Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Quasi quasi baratto... Viaggio - intelligente - nel mondo del riuso

Quasi quasi baratto... Viaggio - intelligente - nel mondo del riuso
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 06/11/2010

 

 

 

Diciamolo: si parla ovunque di crisi economica, ma nessuno che proponga metodi alternativi di sussistenza. Il Welfare inItalia ha fallito qualsiasi tipo di impegno.Il precariato fa ormai parte del nostro tessuto sociale, stracciando articoli della nostra Costituzione come fosse carta straccia.

 

Gli acquisti delle famiglie, continuano a scendere vorticosamente. I desideri materiali si riducono. Persino le famose passeggiate a "vedere le vetrine" sono ormai un lontano e pallido ricordo.

 

Vittime di crisi internazionali e nostrane, eccoci tutti a rifare i conti al centesimo anche dieci volte, per paura di sbagliare. E a depennare voci in bilanci familiari che non potranno mai avere nulla di fasullo. La realtà è davanti agli occhi di tutti, e forse tutti vorremmo che qualcuno ci spiegasse come poter tornare ad una vita meno concentrata sul pensiero del denaro che manca, degli ogetti che non si possono più comprare, di quelle cose a volte desiderate proprio perchè – per assurda contraddizione – ci hanno imposto di far parte di una società civile imperniata sul grande Mercato.

 

Ma a cosa possono servire negozi straripanti di articoli se a fine mese ci si arriva sempre meno?

 

Eppure, un metodo ci sarebbe. Anzi: c'è!

 

Agli albori della civiltà umana, gli scambi di mercato si effettuavano esattamente attraverso lo..Scambio. Io do una cosa a te, tu dai una cosa a me. Ci si accordava per lo scambio e ci si stringeva la mano. Tutto qui.

 

Niente cartamoneta. Niente spiccioli. Meno che mai carte a banda magnetica. Si poteva quindi entrare in possesso del necessario, dando equamente in cambio qualcosa. E l'equità in raltà non era un valore intrinseco, ma fondamentalmnente dettato dalla necessità dell'altro ad ottenere qual particolare bene.

 

Nei secoli, con l'avvento del concetto di "pagamento tramite controvalore in metalli preziosi o lettere di credito" siamo piombati inesorabilmente dentro al pozzo crudele della dipendenza dal denaro, con tutto ciò che ne consegue.

 

Ebbene, io oggi vi consiglio di scoprire il baratto. Si: l'antico, sano, equo baratto. Diversi anni fa, viaggiando all'Estero, notai come in Nazioni come il Belgio o gli Stati Uniti, il baratto fosse una pratica normale. Negozi dedicati solo ed esclusivamente al baratto. Portavi i tuoi oggetti e ne prendevi altri in cambio. Facile come respirare. Nessun esborso di denaro.

 

In pratica, la reale possibilità di rimonetizzare quella imponente collezione di cose di ogni genere che tutti abbiamo in casa spesso senza mai averla utilizzata o solo un pò e poi gettatat li.

In Italia la pratica del baratto è davvero recente. Ed è grazie al web che è possibile poter usufruire di un riuso equo ed anche etico.

 

Molti sono i portali internet che oggi offrono – gratuitamente – la possibilità di iscriversi, pubblicare le propie inserzioni ed attendere offerte o fare a nostra volta proposte di scambio.

Ecco quindi che quei maglioni ancora in ottimo stato che cacciamo fuori ogni anno dagli scatoloni e poi rimessi negli stessi scatoloni a poltrire fino alla fine della stagione, tramuarsi in altri articxoli per noi ghiotti, ma che magari non abbiamo la capacità economica di acquistare.

 

Un sito per tutti – che è anche una Fondazione – http://www.zerorelativo.it/  Mi sono personalmente iscritta, e devo dire che in circa sei mesi di iscrizione ho effettuato oltre 70 scambi tutti particolarmente soddisfacenti. Ho ricambiato buona parte del mio guardaroba, ho acquisito articoli originali per la casa, mi diverto e conosco gente nuova. In alcuni casi, nascono persono nuove amicizie.

 

Le regole da rispettare, sono quelle del buonsenso. Spedisce per primo chi ha meno feedback (sistema che rende la possibilità immediata di capire se una persona è più o meno affidabile) si spiega chiaramente nell'inserzione il reale stato degli articoli messi in scambio, si cerca di utilizzare spedizioni tracciabili, in maniera da poter monitorare tutto l'iter di invio fino alla consegna, a scanso di eventuali soparizioni del pacco stesso. Tutto qui.

 

Ma in questo "tutto qui", c'è un mondo parallelo che ha compreso come in un sol colpo: risparmiare molto, monetizzare articoli stipati in casa che non utuilizziamo più o non abbiamo mai utilizzato, risentire il piacere di avere oggetti nuovi, proprio come andando quotidianamente a fare shopping. Ma con la testa.

 

Se poi vi venisse il dubbio del "ma sono cose già usate" vi do un dato: in Italia il mercato dell'usato dal 2004 al 2009 è cresciuto del 35%, con una presenza sul territorio nazionale di 3.433 esercizi commerciali. Per non parlare dei mercatini volanti sparsi per il territorio. Inoltre, la moda del "Vintage" ha ormai preso piede anche da noi, ergo...

 

Ecco una risposta, non solo alla crisi imperante, ma anche ad una volontà di vita dedicata tutta ad un fondamento di consapevolezza e di non dipendenza dal mercato imperante. Provateci: appassionerà anche voi.
 
La trasmissione del Martedi sera "Ballarò", proporrà presto una trasmissione in cui si parlerà proprio di baratto, siti dedicati e mondo del riuso.



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/09/2022 20:34:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -