Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Abruzzo: uccisi (per la seconda volta) dalla burocrazia

Abruzzo: uccisi (per la seconda volta) dalla burocrazia
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 26/10/2009

 (Video: le prime nevicate nelle tendopoli)

 

 

 

Ci avviciniamo al settimo mese dopo il sisma in Abruzzo. Di cose se ne sono dette e scritte tante. Si è parlato dello stato di allarme subito dopo il sisma. Dei soccorsi. Dei morti. Delle tendopoli. Della condizione dei terremotati, fisica, logistica e psicologica. E poi, del Decreto 39 per la ricostruzione ed i tanti equivoci e mancati chiarimenti per la ricostruzione. E delle inchieste – sembra insabbiate – sugli eventuali colpevoli delle costruzioni di molti edifici pubblici.

 

C'è stato il G8. Le polemiche. La rabbia degli abruzzesi. Poi, l'inizio di una lenta ricostruzione. Gli appalti dati ad altre imprese, in altre regioni. Le prime casette consegnate, con un po' di confusione su chi le abbia realmente costruite e regalate.

 

Polemiche. Tragedia. Indignazione. Dignità. Stanchezza. E caldo. E poi freddo. E la pioggia nelle tendopoli e lentamente i Media che parlano d'altro: altri morti, altre scandalose situazioni.

 

Sono ancora migliaia le persone che vivono nelle tendopoli. Alcuni stanno già abitando nelle prime casette di legno. Molti, stanno aspettando la lunga fila per l'assegnazione dei prossimi alloggi.

 

Il commercio è praticamente bloccato. L'economia – ovviamente – pure. Lavoro non ce n'è. Soldi? Neppure.

 

Ma in tutto questo bailamme, cala la mannaia di una realtà conosciuta nel nostro Paese. Che non guarda in faccia mai nessuno. Che scompiglia ogni logica. Che non sente e non vede ragioni: la burocrazia.

 

Quel meccanismo che tiene il nostro Paese soggiogato da un Sistema che blocca invece di sviluppare. Che tormenta ogni azioni pubblica dei cittadini. Che semina rabbia e sgomento ogni qual volta ci si rende conto di come sia difficile fare ogni cosa. Lentezza che – in alcuni casi – diviene invece rigorosa precisione. Ed investe come una tormenta chi è già stato investito, corpo ed anima.

 

La burocrazia non fa sconti a nessuno. Nemmeno ai tormentati abruzzesi. Che si sono visti – in questi giorni – recapitare bollette del Gas dall'Enel per il periodo Aprile/Giugno. Esattamente il periodo in cui ha inizio questa Odissea nazionale. L'Enel comunica – solo in un secondo momento – che le richieste inviate sono frutto di un "errore". Peccato dover constatare che solo "dopo" si risale ad un granello nell'ingranaggio arrugginito del Sistema.

 

E che dire delle bollette della Telecom? Addirittura il call center dell'Azienda ha contattato molte famiglie dell'Aquila e dintorni per "spiegare la motivazione degli importi salatissimi delle ultime bollette"

 

E si rimane senza parole, di fronte a quell'Assicurazione che ha inviato un'ingiunzione di pagamento ad una famiglia di terremotati che hanno subito il crollo dell'appartamento e l'auto totalmente sotterrata dalle macerie. Per l'Assicurazione in questione, la famiglia proprietaria della vettura perduta avrebbe dovuto ben pensare di fare qualsiasi cosa per recuperare la targa della macchina: che diamine, scavare con le unghie fra le macerie si poteva, per non incorrere in penali ed ingiunzioni!

 

Insomma, si rimane sgomenti. Atterriti. Stupefatti. Indignati.

 

La macchina del Sistema continua a macinare vittime. Gocce di vita umana prostituite al grande idolo Denaro.

 

Nessuna comprensione. Nessuno sconto. Nessuna umanità. Solo ed esclusivamente, richieste che sempre più spesso hanno il sapore del genocidio piuttosto che di una Comunità di esseri umani.

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/01/2020 23:44:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -