Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Occupazione  
Stipendi: chi troppo, chi niente. Ecco i conti.

Stipendi: chi troppo, chi niente. Ecco i conti.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 28/05/2010

 

700.000, sono i posti di lavoro volatilizzati ad oggi, rispetto al primo tremestre 2008. Ci sono da aggiungere migliaia e migliaia di cassaintegrati, il cui dato cresce di mese in mese. Chi ha la "fortuna" di lavorare, in Italia lo fa al minimo degli stipendi. Almeno per ciò che concerne la media europea. La media nazionale, si attesta intorno ai 1.300 euro mensili. Poi, c'è l'enorme canale di chi lavora ma senza garanzie. Quelli dei co.co.co. o delle collaborazioni saltuarie. Stipendi da fame e nessun tipo di sostegno o agevolazione.

 

Questa è la fotografia del nostro Paese. E non ci voleva la crisi per parlarne. Perchè – enormità di cassaintegrati o disoccupati attuali – le condizioni economiche degli stipendi italiani sono al limite dell'accettazione civile.

 

Voltiamo pagina per un momento.

 

15.000 / 17.000 euro mensili. Agevolaizoni di ogni tipo. Diaria per soggiorni a Roma. Spese pagate su tutto ciò che vi viene in mente e persino su ciò a cui non pensereste mai. Sono gli stipendi dei nostri Assessori, Deputati e Consiglieri Regionali.

 

Sapete come viene calcolato lo stipendio di un Parlamentare? Si utilizza come parametro, lo stipendio di un Magistrato che abbia maturato 35 anni di servizio. Ergo: il massimo emolumento possibile, a fronte però – nel caso del Magistrato – di un onesto periodo di tempo professionale.

 

Invece i nostri Parlamentari, non appena vengono eletti. Ricevono ciò che altri hanno dopo una vita di lavoro. Questo, "grazie" ad una Legge del 1965, la 1261/65.

 

Il testo è breve (come accade quando non c'è bisogno di cavillare) ed è incredibile leggere al suo interno, passi del tipo: "all'art. 5: l'indennità mensile e la diaria, non possono essere sequestrate e pignorate".

Nel testo di Legge, all'articolo 7, viene abrogata la precedente Legge di riferimento in materia, la 1102/48 ancora più snella nel contenuto e con cifre riportate all'Economia dell'epoca: 65.000 Lire che per quei tempi era una cifra incredibile.

Appare chiaro quindi, che il costo che da sempre i contruibuenti italiani sostengono per il pagamento degli stipendi delle persone incaricate alla gestione della nazione, è un onere difficile da sostenere. Sopratutto quando – oltretutto – i bilanci dello Stato vengono palesati come in rosso allarmante, ma solo per i cittadini.

Avete mai letto o sentito di una manifestazione di piazza di Parlamentari che recriminano lo stipendio non percepito per mesi? Avete mai avuto notizia di qualche Consigliere Regionale che si lamenti del proprio trattamento economico? No. Impossibile. Perchè in quanto sopra descritto, già aberrante di suo, mancano ancora pò di dati: tutti gli stipendi di tutti i Deputati, Senatori, Consiglieri Regionali più relative diarie ed agevolazioni vengono puntualmente versati ogni mese. In barba e sfregio alla realtà di coloro che – oltretutto – sono la ragione di tutto questo scandaloso andamento: gli elettori.

Gli stipendi peraltro, vengono aumentati di un 10% ogni anno.

Inoltre, costroro possono contare sul trattamento pensionistico dopo appena 35 mesi di attività: c'è da aggiungere altro?

Si parla in queste ore della Manovra finanziaria che dovrebbe rimettere un pò in sesto la nostra preoccupante situazione economica. Nessuno viene lasciato fuori, a parte la Protezione Civile che continuerà allegramente ad accedere ai fondi del Tesoro senza alcun tipo di giustificazione preventiva, come era stato ventilato in un primo tempo.

Il "taglio alle spese della politica" alla luce di quanto appena espresso, appare come una grande truffa: sulla carta c'è scritto che verrà tolto un 10% dagli stipendi dei politici: peccato che – appunto – questi stipendi salgono proprio del 10% ogni anno...

Si stringono le maglie intorno a vari ambiti della vita civile, creando in alcuni casi – addirittura – veti al riconoscimento di Diritti sacrosanti, come nel caso dei disabili – quelli veri – che invece di esssere sostenuti, pagheranno anche per le migliaiai di falsi invalidi che nell'ultimo ventennio hanno cagionato danni economici gravissimi a tutta la Comunità: dal 1° Giugno infatti, coloro che richiederanno visita per invalidità civile o per aggravamento, potranno usufruire del "beneficio economico" – se così si può chiamare un misero assegno di 258,00 € menisli - a patto di giungere ad una percentuale di invalidità pari o superiore all'80%.

Personalmente credo che tutto questo non sia accettabile.

Nel nostro Paese c'è da troppi anni uno stato di confusione fra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Fra ciò che è bene e ciò che è male. Fra ciò che è accettabile e ciò che non lo è.

Lo stesso concetto di "Potere" che da noi ha preso le sembianze di un regime totalitario che non permette repliche a nessuno, va ripensato e riconsiderato alla luce di troppi decenni di Governi che si sono susseguiti al solo scopo di legiferare per cautelare e mantenere una poltrona di prestigio.

Chiedere ora, da parte della cittadinanza, che si applichino percentuali di molto maggiori agli stipendi dorati della Casta, che non si vessi oltremodo chi è già troppo vessato e che si pensi alla Nazione come un bene da cautelare e non un sacco di denaro cui attingere a piene mani è un Diritto / Dovere di tutti noi.

Non fare nulla in questo senso, ci renderà tutti complici di un disastro senza pari.

Pensateci.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 14/08/2022 05:14:54

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Occupazione

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 24/05/2020
Decreto rilancio: approvato il Bonus colf e badanti

Nella precedente versione del decreto, gli importi del sostegno economico erano stati fissati dai 400 ai 600 euro...

Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 10/05/2020
Fase 2, allarme delle imprenditrici: ''Le donne rischiano di essere tagliate fuori''

“Nel dibattito sulla fase due le donne sono del tutto assenti. Il Governo sembra essersi dimenticato di mettere le imprenditrici e le lavoratrici... 

Leggi l'articolo

Autore: Fausta Tagliarini - Redazione Economia
Data: 30/04/2020
Covid-.19: Cassa Dottori Commercialisti: online il bando per contributi agli iscritti

È online da ieri sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 27/04/2020
Settore ristorazione: si rischia il fallimento

Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro. Bar, ristoranti, pizzerie, catering, intrattenimento, per il quale non esiste neanche una data ipotizzata...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -