. Si annullano le comunicazioni che dovrebero confortare non solo la popolazione dei terremotati, ma l'Italia tutta. Poco si sa dei fondi ricavati per la ricostrtuzione, fra versamenti volontari dei cittadini Italiani alle varie organizzazioni – sembra si parli di circa 45 milioni raccolti in questi due mesi – e di come il Decreto N°39 per la ricostruzione in Abruzzo, creato dal Governo a fine Aprile, si concretizzerà materializzando finanziamenti che comunque saranno distribuiti nei prossimi venti anni e passa.

 

Il terremoto, come evento in se, che piaccia o meno, fa gola a molti. Le prime ore sfruttate da tutti, media e politici di ogni tendenza, che sono corsi a calpestare la grande passerella ferita ed oltraggiata di una Regione che ha versato un obolo pesante alla natura: 307 i morti ad oggi, considerando un paio di persone spirate per non aver sopportato la dura vita nelle tendopoli. Poi il momento delle grandi dichiarazioni, fra chi prometteva addirittura alloggio nelle proprie ville e chi sbandierava con "assoluta certezza" che il buio non sarebbe calato mai e poi mai su questo ennesimo evento dannato. Ora i riflettori tornano, ma non si accendono sul freddo glaciale di un Giugno dispettoso che fa tremare i corpi e le menti di chi ha perso non solo l'alloggio ed i beni personali, ma pure quel barlume di sopportazione, rivendicato per dignità.

 

La pioggia battente oltraggia ancor più gli oltraggiati. Ferisce le anime girando il coltello nelle piaghe. Ed affonda, nel momento in cui la quotidianità stride con la dignità: persino le piccole incombenze quotidiane, come lavarsi o mangiare divengono una brutta avventura. Le luci non si accendono nemmeno sulle diatribe fra i Sindaci dei paesi colpiti dalla tragedia e Guido Bertolaso.
 
I Sindaci in questione, vorrebbero una immediata revisione del decreto N° 39, al fine di estendere i finanziamenti per la ricostruzione anche ai tanti non residenti: attualmente infatti, gli stanziamenti riguardano solo i cittadini residenti, ma questo non farà altro che bloccare i lavori di ristrutturazione, in partioclare nei centri storici dei paesi coinvolti, se si considera che nella stessa palazzina, possono coesistere appartamenti di proprietà abitati tutto l'anno e seconde case.

 

E' come confermare che molti caseggiati non potranno ottenere ricostruzione per la differente condizione residenziale dei proprietari. Insomma si torna alle solite vecchie, conosciute metodiche del rimpallo e delle dimenticanze. Una volta di più. Com'era immaginabile.

 

Ma ecco che, per un attimo quei riflettori spenti sulla realtà dei fatti, si riaccendono su un evento che fa già molto parlare, di tenda in tenda e di flebile denuncia sulla Rete: anche queste sono informazioni che i Media nazionali preferiscono dribblare.

 

E' noto a tutti che il prossimo G8 è spostato dalla Maddalena all'Aquila. Fermo restando il pesante contraccolpo che l'isola sarda risentirà per molto tempo, considerando che la grande macchina organizzativa era partita già da un anno, e che molte strutture alberghiere si erano organizzate di conseguenza, patendo ora sconfinamente bancari milionari resi inutili ed anche poco restituibili nel breve tempo, e riflettendo sul fatto che alcune imprese, come la Anemone Costruzioni s.r.l di Roma, che aveva vinto un appalto per la costruzione di un palazzo dei congressi per la bella cifra di 58 milioni di euro o la la Nuove Infrastrutture s.r.l. vincitrice dell'appalto relativo alla costruzione di una struttura di ospitalità per il vertice, si dice poco o nulla su ciò che la macchina organizzativa di Stato sta producendo fra le strade sbrindellate e le tendopoli avvilite di questa strage che sta rasentando ogni tipologia di follia.

 

Da diversi giorni, personale del di Governo si aggira in forze per le strade dell'Aquila e dintorni. In breve tempo, renderanno la sede della Guardia di Finanza, degno contenitore delle Suites presidenziali ed attueranno enormi misure di sicurezza intorno all'area preposta al Summit. Il tutto, aggiungendosi agli abitanti sfollati, alle carenze strutturali, alle macerie ancora presenti in certe aree ed alla sopportazione ormai minata di chi rischia di voler perdere persino la dignità.

 

Oltretutto, l'8 Luglio – giornata di apertura del G8 che si protrarrà fino al 10 Luglio – saranno migliaia le persone che invaderanno l'Aquila fra staff presidenziali, personale adibito alla sicurezza ed i tanti giornalisti accreditati per l'occasione. Che non dormiranno certo sotto le tende aquitrinose e fredde – o troppo calde quando batte il sole - e nemmeno pranzeranno con le minestrine sciorinate ormai quasi anche a colazione ai muti spettatori di questo ennesimo scandalo italiano.

 

Si otterrà in un lampo, quella disparità di condizione sociale che è una delle malattie del nostro tempo. I pochi Grandi da un lato, comodamente ospitati in Suites create ad hoc, in luoghi ove appare quasi impossibile garantire pronta dignità a chi ha subito il sisma. I disperati – troppi – dall'altro, a fare da spettatori passivi per una volta in più, ad una disparità sociale che rende possibile l'impossibile. Ma solo per chi ha già oltre il tutto.

 

Il G8 finirà. Spariranno grandi staff presidenziali, giornalisti ed illustri personaggi del potere internazionale. Non si tireranno le somme dei soldi sprecati fra un'organizzazione resa inutile in Sardegna, ed uno spostamento che sa più di capriccio politico che di volontà a non voler dimenticare le necessità di migliaia e migliaia di cittadini contribuenti italiani.

 

Calerà il buio ed il silenzio, nuovamente, senza possibilità di scelta. L'urlo di chi è sconfitto, percuoterà il vuoto degli ingranaggi del Sistema, vincitore arrogante che ancora una volta, basa la sua forza sulla prepotenza elargita a piene mani ai più fragili. Come picchiare un bambino od un anziano. Dare un calcio ad un cane abbandonato. Nulla di più.


L'articolo ha ricevuto 12880 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/09/2019 17:24:45

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Catastrofi Naturali

Autore: Redazione Attualita'
Data: 31/10/2017 06:43:37
Scuole e terremoto -  Save the Children: 4,5 milioni di studenti vivono in aree ad alto pericolo sis

L’Organizzazione lancia una petizione per mettere in sicurezza gli istituti scolastici nelle zone più a rischio

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Attualita'
Data: 17/08/2015 11:48:28
Meteo: arriva il ciclone Troy. Temperature in ribasso

Stanchi di soppoprtare il caldo tropicale? Tranquilli: il Meteo.it assicura che è in arrivo un peggioramento delle condizioni climatiche e questo a causa di Troy, il ciclone in arrivo sull'Italia e che porrà fine alle temperature calde e afose che hanno caratterizzato l'Estate 2015.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 14/08/2015 14:46:17
Summer Storm: arriva la burrasca su tutta l'Italia. Crollano le temperature

Summer Storm porterà un crollo delle temperature massime che arriveranno a 22° su buona parte della penisola. 

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Attualita'
Data: 16/07/2015 10:29:10
Tornado in Veneto e altri strani eventi: dietro le quinte lobby come il Bilderberg

“È palese che ci sia qualcuno che orienti le cose, sia dal punto di vista economico, che climatico, che di gestione del pianeta. È tutto molto strano: in Veneto non avevo mai visto fenomeni di questo tipo. Ai tropici o negli Usa, sì; ma qui no. Può essere il cambiamento climatico; ma può essere sicuramente che qualcuno metta qualcosa apposta nell'aria...”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -