Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Influenzati dall’influenza

Influenzati dall’influenza
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 04/12/2009 11:28:51

 (video: un'ipotesi di genocidio (?)

 

 

Il termine "influenza" deriva da una credenza generale che risale ai tempi del Medioevo. Si pensava infatti che la patologia in questione, derivasse da cattive "influenze" astrali. Qualcosa quindi da andare a ricercare fra la superstizione e la magia.

 

Sono dovuti trascorrere molti lustri, prima di giungere ad un concetto puramente scientifico. Pensate che per poter vedere un virus, si è dovuto attendere gli anni '50 ed i primi microscopi elettronici in grado di vedere qualcosa di più piccolo di un batterio.

 

Malgrado poi la presa di coscienza che la patologia non derivasse affatto da strane influenze negative, il nome è rimasto tale e quale.

 

Influenzati dall'influenza, medici e scienziati fin qui hanno prodotto molti studi, parecchi congressi, moltissimi approfondimenti ed anche generato molte contraddizioni, palesi dietro front ed anche molte informazioni a volte contraddittorie.

 

L'influenza da sempre è considerata una malattia poco importante. Secondaria, rispetto ad altre patologie sicuramente più gravi per l'organismo umano. Complice anche il fatto, che spesso viene confusa con il più benevolo raffreddore. Poche persone ancora oggi, sono in grado di definire bene cosa sia l'una e cosa l'altro.

 

Oltretutto, è una patologia che non ha una prescrizione certa per essere debellata. A parte qualche antinfiammatorio e sciroppi se in presenza di tosse, l'influenza si cura stando a riposo.

Lo sappiamo tutti.

 

Andando a ritroso nel tempo, di influenza si è sempre parlato, su per giù. E le dinamiche sono state sempre molto vicine a quelle attuali: anche nel caso della terribile Spagnola del 1918 che fece l'incredibile numero di 25 milioni di morti, stando alle cifre ufficiali, ma che alcuni studiosi dichiararono non poter essere meno di 40 milioni.

 

Caso ancora unico nella storia dell'umanità, si tese a non diramare troppe notizie per non spaventare oltremodo le popolazioni.

 

In pratica: la gente moriva come in un genocidio, ma si cercò di contenere l'evento il più possibile per non generare panico globale. Addirittura, si pensò di organizzare i tanti funerali imponendo che questi fossero il più possibile "anonimi": niente scampanio di campane e cortei. Il tutto per non far avvertire alla popolazione l'incredibile emergenza sanitaria.

 

Altri casi storici, l'Asiatica del 1957, l'influenza di Honk Kong del 1968 e la Russa del 1977.

 

Per quanto concerne l'Asiatica, questa fu la prima pandemia monitorata dall'OMS. Complici le nuove tecnologie nel campo della microscopia, fu possibile studiare approfonditamente e verificare la tendenza pandemia e trarre le prime valutazioni a livello mondiale.

 

Relativamente all'influenza di Honk Kong ed alla Russa invece , i dati relativi ad una eventuale pandemia non sono mai stati confermati effettivamente. Il numero delle vittime fu comunque molto al di sotto di una soglia compatibile col concetto di evento pandemico.

 

In realtà, tranne la terribile "Spagnola", quasi tutte le patologie influenzali dichiarate come pandemiche hanno mai prodotto numeri rilevanti in quanto a decessi. Si è parlato piuttosto di virus più o meno aggressivi, ma nella realtà dei fatti, molti dei decessi sono legati più all'aggravamento di patologie diverse che al virus influenzale in se.

 

Nel corso dei decenni poi, si è teso man mano a far percepire alle popolazioni non tanto il pericolo di ammalarsi di influenza quanto la necessità di prevenire totalmente qualsiasi attacco influenzale.

 

La motivazione appare sempre più palese: le case farmaceutiche guadagnano molto di più con gli eventuali e chiaccherati vaccini che con i farmaci di uso comune per moderare gli effetti della patologia che fin qui molti non avevano nemmeno preso in considerazione. In effetti, da che mondo è mondo, molte persone aggredite da virus influenzali hanno sempre considerato la cosa poco più di una scocciatura.

 

Con le ultime campagne internazionali atte ad informare le nazioni sul pericolo imminente, improrogabile e "forse" certo di contagio, ecco che la percezione delle persone cambia, tramutandosi in necessità assoluta di porre rimedio a qualcosa che "potrebbe capitare". Il vero scandalo in effetti inizia da qui.

 

Provocare una alterazione nella percezione di un qualcosa che ad arte viene proposto come pericoloso.

 

Da qui a convincere intere popolazioni che l'ipotesi di malattia è già di per se agghiacciante, il passo è breve. E tutti a correre a "prevenire" una mera ipotesi.

 

Se poi i vaccini inoculati siano sani, sicuri, senza alcun rischio per la salute, questo ha poca importanza. Bizzarro per quanto assurdo.

 

Eccoci quindi influenzati dall'influenza. Ma non nel senso di aver contratto il virus. Piuttosto nell'aver accettato incondizionatamente l'influenza negativa di un concetto di malattia esasperato più dalla Comunicazione che dai dati certi.

 

Un "successo" eclatante dell'industria farmaceutica internazionale che sta creando nuovi presupposti di malattie basati sulla percezioni di esse e non sulla loro reale esistenza o attitudine ad aggredire l'organismo umano.

 

"Prevenire è meglio che curare". Un vecchio motto che originariamente conservava un concetto diverso. Quello di vivere in una condizione di benessere basata su una alimentazione congrua, un'attività fisica moderata ma costante e senza eccessi nel bere e nel fumare.

 

Oggi è diventato lo slogan di una campagna di marketing. Che oltre a macinare miliardi ogni anno, macina carne umana e la rigetta sul mercato pronta a seguire il trend del momento.

 

Influenzati dall'influenza. Di chi comanda e decide della vite umane.


L'articolo ha ricevuto 9456 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/08/2019 04:31:55

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 22/08/2019 06:30:10
Rohingya: appello di 61 ONG sul peggioramento della crisi in Myanmar.

Dopo le notizie appena circolate sul possibile rimpatrio accelerato di 3.450 rifugiati Rohingya le ONG chiedono ai governi del Bangladesh e del Myanmar di garantire che qualsiasi processo di rimpatrio avvenga in sicurezza e che sia volontario e dignitoso 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 17/08/2019 07:10:39
Lotta alla droga: l'ascesa del cartello Jalisco Nueva Generación in Messico

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti considera il CJNG come uno dei sei più importanti cartelli del Messico e anche uno dei cinque gruppi criminali transnazionali più pericolosi al mondo.

Leggi l'articolo

Autore: Amy Swearer - Redazione Esteri
Data: 13/08/2019 06:28:19
USA: l'uso delle armi in alcuni casi salva la vita

Sulla scia delle tragiche sparatorie di massa, come quelle avvenute negli ultimi giorni a El Paso, Texas e Dayton, Ohio, è comprensibile che la nazione cerchi risposte.

Leggi l'articolo

Autore: Chris Moore - Redazione Scientifica
Data: 12/08/2019 06:40:43
Cannabis legale: negli USA chi la consuma beve meno alcolici e assume pochi farmaci

I ricercatori hanno intervistato 8.805 consumatori di cannabis di età compresa tra 21 e 64 anni che vivono in uno dei 21 Stati Usa dove la cannabis è legale. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -