Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Catastrofi Naturali  
Abruzzo: la psiche degli sfollati fra il

Abruzzo: la psiche degli sfollati fra il "prima" ed il "dopo" terremoto.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 07/08/2009 15:51:00

 
 
Relativamente all'Abruzzo, c'è una tematica di cui nessuno ha mai parlato. E' l'aspetto psicologico dei terremotati. Circa settantamila persone che, da quel sei Aprile hanno subito gli strappi strutturali, fisici e dell'anima concentrati su un livello di paura estrema che non trova quiete.

 

Il terrore della morte. Il terrore della scossa. Il terrore che entra nelle vene e passa per tutte le cellule senza più fermarsi ne fuoriuscire. Il terrore. Allo stato puro. Per un qualcosa che non si può controllare ne arginare ne tanto meno prevedere ancora.
 

Ed è un terrore che non può finire, in quanto la terra non si è più fermata. Alla scossa tremenda ed omicida si sono susseguite e continuano a perpetuarsi altre scosse. Quotidianamente. Come poter quindi dimenticare? Cancellare l'orrore? Il senso di paura estrema?

 

Il terreno che crolla letteralmente sotto i piedi. E le macerie sopra le teste ed i corpi frantumati sotto il peso del sisma. Qualcosa che non può esser messo da parte. Minimizzato. Metabolizzato. Oltretutto, la condizione di sfollato, la cessazione in molti casi dello stato lavorativo, le lunghe giornate passate nelle tendopoli, in condizioni spesso disagiate, non aiutano nessuno ad iniziare un processo di ristabilimento psicologico. Tutto sembra remare contro un ritorno alla normalità mentale.

 

La vita in tenda, perpetua i ricordi. Di case sfasciate. Di gente scomparsa. Di agonia e perdita di qualsiasi punto di riferimento così necessario all'Essere Umano per poter continuare a vivere. Ci sono persone che non dormono di notte pur vivendo in tenda. Altre, ospitate nelle strutture alberghiere – ancora per poco peraltro, vista la messa in opera del Decreto case per l'Abruzzo – tengono le porte delle camere aperte, dormono con un occhio aperto e la mente continuamente all'erta quasi a voler controllare ogni più piccolo rumore anomalo, pronti per fuggire.

 

Tanti, non hanno più avuto il coraggio di tornare una sola volta nelle case, nemmeno in quelle meno danneggiate. Dalla paura non si può scappare. Specialmente se si continua a vivere nello stesso territorio che ci ha traditi e che continua a far sentire la propria energia dal sottosuolo.

 

Nelle tendopoli alcuni staff di psicologi prestano le loro consulenze. L'organizzazione internazionale Medici Senza Frontiere è scesa in campo fin da subito, con i suoi medici e gli psicologi, a tentare di supportare per quanto possibile la situazione. La gente parla di se e delle sue paure. Si confronta con gli altri sfollati. Emergono ferite su ferite, tormenti dell'anima, immagini che la mente non riesce a cancellare.

 

L'agonia si perpetua. Nessuno è più lo stesso di quel prima che sembra già così lontano. Nessuno tornerà ad essere la stessa persona. Ora c'è un "prima" ed un "dopo". Sarà così per sempre. Non servirà parlare. Appoggiarsi a qualcuno. Non sarà possibile lavare via la paura e tornare a vivere come sempre. E' accaduto ed è stato troppo terribile. Ci sono pensieri e sensazioni che non passano, specialmente quando coinvolgono nello stesso tema tante persone. Che sono li, a guardarsi e ricordare tutti insieme gli stessi ricordi. Non aiuterà nessuno a recuperare del tutto, perché ognuno dei 70.000 sfollati è testimone e vittima della stessa sciagura.

 

Forse, se la terra si fosse acquietata, il recupero mentale sarebbe potuto un giorno avvenire. Ma l'Abruzzo è territorio di fermenti sismici da sempre. E piuttosto che rientrare la fase di assestamento sembra non avere controllo alcuno. La dignità perplessa di questa gente, non ha ancora sortito grandi urla e gesti di disperazione e malcontento. Forse, un urlo globale potrebbe far fuoriuscire quel male appiccicoso che ha reso tutti virulenti e malati di disperazione.

 

Un urlo che possa far tornare una nuova voglia di esistere ancora. Per non morire ancora ogni giorno.


L'articolo ha ricevuto 15792 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/09/2019 09:59:31

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Catastrofi Naturali

Autore: Redazione Attualita'
Data: 31/10/2017 06:43:37
Scuole e terremoto -  Save the Children: 4,5 milioni di studenti vivono in aree ad alto pericolo sis

L’Organizzazione lancia una petizione per mettere in sicurezza gli istituti scolastici nelle zone più a rischio

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Attualita'
Data: 17/08/2015 11:48:28
Meteo: arriva il ciclone Troy. Temperature in ribasso

Stanchi di soppoprtare il caldo tropicale? Tranquilli: il Meteo.it assicura che è in arrivo un peggioramento delle condizioni climatiche e questo a causa di Troy, il ciclone in arrivo sull'Italia e che porrà fine alle temperature calde e afose che hanno caratterizzato l'Estate 2015.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 14/08/2015 14:46:17
Summer Storm: arriva la burrasca su tutta l'Italia. Crollano le temperature

Summer Storm porterà un crollo delle temperature massime che arriveranno a 22° su buona parte della penisola. 

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Attualita'
Data: 16/07/2015 10:29:10
Tornado in Veneto e altri strani eventi: dietro le quinte lobby come il Bilderberg

“È palese che ci sia qualcuno che orienti le cose, sia dal punto di vista economico, che climatico, che di gestione del pianeta. È tutto molto strano: in Veneto non avevo mai visto fenomeni di questo tipo. Ai tropici o negli Usa, sì; ma qui no. Può essere il cambiamento climatico; ma può essere sicuramente che qualcuno metta qualcosa apposta nell'aria...”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -