Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Haiti: il dramma del “dopo”.

Haiti: il dramma del “dopo”.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 22/01/2010 10:59:16

 

 

Circa un milione di persone senza tetto. I morti? Si calcola che dovrebbero essere circa 75.000.
 

E centinaia i bambini a cui vengono amputati gli arti. Perché non a tutti è stato possibile dare soccorso immediato. E le ferite diventano cancrena. Come l'orrore di una sciagura che anche stavolta non ha dato preavviso: il sisma giunge all'improvviso. Distrugge tutto. Uccide. Ammala. Ruba quel poco di cose messe insieme in una vita. Strappa bambole di pezza a bambini che non diventeranno adulti.

 

Il terremoto di Haiti ha tante facce. Quelle della popolazione rimasta viva. Quella dei morti: accatastati uno sopra l'altro ai margini delle strade. Quella dei soccorritori, che a dieci giorni dal terremoto, vogliono continuare a scavare, con la speranza di trovare qualche sopravvissuto: è inaccettabile tutto questo odore di morte e terrore e disperazione. Persino a chi è avvezzo a correre per aiutare nei momenti di autentica necessità.

 

C'è anche la faccia delle nazioni che subito hanno iniziato a programmare i soccorsi. E c'è quella delle organizzazioni umanitarie: sempre allerta sì da far scattare in maniera immediata i soccorsi in caso di disgrazie.

 

La morte ed il dolore sono un mistero per ognuno di noi. E quando arrivano all'improvviso, il boato fragoroso che provocano nell'anima non ha pari. Ci si può abituare all'idea della morte e della malattia, se ci è dato il tempo necessario a sviluppare una forma di accettazione. Ma così no. Così è troppo. Così è spaventoso.

 

All'improvviso, in pochi secondi, ciò che era non è più. Il sorriso appena sentito, ammutolito in un rantolo di morte. Le facce che avevi davanti agli occhi, spazzate via senza alcuna possibilità di aggrapparvisi anche solo per un minuto ancora. Non si riesce a comprendere bene se è meglio per i morti o per coloro che rimangono in vita, la vita che verrà dopo. Nessuno potrà mai più dimenticare l'orrore. La pena. Il dolore. Il sangue. Le ferite in cancrena. La negazione del domani. I ricordi cui tutti si aggrapperanno ogni giorno per non veder scolorire facce e luoghi ed abitudini.

 

Come sempre accade in frangenti come questo, i primi tempi sono quelli delle necessità immediate. I soccorsi. Gli aiuti. Le risorse idriche ed alimentari. E' stato necessario aprire tre scali aerei oltre a quello esistente: tonnellate di generi alimentari sono rimasti ammassati nell'aeroporto di Port-au-Prince. Non si riesce a controllare e gestire gli afflussi e la distribuzione. La gente muore anche di fame, dopo la tragedia immane.

 

Sarà il dopo, il momento peggiore. Quando con il passare del tempo i morti saranno stati seppelliti. Le strade saranno un ammasso di macerie. I nuclei familiari verranno ricomposti. E ci si accorgerà davvero di chi non c'è più. Di quanto si sia perso. Di come tutto sia accaduto in un attimo. Di come nessuno poteva farci nulla. Ecco: questa è la cosa peggiore che si possa vivere. L'assoluta consapevolezza che nessuno avrebbe potuto far qualcosa per non far accadere una cosa tanto grave. Questo sarà il momento terribile. La vera tragedia. A cui nessuno pensa mai, perché si crede che il "lavoro" reale in questi casi, siano i soccorsi tempestivi e quindi, l'immediato.

 

Ma ciò che resta "dopo" è il vero dramma: la consapevolezza di ciò che è accaduto. Ed il doversi risvegliare una mattina rendendosi conto che la vita non sarà mai più la stessa. Non si sentiranno più le voci e non si vedranno più i visi, spazzati via da un colpo di terremoto brutale che con il tremito della terra avverte ogni essere umano, quanto sia poca cosa una cosa immensa come la Vita.

 

 

 


L'articolo ha ricevuto 9136 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/08/2019 13:10:09

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 17/08/2019 07:10:39
Lotta alla droga: l'ascesa del cartello Jalisco Nueva Generación in Messico

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti considera il CJNG come uno dei sei più importanti cartelli del Messico e anche uno dei cinque gruppi criminali transnazionali più pericolosi al mondo.

Leggi l'articolo

Autore: Amy Swearer - Redazione Esteri
Data: 13/08/2019 06:28:19
USA: l'uso delle armi in alcuni casi salva la vita

Sulla scia delle tragiche sparatorie di massa, come quelle avvenute negli ultimi giorni a El Paso, Texas e Dayton, Ohio, è comprensibile che la nazione cerchi risposte.

Leggi l'articolo

Autore: Chris Moore - Redazione Scientifica
Data: 12/08/2019 06:40:43
Cannabis legale: negli USA chi la consuma beve meno alcolici e assume pochi farmaci

I ricercatori hanno intervistato 8.805 consumatori di cannabis di età compresa tra 21 e 64 anni che vivono in uno dei 21 Stati Usa dove la cannabis è legale. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 09/08/2019 06:14:47
Stati Uniti: più armi che abitanti

Dopo ogni strage, il dibattito in Usa si concentra sull'accesso, decisamente facile, al mercato delle armi. Nel mondo ci sono solo tre Paesi, uno dei quali sono appunto gli Usa, in cui il diritto a possedere armi per l'autodifesa e' protetto dalla Costituzione.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -