Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Sopravvivere alla Libertà di esistere.

Sopravvivere alla Libertà di esistere.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 09/11/2009

 

 

 

Il Digitale Terrestre. Le medicine per curare ipotetiche malattie future. La connessione web 24 ore al giorno. E poi ancora, le vetture, la moda, i modi, i posti, i mobili: tutto griffato. La sfrenata ricerca di mercati da ampliare da parte di un Sistema teso solo a fagocitare qualsiasi cosa abbia il sapore di Umano. Servizi da spacciare per innovativi. Imposizioni di nuovi acquisti.

 
Che si voglia o meno. La crisi economica internazionale, impallidisce di fronte a tanta sfrenata volontà di ottenere nuovi acquirenti e nuove sezioni di mercato.

 

Se da un lato si ammette la scarsa capacità di acquisto, dall'altra si impone. L'acquisto di qualsiasi cosa. Spese rese improrogabili da una tendenza al consumismo che non conosce ostacoli, se non mentali.

 

Stiamo vivendo una realtà contraddittoria e continuamente contraddetta dai dati statistici. Da un lato siamo una nazione di poveri e cassaintegrati. Dall'altro una nazione di fagocitatori di ogni bene o servizio. Non possiamo fare a meno di nulla. E chi non è realmente in grado di soddisfare la fame bulimica da acquisto, sente su di se una sorta di fallimento sociale.

 

Ma la domanda da porsi – crisi o meno – è: abbiamo necessità di essere un granello di sabbia nella macina del mercato globale? E' reale l'affezione all'acquisto? Siamo suscettibili di un criterio personale ogni qual volta ci preme dentro, urgente ed assoluto, un bisogno di avere?

 

Non esattamente. I criteri di scelta negli esseri umani, sono ormai da tempo immemore il risultato di una serie di studi e dinamiche che sono assolutamente tesi ad organizzare, in maniera occulta, la capacità dei singoli di operare una scelta che "appare" personale.

 

Nulla di ciò che sembra indispensabile, lo è nella realtà. Persino ciò che crediamo un'intima risposta, una scelta personale: tutto è frutto di delicati equilibri strategici che marcano indelebilmente l'individualità degli Esseri.

 

Scegliamo un colore non per tendenza personale, ma perché qualcosa di esterno, nel tempo, ha amplificato in noi un messaggio teso ad individuare come desiderabile ciò che scegliamo. E così accade per ogni cosa che debba e possa essere posseduta tramite l'acquisto.

 

Nella realtà dei fatti, tutto ciò che viene proposto – o almeno in larga parte – non ha necessità di essere…desiderato. Se ne potrebbe allegramente fare a meno, scoprendo peraltro un percorso di vita tendenzialmente più "sano" e centrato.

 

Noi non siamo ciò che indossiamo. Ciò di cui ci contorniamo. Ciò che palesa appartenenza ad una classe sociale rispetto ad un'altra. Noi siamo altro. Qualcosa di cui si perde il senso. Difficile da raggiungere, come la stessa libertà di opinione, che quotidin'anamente viene costretta e gestita da altre opinioni, al di fuori di noi.

 

Il Consumismo è una regola del gioco di Sistema. Un palcoscenico ove quotidianamente gli individui giocano la loro parte: quella di teatranti attaccati ad orpelli tesi solo a dimostrare qualcosa. Ricchezza, appartenenza, possibilità. Eppure, nulla di tutto questo è parte integrante dell'animo umano. Lo diviene nel momento in cui si inizia a trascurare se stessi, troppo presi da un altro ingranaggio del Sistema: quello dell'apparenza del fare.

 

Il correre sfrenato verso qualcosa: orari, tempi, interazioni sociali. Tutto falso eppure reso indispensabile non da noi stessi, bensì da chi detiene il controllo su larga scala di esseri umani, resi molecole impazzite verso qualsiasi strada che non sia se stesso.

 

Si rende così "necessario" esistere in quanto…inesistenti. Non più acoltatori di ciò che sorge dal nostro essere, ma applicatori di regole imposte. Eccoci correre verso un traguardo che non giungerà mai, perché chi muove i fili sa come – sapientemente – spostare l'asse un po' più in la, ogni qualvolta pensiamo di vederne i confini.

 

E' necessaria una volontà incredibile per ristabilire un ordine nel disordine impazzito di un vivere che è ormai trascendente il codice umano. E' necessario ritrovare la consapevolezza di ciò che ci fa bene realmente. Ed è necessario un processo di involuzione che per molti può apparire una stramberia e che eppure è alla base di una coscienza a dimensione umana: ritrovare i propri tempi, la propria interiorità, le reali necessità di ognuno: ecco, questo può apparire – inizialmente – l'ostacolo più forte.

 

Eppure, ciò che se ne ricava – quasi magicamente – è una condizione che, se raggiunta, può cambiare del tutto un'esistenza intera. Incredibilmente ed in maniera del tutto contraddittoria, l'Essere Umano è convinto di vivere meglio nel male. Riduce se stesso a pedina mossa ora in un verso ora nell'altro. E teme.

 

Teme di poter risvegliarsi senza più gli eccessi, le corse, le imposizioni. Libero. E nella totale mancanza di saper gestire una libertà così grande, come quella di Esistere.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/01/2020 23:44:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -