Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Eventi  
Stati Generali: dal Museo della Shoa ai musei dell'esodo istriano-dalmata del '47

Stati Generali: dal Museo della Shoa ai musei dell'esodo istriano-dalmata del '47
Autore: Fabrizio Federici - Redazione Cultura
Data: 25/02/2011

 
Negli 'Stati Generali di Roma Capitale', la due-giorni del 22 e 23 febbraio organizzata all'Eur dal Comune per ridisegnare il futuro della città, si  è discusso anche di come potenziare quella che è la memoria storica di Roma, la coscienza collettiva del passato (e, quindi, del possibile futuro ) dell' Urbe. Settore oggi affidato ad Aldo Giovanni Ricci, Direttore emerito dell' Archivio Centrale dello Stato e Delegato di Alemanno appunto alla memoria storica dell' Urbe.

D. Professor Ricci, quali  impegni  per la memoria civile di Roma son stati presi in questi "Stati generali"?

R. L'impegno, anzitutto, di creare una "Casa del ricordo" per le associazioni  istriane e giuliano-dalmate , che ospiterà anche un Museo di Fiume e un Museo istriano, in memoria della grande tragedia delle foibe e dell'esodo da Istria e Dalmazia del 1943-'45-'47. Mentre in  questi giorni nasce il Comitato per la valorizzazione  dell'area di Forte Bravetta ( che entro l'anno dovrebbe esser resa visitabile al pubblico), e proseguono i "viaggi della memoria", per i giovani delle scuole: anzitutto  in Istria e Croazia, sui luoghi delle foibe. Poi, a marzo saremo a Praga, città straziata, nel '900, da ambedue i totalitarismi, nazista e comunista. Essenziale, inoltre, nel piano della Giunta  per la memoria storica , è la creazione del Museo della Shoah.

D. A che punto siamo, esattamente, con questo progetto?

R. Dopo i primi impegni presi, nel 2006, dalla giunta Veltroni, nel 2008, dopo l'insediamento della giunta Alemanno, è nata appunto la Fondazione per il Museo della Shoah di Roma, presieduta da Leone Paserman, già presidente della Comunità ebraica romana. Già per il 2011,  il Comune ha stanziato 13 milioni di euro per la realizzazione del Museo, i cui lavori inizieranno entro l'anno, con l'adattamento ( per una superficie di 3.000 mq. ) d'un edificio appositamente costruito nell'area di Villa Torlonia.

D. Questo Museo porterà avanti anche iniziative con altri già esistenti, come lo storico  Yad Vashem di Gerusalemme  o i Musei della Shoah di Berlino, Parigi, Londra, Washington?  

R. E' nel programma dell'apposito  Comitato scientifico internazionale, che s' avvarrà di collaborazioni qualificate. Sarà un Museo non solo della Shoah, ma, più in generale, dell'ebraismo italiano: prevediamo due anni di lavori e un altro anno per l'allestimento delle sale ( finanziato dalla Regione Lazio). La gestione ( con un costo di circa 1 milione di euro annuali ) sarà coperta da Comune e Regione, col concorso della Provincia di Roma.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/02/2020 19:44:00

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Eventi

Autore: Silvia Gibellini - Redazione Cultura
Data: 16/02/2020
Cerea Comix: centinaia di cosplayer invadono l'Area Exp

Indossare i panni del proprio eroe preferito e vestirne anche la personalità: è questa la filosofia dei cosplayer, un must presso le più importanti manifestazioni dedicate ai fumetti. 

Leggi l'articolo

Autore: Maresa Palmacci - Redazione Cultura
Data: 16/02/2020
Santa Severa: a carnevale “Le Fiabe al Castello”

Il progetto, infatti, è parte del programma di valorizzazione del Castello di Santa Severa come centro di Posta giovanile nell’ambito del progetto “Itinerario Giovani” finanziato dalla Regione Lazio 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 15/02/2020
WOMAN un mondo in cambiamento - Bologna dal 15 Febbraio al 17 Maggio 2020

Uno sguardo sulla condizione femminile che attraversa ogni latitudine e 100 anni di storia delle donne, viste dall’obiettivo dei – e delle - grandi reporter della National Geographic Society

Leggi l'articolo

Autore: Silvia Signorelli - Redazione Cultura
Data: 27/01/2020
Giorno della memoria: anche il teatro partecipa

Oti-Officine del teatro italiano partecipa al giorno della memoria come può fare un teatro: mettendo in scena spettacoli che raccontino quel male, affinché la memoria rimanga vigile. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -