Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Roman Polansky: un caso di stupro minorile

Roman Polansky: un caso di stupro minorile "sanato" col denaro.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 26/11/2009 12:25:35

(Video: uno spot di Telefono Azzurro contro la violenza sui minori)
 

Mentre in Italia si dibatte fra un Lodo Alfano respinto dalla Corte Costituzionale ed una revisione della Giustizia che molti ravvedono come un ripiego al fallimento del Lodo per proteggere i soliti noti, degna di nota una notizia che giunge dalla Svizzera.

 

Protagonista della vicenda e sulla ribalta per una volta, invece che dietro la telecamera, il famoso regista franco-polacco Roman Polanski. Autore di molti film di successo come "Il pianista" ma ricordato anche per la pessima esperienza che subì circa trent'anni fa, quando alcune persone si intrufolarono in casa sua durante un party, uccidendogli la moglie incinta, l'attrice Sharon Tate.

 

Considerato personaggio sopra le righe, nello stesso periodo Polansky si macchiò di un gravissimo reato: violenza ai danni di una minorenne, Samantha Geiger, che all'epoca partecipò ad una selezione per essere fotografata per la prestigiosa rivista Vogue. Polansky la scelse, ma non solo per le fotografie: la lolita in questione oltre alle luci della ribalta, dovette subire un'efferata serie di violenze di ogni tipo da parte del regista.

 

 

Da allora, la latitanza ha ottenuto lo scopo previsto: rendere libero un personaggio che molti vorrebbero in galera e con le restrizioni del caso. Fino a circa due mesi fa, quando il regista in transito in Svizzera, viene finalmente fermato ed arrestato per la vecchia questione di violenza carnale su minore.

 

Le cronache gli hanno dedicato qualche pagina ma poi, prese da palcoscenici più interessanti, lo hanno relegato nel dimenticatoio.

 

Ma ecco che se ne riparla. Il motivo? L'uscita dalle patrie galere elvetiche "grazie" al pagamento di una cauzione di "appena" 3 milioni di euro. O se preferite, di 4 milioni e mezzo di Franchi Svizzeri. Cifra che gli ha consentito, se non di tornare alla piena libertà, di soggiornare in amena località turistica svizzera in una delle residenze dorate di sua proprietà in regime di arresto domiciliare con il "£regalo" di un braccialetto elettronico intorno al polso, per controllare che non esca dal territorio. Forse il braccialetto in questione è già divenuto un cult. Chissà quanti ne vorrebbero uno…

 

La velocità con cui tutto ciò è avvenuto e la gravità dell'atto compiuto a suo tempo ai danni di una bambina, fanno riflettere su come per chi ha imponenti capacità economiche, tutto sia possibile. Persino calare un velo poco pietoso sui fattacci che, se messi in atto da persone comuni, sortirebbero certamente punizioni esemplari e doverose.

 

Ma il potere del denaro scardina tutto. Convinzioni, ideologie, etica. Il profumo dei soldi cancella infamie, scandali ed intrallazzi. Da sempre. Seda rivolte ed animi. Cancella lacrime e disperazione.

 

E riconverte il Male in Bene. Come se le banconote fossero un magico cancellino che non lascia traccia di episodi che parlano di sangue, vittime, stragi.

 

Si vocifera anche, che la vittima di tale violenza abbia ritirato ogni denuncia ai danni del regista. Si dice che gli sia stata offerta una cifra importante. Voci di corridoio. Nulla di più. Ma se venisse confermata questa voce, avremo garanzia del fatto che, persino il ricordo più brutale trova conforto in un gruzzolo indegno.

 

Il potere dei soldi cancella pure le emozioni. Forse una vittima preferisce sedare il dolore delle ferite a suon di acquisti. Sbrindellato criterio di cura dei fantasmi del passato.

 

Ad ogni buon conto, giustizia fa sempre meno rima con equità. E non solo letteralmente.

 

Finché sarà reso possibile scambiare col denaro una libertà immeritata, non avremo speranza di intravedere un mondo che sappia parlare di democrazia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


L'articolo ha ricevuto 8128 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/08/2019 04:10:29

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 22/08/2019 06:30:10
Rohingya: appello di 61 ONG sul peggioramento della crisi in Myanmar.

Dopo le notizie appena circolate sul possibile rimpatrio accelerato di 3.450 rifugiati Rohingya le ONG chiedono ai governi del Bangladesh e del Myanmar di garantire che qualsiasi processo di rimpatrio avvenga in sicurezza e che sia volontario e dignitoso 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 17/08/2019 07:10:39
Lotta alla droga: l'ascesa del cartello Jalisco Nueva Generación in Messico

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti considera il CJNG come uno dei sei più importanti cartelli del Messico e anche uno dei cinque gruppi criminali transnazionali più pericolosi al mondo.

Leggi l'articolo

Autore: Amy Swearer - Redazione Esteri
Data: 13/08/2019 06:28:19
USA: l'uso delle armi in alcuni casi salva la vita

Sulla scia delle tragiche sparatorie di massa, come quelle avvenute negli ultimi giorni a El Paso, Texas e Dayton, Ohio, è comprensibile che la nazione cerchi risposte.

Leggi l'articolo

Autore: Chris Moore - Redazione Scientifica
Data: 12/08/2019 06:40:43
Cannabis legale: negli USA chi la consuma beve meno alcolici e assume pochi farmaci

I ricercatori hanno intervistato 8.805 consumatori di cannabis di età compresa tra 21 e 64 anni che vivono in uno dei 21 Stati Usa dove la cannabis è legale. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -