Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
L'ultima pandemia

L'ultima pandemia
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 07/06/2011

 

 
Siamo afflitti ogni anno da un nuovo virus. O dalla replica di qualche vecchio virus "truccato" da nuovo. Ricordiamo l'influenza aviaria, mucca pazza, suino ammattito... Il Virus è servito: che non si dica che si restri mai orfani di ciò che è divenuto una consuetudine. Come fare la spesa, andare in vacanza o seguire le partite di calcio.

Da anni ed ogni anno, eccoci servita la nostra brava quota virulenta. Viene da pensare certamente. Ad esempio: ma come facevano decenni fa a sopravvivere quando nelle case non esistevano ancora i frigoriferi? Cosa mangiava la gente? Colonie di virus e batteri?

Eppure, quella gente che visse gli anni del boom economico e tecnologico in molti casi è ancora viva e persino vegeta anche se in età avanzata.

Ai nostri giorni invece, dove tutto è super controllato, dove ogni batteri oviene eliminato addirittura col beneplacito di normative internazionali, ecco che puntuale, un nuovo virus omicida viene a trovarci. Fomentando uno stato di allarme terroristico con consguenze a volte persino più disastrose del contagio stesso.

Lo scorso anno, abbiamo assistito ad uno scandalo conclamato: il "terribile" virus H1N1 si è rivelato un falso. Una truffa. Un giochetto che ha fatto guadagnare due miliardi di dollari alle case farmaceutiche che hanno smaltito milioni e milioni di dosi di vaccino che gli stava sul groppone da un bel pò. Peraltro, adiuvato dallo squalene, di cui ho parlato ampiamente in diversi articoli pubblicati.

La Polonia disse NO ai vaccini. La Germania comprò vaccini adiuvati per la popolazione e vaccini col solo principio attivo per i componenti del Governo e gli eserciti. Insomma: per la gleba, i vaccini scadenti e pure pericolosi, per i "vip" al massino, una punturina che non fa ne male ne bene. Bella roba.

Dai e dai comunque, l'OMS che dovrebbe essere un'organizzazione garante super partes, è stata messa sotto inchiesta. La motivazione? Procurato allarme e sostegno alle case farmaceutiche. Il che, in parole povere, significa che chi ci dovrebbe garantire il bene più prezioso – la Salute – ha garantito solo gli interessi economici. Da brividi.

Ovviamente, dopo uno scandalo di tale portata, non poteva anche quest'anno comparire dal cappello a cilindro un nuovo virus influenzale, il killer pandemico dell'Anno. No. Ma ecco che per magia, si materializza un batterio. Killer. Di natura sconosciuta al mondo scientifico. Eravamo preoccupati...

All'inizio, ci hanno fatto pensare che il batterio si annidasse nei cetrioli esportati dalla Spagna ed importati in Germania. Col passare dei giorni, ecco materializzarsi il batterio omicida negli innoqui germogli di soia. Ovviamente, nessuno ha conferme esatte. La Russia sopsende preventivamente gli scambi agroalimentari con il resto dellì'Europa. La Spagna chiede i danni per il calo di immagine, i morti restano senza dubbio l'emblema di un Sistema che auto genera i suoi mali. In troppi casi.

Ordunque: nella società del futuro, nello sviluppo delle tecnologie e della scienza, torniamo ad essere poveri esseri fragili. Attaccabili da tutto. Ed ad alto rischio di mortalità. Non siamo in grado nemmeno di valutare cosa possa decimare l'Umanità.

Ed il dubbio che la mano dell'Uomo si frapponga fra la sicurezza mondiale ed i mostruosi interessi economici di pochi, è quasi scontato.

Ormai si sa: chi ci garantisce il garante? Nessuno. Perchè ogni organismo garante, è pagato – guarda caso – dalle stesse lobby che dovrebbe controllare. Oms compresa.

A noi resta il dubbio su ogni cosa. Ed a qualcuno, torna in mente pure la satanica Lady Sars che creava virus mortali in laboratorio. Perchè mai oggi non dovrebbe esserci qualche trama nella reiterazione di virus e batteri incontrollabili che a scadenza quasi fissa infestano il mondo intero? E' un dubbio. Che forse non ci chiariranno mai.

Nel frattempo, continuiamo a lavarci le mani e non perchè siamo preda del batterio killer, ma perchè da sempre ci insegnano che le mani si lavano, specialmente dopo aver usato la toilette. E ci mancherebbe altro.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/12/2019 08:18:35

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 09/12/2019
Colombia, scontri tra narcos e guerriglia: 2.800 civili in fuga

Questi oltre 2.800 civili - indigeni e afro-colombiani - affrontano una "crisi umanitaria e una complessa situazione di sicurezza" a causa della presenza della milizia di autodifesa gaetana della Colombia (AGC)...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 04/12/2019
USA: dubbi sulla legalizzazione della cannabis

I candidati democratici alla presidenza degli Stati Uniti non concordano sul fatto che la marijuana debba essere legalizzata e che sia una questione centrale nei dibattiti televisivi.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 01/12/2019
Cannabis: la rivoluzione thailandese

l ministro della Sanità ha annunciato questa settimana alcuni dettagli dei cambiamenti che saranno apportati nelle politiche pubbliche.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 29/11/2019
Londra, attacco terroristico al London Bridge: 2 morti e 8 feriti

Scotland Yard qualifica come "terrorismo" l'attacco avvenuto oggi al London Bridge. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -