Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Crisi economica: l’usura sale vertiginosamente

Crisi economica: l’usura sale vertiginosamente
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 23/07/2009

 

 

 

Crisi Economica. Da quando dallo scorso anno, è stata palesata a tutto tondo a livello internazionale, se ne parla ad ogni piè sospinto. Siamo tutti – più o meno – vittime della Crisi. Una minaccia incombente che, man mano ha perso persino i contorni ed i contenuti. Crisi Economica. Generico concetto che non ha più ne cause ne ragioni. Esiste. Spesso non si sa spiegare cosa sia e da cosa derivi.

 

La tocchiamo con mano, nel momento in cui – ad esempio – ci accorgiamo di aver cambiato il nostro consueto stile di vita. Quando chi prima arrivava tranquillamente alla fine del mese, si vede arrancare alla seconda settimana. La si vede nella sua eclatante realtà, quando i numeri statistici di precari e cassa integrati salgono più in alto della cima dell'Everest. E quando cerchiamo di interpretare i messaggi dei personaggi politici, che ora veicolano l'attenzione su una ripresa improvvisa, ora fanno scendere nella disperazione per una rinnovata presa di coscienza di una crisi che non conosce soste.

 

I dati confermano l'eccezionalità e gravità di una crisi economica che forse supera di una spanna lo storico crollo del 1929. Dal mondo politico, provvedimenti anticrisi che fanno storcere la bocca a chi abbia avuto la pazienza di legger tutto il contenuto del Disegno di Legge. Ricordo ad esempio, l'art. 32 comma 7 che decreta un abbassamento da 8.000 a 5.000 euro del tetto per cui Equitalia s.p.a. potrà mettere l'immobile di un contribuente debitore in ipoteca. Effetti antidemocratici delle Leggi contenitore, che al loro interno conservano una serie di manovre che procurano grandi perplessità.

 

I dati comunicati alla popolazione, spesso sono indecifrabili. La maggior parte dei cittadini non ha chiaro nemmeno il significato del P.I.L. (Prodotto Interno Lordo) e di che tipo di influenza abbia sull'economia del Paese e sui cittadini.

 

La realtà della popolazione, è tracciata da altri elementi. Quelli della quotidianità, di cui quasi nessuno parla. Stipendi non conformi al costo della vita. Pensioni che non supportano gli ex lavoratori. Tagli ai comparti delle fasce deboli, come ad esempio gli anziani ed i disabili. Una pressione fiscale incredibile contro il piccolo contribuente. Un sistema bancario sostenuto fortemente dai governi, ma che non ritorna nulla alla cittadinanza in ordine di accesso al credito.

 

Proprio sull'accesso al credito sempre più spesso negato dalle banche ai cittadini ed alle piccole e medie imprese, esistono dati sconcertanti, volutamente tenuti all'oscuro dell'opinione pubblica. Sono dati che parlano di denaro. Di percentuali. Di interessi. Sono i dati relativi all'usura. Canale oscuro generosamente sostenuto anche "grazie" al diniego delle banche ad elargire sconfinamenti e fidi a chi necessiti di un po' di respiro, in un periodo storico così allarmante per l'economia nazionale e non solo.

 

L'usura è una realtà pesante nel nostro Paese. Uno dei canali più redditizi di ogni organizzazione malavitosa. Ma anche di molti privati cittadini che si "organizzano" per trarre enormi vantaggi economici dai prestiti facili e poi resi drammaticamente non restituibili grazie a tassi di interesse da incubo.

 

Nell'ultimo anno, la percentuale delle persone che sono dovute ricorrere all'usuraio di turno, è salita a circa il 70%. Ma il dato più allarmante è relativo ai primi sei mesi del 2009: l'indebitamento per ogni nucleo familiare, è cresciuto oltre l'80%.

 

Un esercito di debitori, che generano e fortificano un sottobosco economico con un volume di affari che da solo, forse appianerebbe il debito pubblico per i prossimo anni. Peraltro, sono realmente pochissime le persone che si spingono a denunciare i propri usurai. Il rapporto di dipendenza e di paura che si crea, non lascia spazio alla trasparenza.

 

L'usura è un male ben conosciuto. Ma è un male che deve trovare conforto in misure preventive che rilascino la possibilità di accesso al credito agevolato, almeno nei confronti di chi – palesemente – ne abbia necessità per motivi legati alla crisi imperante.

 

Ancora una volta, parlarne è un bene. Riflettere un diritto. Fare un dovere. Di tutti.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 30/09/2020 14:10:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -