Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Il valore delle cose? E' solo un concetto umano.

Il valore delle cose? E' solo un concetto umano.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 15/11/2009

 (Video: periferie di Napoli)

 

 

Viviamo tutti in un mondo virtuale. Che incredibilmente non è quello del Web. No, il Web attualmente diviene molto più concreto, per contenuti ed aspettative, di quanto si viva nella cosiddetta "vita reale".

 

I Social network oggi sono punto di incontro di persone vere, scambi professionali e nascita di nuove amicizie. Legami ora possibili, dopo i primi anni in cui si temeva di incappare in qualche "mostro" sotto falso nome.

 

Sui Social network, si passano anche molte ore al giorno. A casa, al lavoro in viaggio. Un occhio alla mail e l'altro a commentare l'amico di turno. Un perfetto sincronismo fra reale e virtuale che si fonde in un tutt'uno.

 

Ma cosa accade poi, quando ci si disconnette dal Web. Quando restiamo soli con noi stessi, o al più con intorno quelle poche persone che conoscono il nostro viso, oltre che il nostro nome su un profilo web?

 

Accade che, riflettendo su determinati valori umani, si possa scoprire come molta della realtà così intesa nasconde invece una truffa. Un sortilegio. Una contraddizione. Valori sparpagliati per volere dell'uomo. E di criteri – del tutto umani - stabiliti dalla Comunità, piuttosto che da un valore preciso ed inequivocabile.

 

Così come il denaro è un valore ormai del tutto nominale, che raggiunge un valore "reale" nel momento in cui tutti lo accettiamo in pagamento di beni e servizi, così molti ambiti dell'esistenza di pari passo assumono più o meno valore. Ma la decisione è dell'uomo. Che determina cosa e perché, debba avere maggior valore.

 

Provate ad immaginare. Una città qualsiasi. Solitamente il Centro Storico rappresenta la parte Vip della località in questione. Case di maggior valore, e così i negozi ed i bar ed i costi da sostenere per viverci o transitarvi. L'Asso Bar ad esempio – organizzazione che gestisce e controlla tutto ciò che riguarda i Bar in Italia – stabilisce tariffe differenziate per il costo delle bevande e degli alimenti somministrati.

 

Se in periferia oggi un caffè si paga 70 centesimi di euro, ecco che lo stesso caffè in Centro si paga anche oltre il doppio. I motivi ci sono: maggiori spese di gestione – come ad esempio l'affitto del locale - e solitamente maggiori spese anche per l'acquisto ed il relativo pagamento delle stigliature che saranno senz'altro più adatte all'ambiente circostante.

 

Ma provate a fare un esperimento mentale. Prendete – in qualsiasi città vi troviate – la zona più In, quella considerata prestigiosa. Fate finta che sia possibile per magia, trasportarla in un attimo nella zona più periferica. Si conserva così il nome della zona ma essa viene delocalizzata in quella che mentalmente per tutti è invece una zona considerata "popolare".

 

Dopo un breve periodo di assestamento mentale, di riconsiderazione dei valori intrinsechi, potrebbero accadere due cose. La prima, lentamente la zona spostata in periferia, perderebbe il fascino e l'interesse come zona Vip. Oppure: l'idea del valore di Status, ormai così impresso nei geni umani, sposterebbe nella zona popolare lo status elitario.

 

Insomma, chi determina un valore aggiunto è come sempre, l'Essere umano. Giacché nell'esempio appena formulato, non esiste una vera ragione di "meritocrazia" sociale nel vivere su un pezzo di strada piuttosto che un altro.

 

L'asfalto è lo stesso. Il sole anche. Eppure, l'uomo necessita di determinare differenze. Che non hanno un criterio essenzialmente logico, ma è attribuito in base a parametri del tutto fittizi regolati dagli esseri umani.

 

Se pensate che in una città come Roma, molte località fino a qualche decennio fa erano "Comune di…" ed oggi fanno parte integrante della Città, vi renderete conto appunto di come queste suddivisioni per classi sono del tutto una conseguenza dell'investire di un determinato valore qualcosa che lo ha, solo nell'attimo in cui la mente umana lo decide.

 

Si potrebbe obiettare che, molte zone periferiche in epoche passate sono state edificate – spesso abusivamente – da migranti a volte operai e contadini, che poi hanno sanato a livello edilizio ma confermato la zona come "popolare" ma è un altro discorso.

 

Ciò che accade sempre, è che il criterio dell'uomo stabilisce regole, ambizioni, desideri. E diviene unico parametro di accettabilità a livello comune. Non è una realtà. E' un concetto. Cui tutti si adeguano, senza spendere un secondo di tempo a razionalizzare le fondamenta, non più delle case, ma del rispetto della logica.

 

Comunque tranquilli, domattina tutto sarà al suo posto: zona, status ed anche…le spese da sostenere per vivere. …Era solo un esempio. Per dipanare un po', la matassa di certe convinzioni. Cui molti non sono in grado di liberarsi.


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/01/2020 12:20:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 27/01/2020
Giornalisti e lettori: un matrimonio da salvare

Se davvero vogliamo migliorare la società, torniamo a dialogare, mettiamo da parte le rabbie, le tifoserie, l'ossessione contro le "caste". Almeno un tentativo va fatto. Proviamoci.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -