Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Il mondo va a rotoli? “Calippo e ‘na bira”...

Il mondo va a rotoli? “Calippo e ‘na bira”...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 27/07/2010

 

 
Foto: Emilia Urso Anfuso in uno scatto di Davide Aiello 
"Oltre il Giornalismo"
 

Il mondo tiene il fiato sospeso e l'occhio vigile sul Golfo del Messico per la più incredibile tragedia ambientale ed energetica verificatasi sul globo. Milioni e milioni di barili di petrolio si riversano in mare ogni giorno. La fame nel mondo è attualità mai risolta o tamponata. La crisi economica internazionale fa si che le linee dei grafici vadano su e giù come impazzite.

 

Le risorse alimentari stanno diminuendo minacciosamente. Alcune malattie non hanno cura. I Governi internazionali sono pronti a proporre pandemie omicide, che di omicida hanno solo il criterio col quale vengono propagandate.

 

Ogni anno, milgiaia di persone si suicidano per gravi problemi economici. Anziani vengono trovati morti in casa. Disabili al collasso. Molti picchiati per il divertimento di qualche bestia satanica ancora chiamata essere umano da qualcuno. Donne violentate senza voce ne volontà.

 

Bambini costretti a lavorare fin dalla più tenera età. Pedofilia a go go, ancor più da quando anche la Chiesa è stata costretta a fare una sorta di outing.

 

In Italia corriamo a destra e a manca nella speranza di comprendere da che parte andiamo. Nessun governo stabilisce che i cittadini debbano avere diritto a dignità di vita. Vengono tagliati – come sempre – finanziamenti nei comparti più sensibili e necessari per la Comunità. Vengono invece erogati – come sempre – finanziamenti di cui nessuno parla, spesso e volentieri per agevolare un certo tipo di elettorato (vedi Legge Mancia)

 

La manovra correttiva 2010, tiene ancora tutti col fiato sospeso: ad oggi, nessuna sicurezza che eventuali emendamenti verranno approvati, vedi ad esenpio l'articolo 10 del DDl relativo all'innalzamento dal 74% all'85% della percentuale attraverso la quale un invalido civile ha diritto ad un tozzo di pane mensile pari a 256 euro.

 

In tutto questo – e ce ne sarebbe tanto da aggiungere – in tutto questo, l'Italia, addirittura il mondo, si ferma davanti al monitor di un Pc e clicca febbrilmente sul tormentone dell'estate 2010: "calippo e 'na bira". Dimenticando tragedie, guerre, fame nel mondo, scandali, delinquenza, politica, economia e compagnia briscola.

 

"Calippo e na bira" è il titolo di un video che riprende una intervista di Nicola Veschi per SkyTg24,  sul litorale laziale a prendere testimonianze sul caldo Luglio 2010

 

Il video viene pubblicato su Youtube, ripreso verbalmente dal Trio Medusa, in onda su Radio Deejay ed in brevissimo tempo viene cliccato oltre un milione di volte: un successo incredibile.

I commenti si aggiungono ai commenti. C'è chi parla di trash assoluto. Chi apprezza il video. Chi lo vorrebbe al rogo.

 

Voci di corridoio, riportano che Verdone avrebbe già pensato di rimediare una parte in un suo prossimo film, alla coppia di ragazze protagoniste inconsapevoli del successo estivo 2010...

 

Ora io dico: nulla da ridire sul video. E' ovvio che ad Ostia una ragazza possa parlare semplicemnete l'unica lingua che conosce. Il dialetto stretto. Nessuno può sindacare sul modo di parlare, perchè la stessa intervista fatta in altre località italiane avrebbe sortito lo stesso effetto dialettico.

 

Ma su un punto vorrei soffermarmi.

 

Ho pensato a me stessa. A me, giornalista. Cultrice della cultura. Della lingua italiana. Ma anche di tante cose che avrei voluto poter fare nella vita: recitazione compresa.

 

Ebbene: a parte qualche intervista fattami in occasione di alcuni miei articoli o di un libro che ho scritto, a nessuno è mai venuto in mente di farmi divenire l'astro nascente dei talk show italiani.

 

Eppure, forse per divertimento parteciperei. Magari da opinionista. Ma questo ruolo viene dato piuttosto a "Zì Teresa e a Zì Peppa" anziché che a qualche collega o esperto in qualsiasi cosa di interesse globale.

 

Qiundi, devo riflettere sul fatto che se davvero avessi voluto presenziare in televisione partecipando in pianta stabile ad una qualche trasmissione televisiva seguita dal popolo Italiano, avrei dovuto far ben altro che pensare, ripensare, scrivere, studiare, riflettere e far pensare.

 

Mentre il mondo corre verso scivoloni ancora non ben noti, l'afa estiva crea dal nulla un'altra pietra miliare nel mondo acidulo del trash a tutti i costi. "Calippo e 'na bira" ha già sortito i suoi effetti. Persino brani di musica rap dedicati alle due donzelle villeggianti, ora sono ascoltabili un pò ovunque sul Web.

 

Il successo, sempre più e sempre più spesso, nasce non certo dal merito per aver fatto qualcosa di interessante bensì da un errore, un insulto, uno scherzo. E allora... Al diavolo ogni considerazione socio comportamentale, sapete che vi dico? Se andrò in spiaggia, chiederò anche io "calippo e 'na bira". O magari "Dù fettucce e un quartino". Non si sa mai...

 

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/01/2020 09:22:44

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Karina Garcia Reyes - Redazione Scientifica
Data: 17/01/2020
Droga: 33 ex narcos spiegano le ragioni del fallimento alla lotta alla droga

Le cause del crimine e della violenza in America Latina sono simili. Indipendentemente dal tipo di violenza, traffico di droga, militari, guerriglieri o bande

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/01/2020
Siria nord-occidentale: milioni di sfollati costretti ad affrontare il freddo in condizioni estreme

Intense offensive militari da parte del governo siriano e dei suoi alleati nel sud di Idlib, con bombardamenti sia terrestri che aerei e offensive di terra...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 15/01/2020
Yemen: almeno 78 bambini sono morti a causa della dengue

Il conflitto ha portato il sistema sanitario dello Yemen al collasso e inadatto a fronteggiare l’emergenza

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/01/2020
Haiti 10 anni dopo il terremoto: strutture sanitarie sono sull’orlo del collasso

A 10 anni dal devastante terremoto che colpì Haiti, il sistema sanitario dell’isola caraibica è sull’orlo del collasso. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -