Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Occupazione  
Pensioni: abolizione dei vitalizi parlamentari. Qualcuno l’ha proposta ma...

Pensioni: abolizione dei vitalizi parlamentari. Qualcuno l’ha proposta ma...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 30/09/2011

 

 

E' una delle cose che maggiormente fa arrabbiare i cittadini italiani. Siano essi di sinistra, destra o centro. Il colore politico non conta se alla base della questione c'è il fondamento dell'equità.

 

Ed equo certo non può essere considerato il trattamento pensionistico italiano, che vede scomparire del tutto il concetto – appunto – di equità e di pari trattamento.

 

Così, abbiamo parlamentari che in appena 5 anni, passati spesso ad occuparsi di tutt'altro che di politica, si vedono versare oltre tremila euro mensili di vitalizio. Altri ancora – ancor più scandaloso – ricevono lo stesso vitalizio dopo aver messo piede in parlamento una sola volta o addirittura mai. Ci sono infatti i casi di vedove che percepiscono la pensione di reversibilità, e quindi, un trattamento pensionistico non certamente maturato per aver portato avanti qualcosa di concreto per il Paese.

 

Oltretutto, questo fatto della pensione di reversibilità alle moglie dei parlamentari italiani, stride grandemento con una della miriade di proposte che sono nate in seno all'ultima dibattutissima manovra economica. Infatti, fra le tante cose, si era pensato non solo di tagliare pensioni diinvalidità ed indennità di accompagnamento ai disabili, ma anche le pensioni di reversibilità, perchè – come dichiarato dal Ministro Brunetta – non è il caso che chi non ha mai lavorato percepisca pure la pensione...

 

Altri palcoscenici, altri scenari.

 

Allo stato attuale, un cittadino italiano che abbia – peraltro – la "fortuna" di lavorare, dovrà – almeno fino ad ora – attendere 40 anni di versamenti contributivi per poter andare in pensione con cifre che comunque nella maggiornaza dei casi sono molto lontane dagli importi che vanno da 3.000 a 10.000 euro e più dei parlamentari.

 

C'è anche da dire, che con le nuove proposte in ambito pensionistico che vogliono vederci ancor più vicini alle normative europee, questi quarant'anni sono destinati ad aumentare.

 

Parallelamente però, non accade nulla e nessuno propone nulla per ciò che riguarda i vitalizi ai politici assegnati con cotanta celerità.

 

E' degli ultimi giorni la notizia che, Cicciolina – porno diva portata in Parlamento dai Radicali a suo tempo – percepisca da poco il famoso vitalizio.

 

Quante persone sono disponibili ad accettare ancora che divari così ampi allontanino sempre più Diritti umani alienati a suon di Casta che fa sempre più i propri interessi ai danni della popolazione?

 

Poche, considerando le lamentele a macchia di leopardo che si raccolgono intervistando cittadini italiani da Nord a Sud.

 

Possibile che, specialmente in un momento socio economico e politico così critico, nessuno pensi di proporre e mettere in atto strategie che rendano partecipi della crisi anche la cosidetta classe dirigente nazionale?

 

Qualcuno in effetti ci provò, nel 2010.
 

Il 21 Settembre 2010 infatti il Deputato Antonio Borghesi dell'Italia dei Valori ha propose l'abolizione del vitalizio, in quanto affermava cha tale trattamento risultava iniquo rispetto a quello previsto dai lavoratori che devono versare 40 anni di contributi per avere diritto ad una pensione

 

Bene! Ecco un esempio rarissimo di equità. Ma che fine fece questa proposta?

 

Ecco di seguito il risultato della votazione in aula:

 

Su 525 presenti e 520 votanti i SI furono 22 ed i NO 261. Proposta bocciata all'unanimità.

 

Alcuni nomi che votarono per il SI: Di Pietro, Borghesi, Evangelisti, Paladini, Barbato, Rota, Scilipoti, Zazzera...
 

Il messaggio fu chiaro: a nessuno salti in mente di riproporre simili "scempiaggini". Alla faccia dei cittadini italiani, disabili, pensionati, precari, giovani donne e bambini, che devono per la maggiore, arrancare verso fine mese e verso un futuro che non garantisce nemmeno la pensione, visti i chiari di luna.

 

A questo link potrete seguire la discussione in aula relativa alla proposta in questione

 

Video della discussione e della votazione in aula

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/08/2022 12:07:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Occupazione

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 24/05/2020
Decreto rilancio: approvato il Bonus colf e badanti

Nella precedente versione del decreto, gli importi del sostegno economico erano stati fissati dai 400 ai 600 euro...

Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 10/05/2020
Fase 2, allarme delle imprenditrici: ''Le donne rischiano di essere tagliate fuori''

“Nel dibattito sulla fase due le donne sono del tutto assenti. Il Governo sembra essersi dimenticato di mettere le imprenditrici e le lavoratrici... 

Leggi l'articolo

Autore: Fausta Tagliarini - Redazione Economia
Data: 30/04/2020
Covid-.19: Cassa Dottori Commercialisti: online il bando per contributi agli iscritti

È online da ieri sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 27/04/2020
Settore ristorazione: si rischia il fallimento

Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro. Bar, ristoranti, pizzerie, catering, intrattenimento, per il quale non esiste neanche una data ipotizzata...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -