Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Abusi sui minori e violenze alle donne: tornano i criminali nazionali.

Abusi sui minori e violenze alle donne: tornano i criminali nazionali.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 08/07/2009

Dopo aver passato mesi nell'ansia dello stupratore Romeno o Nigeriano, dopo le cronache battenti sulle aggressioni alle donne indifese vittime dello straniero, dopo il Decreto Sicurezza e le polemiche conseguenti, la violenza torna a parlare la nostra lingua. Torna lo stupratore. Ma questa volta parla italiano.

 

Le "campagne di sensibilizzazione" operate sull'opinione pubblica, hanno sortito le reazioni desiderate, più che sperate. La popolazione costretta a dichiararsi attaccata dalle etnie dell'Est piuttosto che da quelle africane, hanno gettato la spugna e reso il servizio voluto al Paese: il razzismo incondizionato. Quel razzismo che urla vendetta e ha fretta di Decreti creati allo scopo di far sentire tutti, più "sicuri".

 

Ottenuto il risultato, le cronache nazionali tornano ora a volgere l'attenzione a criminali nostrani, serial stupratori ed anche qualche – seppur rara – denuncia di abuso sessuale sui minori. Misteri dell'Informazione, che quando serve a far volgere l'attenzione della cittadinanza ora verso una riva ora verso l'altra, percorre tutte le strade possibili ed impossibili per convincere che il diktat del momento è quello proposto fino ad essere esasperato negli stessi contenuti.

 

Scomparsi quindi da un giorno all'altro i rudi assaltatori esteri di virtù nazionali, ecco tutta l'attenzione rivolta a chi si macchia dello stesso indegno crimine. Ma questa volta colore della pelle e nazionalità sono uguali alla nostra.

 

Il dente batte ancora sul tema della Sicurezza. Ma spremuto il contenitore estero non si poteva che deviare sulla criminalità nazionale. Altrimenti, se si fosse premuto ancora l'acceleratore sulla stessa tipologia di azioni criminose, pian piano la popolazione avrebbe scoperto il "trucco".

 

Peccato che mentre gli italiani e molta stampa internazionale seguivano il percorso stabilito, contemporaneamente stupri ed abusi di altra entità, passavano inosservati e senza alcun tipo di comunicazione a tappeto.

 

Scoprire che, nello stesso periodo di "propaganda" dell'aggressore straniero – fine 2008, primo quadrimestre 2009 – gli abusi su minori sono aumentati così come gli stupri a donne spesso violentate fra le quattro mura domestiche.

 

Lo stesso Viminale, in un convegno tenutosi il 24 Febbraio 2009 sul tema: "violenza sulle donne", ha dichiarato un dato sconcertante ed in netta controtendenza rispetto alle Informazioni date attraverso i Media. Il 60% dei casi di stupro in Italia, sono ad opera di italiani. Ma il dato non è stato comunicato a gran voce. E' rimasto nell'ambito di coloro che hanno partecipato al Convegno.

 

E che dire degli abusi sui bambini? Tanti fatti. Poche informazioni trapelate. Ci sono i casi a Napoli di tre minori abusati a fine Febbraio da adulti campani. Quello a Milano di uno stupratore italiano di minori ritenuto "seriale" che ad inizio di Febbraio è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale su diversi bambini (l'uomo si travestiva da sacerdote per avvicinare i minori più facilmente) Il caso di violenza di gruppo su una minorenne della provincia di Messina all'inizio dello scorso Giugno, ancora una volta perpetrato da un connazionale. Ed ancora: ad Olbia. Lo scorso Marzo un quarantenne sardo approfitta sessualmente di una ragazzina di quattordici anni, figlia di un amico.

 

E poi ancora i tanti, troppi casi di abuso su minori e casi di violenza sulle donne che, come solitamente accade, non vengono denunciati e non rientrano cos' nei dati statistici che poi, dovrebbero essere presi a fondamento delle relative comunicazioni da dare – eventualmente – alle cronache.

 

Anche in questo caso l'attenzione, più che essere rivolta alla criticità in se, punta il fascio di luce su quegli episodi che, a seconda dei casi e dei momenti socio politici contingenti, "conviene" utilizzare. In maniera tale che l'opinione pubblica, volga l'attenzione esattamente dalla parte in cui il Sistema nettamente decide si destinare.

 

In questo modo però, non solo non si fanno reali campagne di sensibilizzazione su un tipo di crimine che sconvolge e trascende la stessa umanità intesa come condizione di accettabili e condivisibili azioni all'interno di una stessa Comunità, bensì si realizzano veri e propri progetti di Comunicazione tutti rivolti a far si che, le conseguenti misure cautelative vengano poi approvate all'unanimità.

 

Sempre più, il senso delle cose non è esattamente ciò che la nostra mente suggerisce. I grandi disegni di chi è ai vertici politici, nazionali ed internazionali, possono contare su matite ben temperate dall'omologazione di un concetto condiviso: al di sopra di tutto e tutti, la priorità è quella di controllare le Masse. La cosa stupefacente: le Masse reagiscono esattamente come Sistema impone. Senza alcun dubbio sull'affidabilità di ciò che viene svenduto per trasparenza dei fatti e degli eventi. Occhi che vedono immagini diverse da quelle reali. Orecchie che odono espressioni che non collimano con la realtà. Standardizzazione di menti compresse dal processo di delegittimazione della capacità di discernimento. Opera prima ed ultima. Gli spettatori applaudono.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/01/2020 03:39:18

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -