Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Opinioni  
Ribaltare l'ordine delle cose: l'Alternativa

Ribaltare l'ordine delle cose: l'Alternativa "saremmo" noi.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 06/06/2009

 

Siamo un Paese disposto a tutto. Ad accettare l'inaccettabile. A calare la testa. A considerarsi vittime, ma compiacenti. Ad essere supini spettatori del mistero del Potere, che tanto mistero non è più. Una nazione votata alla massima espressione della polemica. Sterile. Che riempie di aria bocche e cervelli. Un popolo di maniaci dell'appunto: tutti hanno qualcosa di importantissimo da dire. Pochi una reale volontà di fare. Una nazione l'Italia, vittima di se stessa, consapevole dei propri errori eppure reiterante delle stesse colpe. Un Paese convinto di essere all'avanguardia. A parole.
 
Basta vedere come l'Italiano medio approcci l'affare Ambiente. E come il Sistema stesso metta in pratica solo a parole metodiche ambientaliste di rilevanza nazionale. Spargiamo ettolitri di acqua. Abusiamo di CO2. Non differenziamo le immondizie. Tanto anche quando lo facciamo, ci pensa il Sistema a mettere tutto insieme e creare balle dall'aspetto equivoco. Non si fa nulla per opporsi all'ignoranza dilagante. Studiare era già un problema ai tempi della scuola. Figurarsi avere ora voglia di approfondire certi temi. Una nazione la nostra, che accetta passivamente il delinquere costante del Potere, di qualsiasi colore esso sia. E che ammette incredibilmente di andarein galera per aver rubato un pacco di pasta al Supermercato della disperazione.
 
Giriamo impavidi da un problema all'altro. Da una batosta ad una nuova. Da una privazione ad un'altra ancora. Convinti forse, di dimostrare una Forza ed una capacità che porteranno un giorno ad un bel mezzo busto nella piazza della città natale. Scompensi sociali. Aberrazioni di un Sistema che fagocita esistenze. Ignoranza globale - quella si - profonda. Nessuna volontà di effettuare un cambio di rotta nel sistema mentale, raggiunto a fatica in anni ed anni di mortificazione cerebrale. L'Essere Umano, non trova alternativa a tutto questo. Si convince di esprimere il proprio libero pensiero. Non si accorge di sciorinare la farina di sacchi altrui. Pensa e genera un panegirico infernale di considerazioni. Così distanti dal pensiero individuale che mette orrore al solo rifletterci. Una nazione la nostra, ove la dignità palesata ad ogni dove, sopprime la realtà stessa della dignità.
 
Contraddizioni di pensiero, reso imbrigliato dall'opera omnia della ristrutturazione neuronale ai danni dalla gente. Il morso del giogo ormai è costante. Talmente tanto da non far più trapelare altre possibilità. Si continua a vivere, nella convinzione di esistere. Si portano avanti idee. Che non sono proprietà intellettuale propria. Si macinano convinzioni bizzarre su questo o quell'accadimento, senza riflettere. Senza la capacità di generare un proprio individuale punto di vista. L'Alternativa. Che non è una serie di opzioni rese possibili da altre menti, distanti dalla nostra. L'Alterrnativa a tutto questo siamo noi. Ogni singolo cervello. Che decida di provare per una volta almeno la possibilità di esistere senza subire pressioni e regole dall'esterno. Una condizione questa che fa così paura, da far considerare migliore alla gente, subire piuttosto che comprendere. Partecipare concretamente alla vita, può apparire duro. Ma solo a chi è ormai convinto che l'unica vita vivibile, sia quella conosciuta fin qui. Eppure, il processo dell'Alternativa è il più semplice da percorrere. E quello che sortisce maggiori effetti benefici non solo al singolo, ma alla Comunità tutta. E' reale cambiamento. Miglioramento della Coscienza. Sviluppo dell'intelletto.
 
Che genera una profonda presa di coscienza dell'attualità e degli accadimenti. Opera sicurezza. Non quella contrabbandanta dalle propagande. Ma la propria. Unico vessillo di probabile rinascita della dignità umana. Provare non può essere un danno. Al più, si può tornare a sconfiggere se stessi riprendendo il cammino del buio e del caos. Calda e confortante abitudine, che uccide ma non ingombra.



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/02/2020 10:40:38

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Opinioni

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 27/07/2013
Non esistono piu' i Colpi di Stato di una volta...

Chi oggi come oggi realizzerebbe nel nostro Paese un Colpo di Stato? E’ una domanda che mi è stata posta spesso negli ultimi tempi, sia da lettori che da colleghi e conoscenti. La mia risposta – ogni volta – è stata la stessa: “Lo Stato. Attraverso il Governo”

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 30/05/2013
M5S: Grillo vittima di se stesso. E dei grillini…Io credo che Grillo ormai è vittima di se stesso, dell’idea di un Movimento che non può funzionare perché nulla di dissimile ha mostrato al Paese. Ed è vittima dei suoi stessi “cittadini” parlamentari, che lo hanno tratto in inganno, contraddicendo subito un sogno che oggi non appartiene a nessuno perché nessuno ha avuto la capacità di metterlo in atto.
Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 17/12/2012
Italia: ci vorrebbe un 'dittatore'. Svedese...E’ meglio essere i primi fra i peggiori o gli ultimi fra i migliori? In pratica, la sostanza non cambia, anche se a prima vista la seconda opzione potrebbe far pensare ad un livello di positività, anche se al ribasso. L’Italia in qualsiasi classifica, sia essa relativa agli stipendi europei, al livello di sistema sanitario, a quello riferito alla scolarizzazione e tutto ciò che globalmente crea il sistema Paese, è sempre matematicamente nella classifica peggiore.
Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 24/10/2012
Elsa Fornero ed i giovani 'choosy'. Ma c'è anche chi scrive 'Grazie Fornero'...In un articolo di opinione apparso oggi su panorama.it, Marco Ventura, i sostiene senza alcun dubbio la versione Fornero sulla poca adattabilità dei giovani al primo lavoro. Lo fa con un’ enfasi tale che gli fa dimenticare altre realtà, altre possibili visioni dello stesso problema. Avere una visione monolitica di un problema complesso, non fa onore a nessuno. Né alla Fornero, né a chiunque sostenga a spada tratta qualsiasi azione o pensiero mancante di possibili alternative visioni prismatiche.
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -