Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Fini, Berlusconi & Co: come ti acchiappo tutta la nazione...

Fini, Berlusconi & Co: come ti acchiappo tutta la nazione...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 06/05/2010

 

Accesi dibattiti riempiono in queste ore testate giornalistiche e trasmissioni televisive.
 

Da un lato una delle ultime "scoperte" di qualche speculazione stavolta – pare – per opera dell'ormai dimesso Ministro Scajola. Dall'altra il tormentone della "divisione" idealistica e politica fra Berlusconi ed il Presidente della Camera Gianfranco Fini.

 

C'è chi parla di un Fini in edizione riveduta e corretta di una qualche nuova tipologia di Sinistra. C'è chi parla di profonda divisione per argomentazioni del tutto personali e che esulano dal contenuto prettamente politico. C'è chi pensa di averci capito qualcosa. Chi non ci capisce niente. Chi, stufo di non capirci nulla dopo aver pensato di aver capito tutto, chiude il quotidiano nazionale che aveva in mano, cambia canale televisivo e dal dibattito politico si lancia alla visione dell'ultimo reality che propina la programmazione del momento.

 

Intanto, negli ambienti politici c'è fermento. Tanto fermento. Tanto al punto da non parlar più di politica ma una volta di più di attacchi, contro attacchi, piagnistei, dimissioni, allontanamenti, baruffe. Un pò come quando andavamo alle elementari, e l'ambiente scolastico si trasformava per noi, piccoli adulti in divenire, nella piazza pubblica della vita che avremmo vissuto: ricordate i calci dati per un amerendina rubata, una gomma per cancellare più bella o le trecce tirate per una bambola non posseduta? Ecco: è lo stesso.

 

Non cambia nulla di quel periodo che sarebbe dovuto servire a crescere. I comportamenti di chi dirige la nazione sono pressochè gli stessi.

 

...Ma siamo proprio sicuri che nei palazzi del Potere si litighi, ci si aggredisca, si dividano strade e percoirsi politici e ci si odi al punto da darne spettacolo fino alle parolacce ad ogni piè sospinto?

 

Personalmente credo di no. Ho visto politici azzannarsi a telecamere accese per abbandonarsi poi in abbracci e pacche sulle spalle a telecamere spente.

 

E poi, proviamo a ragionare.

 

La Sinistra in Italia è stata del tutto tranciata. Ci si è riusciti con un lavoro di cesello compiuto nell'ultima manciatina di anni. Perchè è stato fatto? Perchè gli ultimi passionari della Sinistra, rappresentavano un brandello di passione politica che infastidiva Destra e nuova Destra.

 

Così, si è scelto e deciso di farne a meno. Si è creato un Partito Democratico del tutto fittizzio se seguiamo l'inattività omnia degli utlimi anni, e si è cancellato ogni migliore e peggiore ricordo della Sinistra storica. Via tutto. I cittadini simpatizzanti si riconoscano in qualcos'altro.
 
Ecco quindi che, un canale di persone orfano di partiti e di ideali, pian piano vanno a riempire il Partito Democratico rendendolo – sulla carta – partito si opposizione.

 

Certo, dai oggi e dai domani, per totale mancanza di contenuti ecco che anche l'ultimo dei pensatori coerenti capisce che di contenuti concreti questo partito non ne ha. E comincia a distaccarsi. Cercando affannosamente intorno a se qualcosa o qualcuno che possa esser di supporto alle proprie confusissime idee politiche. E cos atrova? Il nulla.

 

Un nulla fatto proprio di nulla. Un bel niente grande come una casa.

 

Per un pò, il partito di maggioranza, va avanti col "plauso del popolo sovrano": a parole e dati falsati, tutta l'Italia vota PdL. Ma nella realtà dati e preferenze non concordano affatto. Milioni di persone lasciate a se stesse e senza nemmeno l'ombra di un leader di riferimento e di azioni concrete da avallare.

 

Pensa che ti ripensa...Ecco l'exploit di Gianfranco Fini. Creatore con Berlusconi di Forza Italia, ultimo prosecutore di un ideale di Destra fermamente riconosciuto, ecco che all'improvviso si mette a far le bizze e ripudia e rinnega "ideali di plastica" canzoncine/slogan degne della peggiore "La Corrida" ("...meno male che Silvio c'è") e si mette in testa di far "la differenza".

 

Nel giro di alcuni mesi, perfino alcune persone di Sinistra cominciano ad individuare in Fini una qualche parvenza di Sinistra. Nei social network si parla di un Fini comunista, addirittura. Lui va avanti imperterriro, fondando la propria ancora inespressa ribellione al potere assoluto del PdL su discorsi condivisibli da molti: sostegno agli extracomunitari, democrazia, equità sociale, supporto alle fasce deboli... Come non appassionarsi a cotanta "novità di pensiero"?

 

Ecco quindi che, nel giro stretto di pochi mesi, Fini crea una nuova realtà: non si è capito bene quale, ma almeno è nuova.

 

Ora: alzi la mano chi è convinto che Fini e Berlusconi abbiano realmente litigato e siano oltre l'orlo della crisi. Ero certa: tante mani alzate. Ora: alzi la mano chi pensa che, la ribellione di Fini sia in realtà una mossa strategica magistrale per accaparrarsi – tutta intera – la preferenza della nazione. Nemmeno uno che alzi la mano? ...Peccato.

 

Eh si, perchè se riflettete un pò su questa mia riflessione, vi accorgerete che tanto folle non è.

 

Berlusconi rappresenta ancora la maggioranza e conta su un elettorato invidiabile. Bossi ormai è "padrone" del Nord Est della Nazione. Mancava all'appello, quella fetta di elettorato che descrivevo prima: le persone di Sinistra, quelle di Centro, quelle di Destra vera e quelle deluse da un Partito Democratico senza una vera idea, senza progettio e senza voglia di far la rivoluzione per cambiare le sorti del Paese.

 

La soluzione: la mossa strategica da manuale. Un finto strappo fra l'attuale Presidente del Consiglio ed il suo Presidente della Camera. Si "dividono" virtualmente, ma per prendersi tutto il "malloppo": l'Italia.

 

Vi appare folle? Illogico? Impossibile?

 

Possibile...




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/01/2020 18:11:09

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Politica
Data: 22/01/2020
Sardine: al concerto-manifestazione di Bologna partecipa un'indagata del caso Bibbiano

A Bologna, al concerto-manifestazione che era stato organizzato dalla "sardine", si sono presentati altri attivisti provenienti da altre regioni, tra cui Fadia Bassmaji

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/01/2020
E' morto Giampaolo Pansa, il giornalista che mise alla berlina la classe dirigente

Giampaolo Pansa, morto a Roma all'età di 84 anni, ha raccontato con acume la società e la politica italiana, mettendo alla berlina i vizi della classe dirigente

 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/01/2020
Istigazione allo spinello: il rapper Clementino può finire nei guai

Il rapper Clementino potrebbe finire nei guai per alcune frasi sulla droga pronunciate durante il concerto di Capodanno a Nocera Inferiore...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 07/01/2020
Lotteria Italia: Roma provincia leader per la vendita di biglietti

Roma resta la provincia leader nella vendita della Lotteria Italia anche per l’edizione 2019

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -