Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Catastrofi Naturali  
Scandalo in Abruzzo. Il G8 ed i lavori dell'altro mondo.

Scandalo in Abruzzo. Il G8 ed i lavori dell'altro mondo.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 07/07/2009 12:56:39

Novantadue. Sono i giorni trascorsi dopo il sisma in Abruzzo. Trecentotre. I morti per la sciagura e subito dopo il terremoto. Quarantaduemila. Gli sfollati abruzzesi che ad oggi dimorano fra le tendopoli (circa 30.000) e le strutture alberghiere (circa 12.000). Cinque miliardi. La cifra stabilita nel Decreto Legge N° 39/2009 per la ricostruzione in Abruzzo. Ventitre. Il numero di anni previsti per l'utilizzo dei finanziamenti proposti nel Decreto Legge N° 39.

 

Diciassette. Sono le volte in cui il Premier Berlusconi ha messo piede in Abruzzo dopo il sisma del 6 Aprile. Circa quattrocento. Gli operai che lavorano per il G8 dell'Aquila. Due. I mesi per rendere agibile, estremamente sicuro, piacevole, comodo il sito che accoglierà il Summit. Otto. I presidenti delle nazioni che interverranno.

 

Centootto. Le organizzazioni che hanno messo a disposizione dei cittadini italiani, forme varie per versamenti volontari per la ricostruzione in Abruzzo. Zero. La cifra di tali versamenti: ad oggi, nessuno mai ha dichiarato quanto sia stato versato spontaneamente da milioni di cittadini, imprese ed organizzazioni, nazionali ed internazionali.

 

Ora – dati alla mano – abbiamo un quadro della situazione che porta a riflettere. Questa volta non sugli appalti. Nemmeno sui tempi della ricostruzione. E neanche sulle condizioni di sopravvivenza indegne nelle tendopoli abruzzesi.

 

Questa volta questi dati servono a pensare. Molto. A come si possa fare tanto. A come si possano trovare risorse economiche immediate. A come le ricostruzioni siano possibili in brevissimo tempo. Quando si vuole. Tutto questo, a patto che non si tratti dei cittadini, che quelli no: servono solo a mantenere quel netto distacco fra il Potere assoluto ed il resto. Il "resto" in questo caso, somiglia alla spazzatura. Quel che rimane nel piatto dopo un pranzo abbondante.

 

Quando si tratta di lavorare per chi è in cima alla classifica del Potere internazionale, ecco che allora spunta il denaro. Tanto. E subito. Ecco che il meccanismo del Sistema va a mille. Opera per ricostruzioni che bastano il tempo di tre giorni di chiacchiere fra potenti. Abbellisce. Migliora. Rende splendido laddove tutto intorno è ancora tragedia e disperazione.

 

Sovverte l'ordine delle cose che, nell'aberrazione della continuità, vengono percepite ormai da tutti come "normali". Trentadue. Gli anni che la città dell'Aquila ha dovuto attendere per l'inaugurazione dell'Ospedale S. Salvatore, miseramente crollato sotto il peso dello scandalo degli appalti di Stato e dei finanziamento che "devono" essere erogati per il maggior tempo possibile. Altrimenti, come farebbero molti ad attingervi a pine mani per altri scopi?

 

Invece, ecco l'esempio. Tangibile. Inquietante. Satanico. Di come le cose si possano fare, persino in brevissimo tempo. Quando se ne ha reale volontà.

 

Questo, è il vero, grande, incredibile scandalo sortito da un'ennesima tragedia italiana che, se magari non poteva essere prevista, avrebbe arrecato molti meno danni a persone e cose, nel caso in cui si fosse operato mantenendo integri i processi di messa in sicurezza e tenuto come prioritario il bene della Comunità.

 

Questo, è il vero scandalo del post sisma abruzzese.

 

In considerazione di questo esempio stupefacente di solerzia, rettitudine e precisione, tutto il resto appare ancor più critico. Non si può trovare ora una sola ragione per accettare che intanto, mente i Leader del mondo internazionale metteranno piede in terra abruzzese in ambienti altamente sofisticati sia per quanto riguarda i criteri di sicurezza sia per quanto riguarda il lusso, altri esseri umani continuano a vivere nel fango – letteralmente – inchiodati ancor più alla condizione di perdenti in un Sistema che premia sempre e comunque solo chi "conta".
 
-------
 
Articoli correlati:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

L'articolo ha ricevuto 13024 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/09/2019 10:31:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Catastrofi Naturali

Autore: Redazione Attualita'
Data: 31/10/2017 06:43:37
Scuole e terremoto -  Save the Children: 4,5 milioni di studenti vivono in aree ad alto pericolo sis

L’Organizzazione lancia una petizione per mettere in sicurezza gli istituti scolastici nelle zone più a rischio

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Attualita'
Data: 17/08/2015 11:48:28
Meteo: arriva il ciclone Troy. Temperature in ribasso

Stanchi di soppoprtare il caldo tropicale? Tranquilli: il Meteo.it assicura che è in arrivo un peggioramento delle condizioni climatiche e questo a causa di Troy, il ciclone in arrivo sull'Italia e che porrà fine alle temperature calde e afose che hanno caratterizzato l'Estate 2015.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 14/08/2015 14:46:17
Summer Storm: arriva la burrasca su tutta l'Italia. Crollano le temperature

Summer Storm porterà un crollo delle temperature massime che arriveranno a 22° su buona parte della penisola. 

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Attualita'
Data: 16/07/2015 10:29:10
Tornado in Veneto e altri strani eventi: dietro le quinte lobby come il Bilderberg

“È palese che ci sia qualcuno che orienti le cose, sia dal punto di vista economico, che climatico, che di gestione del pianeta. È tutto molto strano: in Veneto non avevo mai visto fenomeni di questo tipo. Ai tropici o negli Usa, sì; ma qui no. Può essere il cambiamento climatico; ma può essere sicuramente che qualcuno metta qualcosa apposta nell'aria...”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -