Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Tartaglia: psicolabile o arrabbiato? E’ la differenza che cambierà lo stato di cose.

Tartaglia: psicolabile o arrabbiato? E’ la differenza che cambierà lo stato di cose.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 20/12/2009

 

Odio o follia? Follia oppure odio? Sull'aggressione al Premier Silvio Berlusconi, un turbinio di informazioni, controinformazioni, dichiarazioni e bizzarrie. La decisione del PdL nell'immediato, è stata quella di dichiarare alla nazione lo stato di seminfermità mentale di Tartaglia, l'Uomo del souvenir scagliato in faccia al Premier.

 

Addirittura, in Tv passa una breve intervista – al citofono (…) – con colui che dovrebbe essere il padre di Tartaglia, che conferma lo stato di psicolabilità del figlio. "Dovrebbe" perché appunto, nessuno l'ha visto in viso. Ed una voce che dichiara al citofono, può lasciar dubbi in giro.

 

Insomma si decida: se è opera di un povero psicolabile eccitato dalla folla che compie un gesto incontrollato, l'odio non ci azzecca un bel nulla. Alcune situazioni possono effettivamente operare in maniera negativa nella mente di una persona che soffra di determinate patologie psico-psichiatriche. La folla. Le grida. Le luci. La confusione… basta tutto questo a far scattare qualcosa nella mente. Un click! Ed il gesto è compiuto.

 

Ma a questo punto, pur col dolore di un atto violento che nessuno di noi accetta, in qualche modo la scusante modera un po' l'accadimento. E lo stesso arresto di Tartaglia, appare contraddittorio se appunto ci troviamo in una situazione di disagio mentale… Come si può incarcerare una persona che soffre magari di depressione, allucinazioni o non sappiamo bene cosa? Ma come: da sempre i veri delinquenti provano in ogni modo a passare per malati psichici proprio per non fare un giorno di galera...

 

Se invece Tartaglia è ben sano di mente – e questo attendiamo che lo dichiari chi di dovere, uno Psichiatra che valuti le condizioni della persona – possiamo tutti semmai riflettere su quello stato di malessere che la nazione sta attraversando. Per un motivo o per l'altro. Ed anche ammesso che un Tartaglia, sano di mente, in un momento particolarmente sfavorevole della sua esistenza decida di "punire" colui che a sua personale convinzione sia responsabile dei propri problemi, ancora una volta non se ne faccia un "affare di Stato" utile a compiere quell'opera di distruzione di tutto ciò e di tutti coloro che manifestano dissenso verso un partito, una persona o un pensiero.

 

In definitiva: si decida. Per un verso o per un altro. Per la follia o per la rabbia. Non possono coesistere ambedue le versioni. Ed anche ammesso che solo la rabbia abbia armato la mano di un cittadino, si smetta di comprendere tutto e tutti in un gesto isolato.

 

Lo si faccia per coerenza. Per la Nazione. Per la Comunità. Per lo stesso PdL, che sta rischiando che questa storia divenga un boomerang.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 09/12/2019 23:39:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Redazione Cronaca
Data: 25/11/2019
Valeria Grasso, testimone di giustizia: servizio di protezione revocato

La palermitana Valeria Grasso si è ribellata alla legge del pizzo, ha sfidato ed ha fatto arrestare membri del Clan Madonia.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 16/11/2019
Venezia: da allerta rosso ad arancione, ma i rischi permangono

La classificazione del fenomeno è sul livello medio sostenuto, che corrisponde al codice allerta arancio, quindi minore rispetto agli ultimi tre giorni. 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 13/11/2019
Venezia choc: acqua alta da record. Un uomo è morto fulminato

Un vento di scirocco che correva a 100 chilometri orari e la paurosa soglia dei 190 centimetri sul medio mare: Venezia ha seriamente rischiato di colare a picco.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 09/11/2019
Alessandria: arrestato il proprietario della cascina esplosa a Quargnento

Giovanni Vincenti ha le proprie responsabilità nell'esplosione della cascina, dopo il ritrovamento del manuale di istruzione del timer utilizzato per innescare le bombole di gas

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -