Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Italia: i soldi ci sono. Ma non per tutti.

Italia: i soldi ci sono. Ma non per tutti.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2010

 

La Nazione Italia, così come le altre Nazioni nel Mondo è una macchina complessa. Si nutre di contributi attraverso l'emissione di crediti da esigere sottoforma di imposte e tasse.

Come ogni grande o piccola organizzazione o impresa, sostiene spese che vanno dalla mera gestione alle spese di amministrazione, come nel caso di servizi esterni e beni materiali di necessità.

 

Nessuno mai ha fornito dati certi sul costo annuale del Paese Italia. Ma si calcola un costo medio di circa 800 miliardi, con un sensibile aumento per quanto riguarda l'anno 2010, pari al 13,5%. Un'enormità che fa salire di 9,5 miliardi il conto appena espresso già agghiacciante, se si considera che nel 2008, si era riusciti a "tirare la cinghia" giungendo ad un "risparmio" del 20% rispetto all'anno precedente.

 

A queste cifre, è necessario aggiungere poi, circa 4 miliardi per il mondo politico ed altri 4 miliardi di costi sostenuti per la Chiesa, che fra circa un miliardo di versamenti per l'8x1000, 650 milioni di stipendi per gli insegnanti di Religione, 700 milioni e passa per le convenzioni su Scuola e Sanità e 250 milioni e passa per l'organizzazione dei Grandi eventi, non ha nulla da invidiare ai costi correnti del settore "dirigenziale" del Paese.

 

In questi conti, rientrano chiaramente anche le migliaia di "pensioni di anzianità di servizio" erogate ai troppi politici di vario livello che in "ben" 35 mesi di "lavoro" si aggiudicano una pensione tutta d'oro.

 

Pensate per caso che queste cifre vengano erogate con un qualche ritardo dato magari dalla crisi che stiamo percorrendo in lungo ed in largo? Nossignore. Spese correnti, riconoscimenti alla Chiesa e compagnia briscola, vengono matematicamente versati con una precisione millimetrica. Da orologiaio.

 

Diverso il discorso invece, quando Stato ed amministrazioni locali giocano il ruolo di "clienti": sono migliaia le imprese che da anni tentano invano di incassare fatture che vengono regolarmente emesse ma mai onorate.

 

Ora: si può accettare che tutto ciò che si deve a pochi eletti venga doverosamente versato con estrema diligenza e che invece quando si tratta di invalidi, pensionati, giovani, cassaintegrati, donne, genitori separati e quant'altro, la solita dirigenza del Paese allarghi le braccia dicendo e ripetendo la solita litania del "Non ci sono fondi..."?

 

Il famoso e tormentoso "debito pubblico" peraltro, è la conseguenza diretta del Signoraggio, quel sofisticato ed indegno meccanismo attraverso il quale la Banca Centrale e lo stesso Stato emettono cartamoneta e moneta, ma lucrando sulla "vendita" al consumo delle stesse.
 
In pratica: Stato e Banca Centrale creano il prodotto moneta. Per farlo poi pagare a prezzo maggiorato: sarebbe il "margine" economico dato dalla vendita del prodotto. Un'eresia.
 

Di cui siamo vittime da tempo immemore.

 

Il denaro si sa, è qualcosa che diviene sempre più virtuale e sempre meno virtuoso. Se si pensa che il suo valore viene confermato solo perchè l'intera comunità – ad esempio – lo accetta come forma di pagamento, ci vuol poco a capire che se tutta la cittadinanza iniziasse ad esigere oro o pietre preziose o beni di valore, il denaro perderebbe in un sol colpo ogni valore pseudo intrinseco, generando il crollo totale del mercato economico e di tutti i meccanismi ad esso collegati.

 

In effetti, avremmo un Potere enorme in mano se tutti ci concentrassimo per ottenere vero valore contro servizi, lavoro e beni.

 

Tornando ora ai costi di politica, amministrazione e Chiesa: possiamo continuare ad accettare che pochi "fortunati" abbiano non solo troppo, ma persino puntualmente? Credo di udire un coro generale gridare "NO".

 

Ebbene: è solo prendendo atto di questa atroce realtà che potremo in qualche modo sperare di sortire un cambiamento. Fateci caso: nessuno mai fa presente questa cosa così palese, ovvia e sotto gli occhi di tutti.

 

Per alcuni i soldi ci sono. Sempre.

 

Per il resto della popolazione, non solo i soldi non ci sono mai, ma addirittura si carica ogni giorno una nuova pressione fiscale, si da render più povero chi già ricco non è.

 

Da riflettere c'è poco. Da fare piuttosto...




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/01/2020 17:43:49

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Politica
Data: 22/01/2020
Sardine: al concerto-manifestazione di Bologna partecipa un'indagata del caso Bibbiano

A Bologna, al concerto-manifestazione che era stato organizzato dalla "sardine", si sono presentati altri attivisti provenienti da altre regioni, tra cui Fadia Bassmaji

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/01/2020
E' morto Giampaolo Pansa, il giornalista che mise alla berlina la classe dirigente

Giampaolo Pansa, morto a Roma all'età di 84 anni, ha raccontato con acume la società e la politica italiana, mettendo alla berlina i vizi della classe dirigente

 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/01/2020
Istigazione allo spinello: il rapper Clementino può finire nei guai

Il rapper Clementino potrebbe finire nei guai per alcune frasi sulla droga pronunciate durante il concerto di Capodanno a Nocera Inferiore...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 07/01/2020
Lotteria Italia: Roma provincia leader per la vendita di biglietti

Roma resta la provincia leader nella vendita della Lotteria Italia anche per l’edizione 2019

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -