Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
L’età del consenso

L’età del consenso
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 02/11/2010

 (Video: scene tratte dal Film "Lolita" con jeremy Irons)

 

 

Quando si diventa davvero adulti? Cos'è che regola in effetti l'entrata nella società civile di un cittadino minorenne? Quali sono le normative quando si parla di atti sessuali sui minori?

Rispondendo a queste domande, si avrà un panorama più chiaro di molti accadimenti. Molti dei quali accaduti nel nostro Paese.

 

Bisogna sapere intanto che, in Italia, fino all'8 Marzo 1975 la maggiore età si acquisiva a 21 anni.  Da questa data, l'età è scesa a 18 anni. Da ciò si evince che, fino alla metà degli anni '70 nel nostro Paese i genitori esercitavano la cosidetta Patria Podestà fino ad un limite di età che oggi è considerato ridicolo.

 

Eppure, questo limite di età – i 21 anni – che oggi può far pure sorridere qualcuno, era un limite che in molti casi tutelava maggiormente i cosidetti minori da una serie di atti più vicini al mondo più realisticamente adulto. In pratica, si attendeva un congruo numero di anni per decretare che un essere umano fosse davvero in grado di badare a se stesso.

 

L'abbassamento di questa soglia, in molti casi ha generato scompiglio, e non pochi problemi. Nella realtà dei fatti, spesso a 18 anni si dovrebbe essere ancora inclini a seguire lo sviluppo armonico del proprio essere piuttosto che pensare ed agire da adulto vaccinato contro le asperità della vita.

 

Eppure, si sta persino pensando di abbassare la soglia addirittura a 16 anni. Incomprensibilmente per ciò che riguarda il raziocinio. Volendo riflettere in maniera poliedrica, si potrebbe pensare che un maggior numero di "adulti" sul territorio, produrrebbero molto più di un esercito di minori costretti a seguire le norme familiari e le conseguenti scelte di mercato e politiche.

 

C'è poi un punto particolarmente interessante su cui riflettere e da approfondire: il rapporto e le normative che regolamentano i minori in relazione alla vita sessuale.

 

L'abuso sui minori è purtroppo una realtà costante, in tutto il mondo. Persino negli ambienti ecclesiastici è ormai cosa nota che una seppur piccola parte dei componenti della Chiesa si dedica o si è dedicata ad attenzioni particolari su minori.

 

Ma quando si può parlare di abuso e quando un minore ha "diritto" di scelta consenziente ad avere atti sessuali con un adulto o un coetaneo?

 

In Diritto, con la frase "età del consenso", si intendono appunto quelle soglie di età da cui partire per regolamentare gli atti sessuali con e nei confronti di minori. Ho scritto "soglie" al plurale, perchè non esiste in effetti un dato unico per ogni tipologia di evento. E l'età è un dato che subisce notevoli variazioni a seconda della Nazione di cui si parla.

 

In Italia, l'età del consenso è fissata a 14 anni. Ma anche questo è un dato che può subire notevoli variazioni a seconda dell'accadimento e dell'ambito giurudico di cui si deve parlare in occasione di querela nei confronti dell'adulto "abusante".

 

Ad esempio, nel caso in cui uno dei due partner abbia una figura socialmente dominante rispetto al minore, ecco che l'eta del consenso sale dai 14 ai 16 anni. Cosa si intende per "adulto socialmente dominante"? Un adulto che, "grazie" alla propria posizione professionale o istituzionale, pone una pressione maggiore in virtù del proprio potere al fine di acquisire diritto all'atto sessuale.

 

E per quanto riguarda il reato di pedofilia? Riflettendo su quanto detto fino ad ora, tutto sembra prendere pieghe ben diverse dall'idea comune che "pedofilo" sia chiunque abbia o imponga attui sessuali con minori dei diciotto anni.

Si parla di pedofilia quando l'atto sessuale è compiuto su minore dei 14 anni. Reato con aggravante se il minore ha meno di 10 anni.

 

E' ovvio poi, che esistono miriadi di sfaccettature e una poliedrica interpretazione delle stesse normative in atto. Ed in ogni caso, qui parlo di rapporti consenzienti e non certamente di abuso sessuale.

 

Perchè questo approfondimento su una materia così scottante? Perchè a parte una sana Informazione che possa rendere tutti edotti su particolari che non vengono mai messi in rilievo, e sono invece un pezzo di cultura utile per tutti, molti fatti che accadono sul nostro teritorio sono spesso circondati da riflessioni che rischiano di trovare il tempo che trovano se non si conosce abbastanza la materia in senso giuridico.

 

Le cronache nazionali si indignano contro "l'abusatore" di turno, quando palesemente c'è consenso da parte del partner minore ma già in condizione di diritto alla scelta per raggiunti limiti di età. E sarebbe bene poter essere in grado di discernere fra reale abuso e plateale consenso persino a fini economici, ma questa volta da parte del o della minore del caso e non dell'adulto abusatore.

 

L'età del consenso fa si – in una Società sempre più votata alla scalata al successo ed alla ricchezza – che in alcuni casi possano esistere minori già fermamente convinti di sapere ciò che meglio possa fare al proprio caso pur di raggiungere fama e ricchezza. E sempre più spesso, fama e ricchezza, fanno rima con facili costumi.

 

Nulla di nuovo nella Storia dell'Uomo. Sono solo cambiate le metodiche attraverso il quale raggiungere ricchezza e notorietà. Ma nel frattempo, i veri abusi vengono celati da cronache starnazzanti ora su questa ora su quella baby escort, con le idee ben chiare sui propri progetti futuri e su come raggiungerli. E gli abusati reali in questo caso, farebbero volentieri a meno di rapporti sessuali imposti senza nemmeno diritto di replica.

 

Nella civiltà dei settori, esistono minori solo abusati e minori che si fanno "abusare" consensualmente e con le idee ben chiare nel cervello. Essere in grado di discernere sulle notizie sparate a tutta voce, potrà rendere più facile la lettura delle cronache nazionali.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/02/2020 22:05:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 24/02/2020
Coronavirus: la mappa delle chiusure e delle sospensioni nelle grandi città

Il Campidoglio ha deciso di sospendere - a partire da oggi 24 Febbraio - le procedure concorsuali a carattere nazionale che si svolgeranno nel territorio di Roma Capitale a scopo preventivo 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 22/02/2020
Coronavirus: la prima vittima italiana nel padovano

La prima vittima in Italia del coronavirus si chiamava Adriano Trevisan, un pensionato padovano di 78 anni, originario di Monselice e che viveva a Vo' Euganeo.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 20/02/2020
Cerignola (FG): denuncia il figlio tossicodipendente e lo fa arrestare

Esasperata dalle continue richieste di denaro da parte del figlio tossicodipendente, ha trovato il coraggio di denunciarlo, facendolo arrestare.

Leggi l'articolo

Autore: Lucaa Dal Negro - Redazione Politica
Data: 20/02/2020
Re[visione] e riporto alla Politica. Attraverso la Religione (Andata e forse ritorno)

I dati delle dodici consultazioni elettorali in cui la DC fu presente parlano chiaro: dal 1946 al 1992 la media dei voti per i centristi è fissa all'incirca al 35% (!)

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -