Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
A che punto è l’Italia? Soluzioni per una speranza di futuro migliore.

A che punto è l’Italia? Soluzioni per una speranza di futuro migliore.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 02/10/2011

 
 
Italia. La situazione generale non è facile. Anzi: è particolarmente intricata ed arzigogolata. Abbiamo alla maggioranza di governo un Partito che recrimina la secessione e non fa segreto di sbeffeggiare chiunque si proclami semplicemente "italiano". Come diavolo sia possibile questa cosa, rientra nei misteri italiani senza risposta nè soluzione. Governa chi – addirittura – in alcuni casi ha gesti plateali contro gli italiani e la nazione italiana. Un controsenso terribile. Accettato da tutti, tutto sommato.
 
Visto che la Lega al governo era, è e rimarrà, fino a nuovo ordine. Sta di fatto che, il partito secessionista per eccellenza, dall'Italia di cui non vuol far parte (...) ha ottenuto seggi, poltrone, voti. E si vede versare puntualmente generosi stipendi per ogni componente politico leghista. Soldi che provengono da quella "Roma ladrona" tanto vituperata. Valli a capire 'sti leghisti.

 

La crisi economica che, prima "non c'era" – almeno a detta della solita maggioranza di governo – poi c'era ma "controllata e non grave", poi c'è e gravissima... Un modo, aberrante, per dissestare del tutto equilibri interni e comprensione degli accadimenti da parte dei cittadini.

 

Le guerre in atto cui stiamo partecipando: vicino e medio oriente, cui siamo amici/nemici a seconda dei casi e deglio accadimenti. Centinaia di milioni ogni anno, vengono spesi dall'Italia per le misisoni di "pace". E di "democratizzazione" di nazioni vicine territorialmente ma lontanissime in merito a tradizioni, religione e cultura. Guerre che non ci appartengono, ma che abbiamo abbracciato per "amicizia" con gli Stati Uniti. Belligeranti ormai da anni per scopi che vanno dall'approvigionamento dell'energia al consolidamento del potere mondiale.

 

Altro giro: la democrazia in Italia è latitante. Ci vantiamo di "esportarla" dove nessuno la vorrebbe tal quale la nostra. Poi noi cittadini Italiani, che dovremmo essere coloro che partecipando attivamente alle sorti ed alle decisioni per il Paese, verifichiamo continuamente che Democrazia non sia solo una parola senza contenuti, non facciamo assolutamente nulla affinchè esita realmente uno Stato democratico italiano.

 

Ed in ultimo, ma non per finire, l'enorme ed ingiustificato potere che abbiamo elargito nelle mani di un migliaio fra politici di vario geenere, delegandoli in todo a gestire la nazione e di conseguenza le nostre vite. Nel bene e nel male.

 

In conclusione, cos'è l'Italia di oggi?

 

Una nazione allo sbando totale. Vuoi per una politica sempre più distante dalle necessità nazionali reali che invece sembra lavorare alacremente per consentiere a se stessa poteri sempre maggiori. Vuoi perchè da sempre o quasi, il cittadino medio italiano non partecipa più di tanto – assurdo ma vero – a tutto ciò che fa parte della nazione e quindi, della propria esistenza. Modello del tutto sbagliato di un vivere sempre lontani dalla realtà bruciante che eppure a tutti appartiene.

 

Vuoi anche perchè, delegando di volta in volta, di governo in governo tutte le attività istituzionali a persone che hanno operato solo a vantaggi personali ed individuali, ecco che ci ritroviamo tutti – forse politici compresi – nel fondo di un pozzo melmoso ed appiccicaticcio. Derisi dal resto del mondo per questioni che nulla hanno a che fare con la nazione in sè. Percossi quotidianamente da diatribe senza fine e senza costrutto. Annientati dalla totale mancanza di attività politica reale e vissuta sul territorio.

 

Come uscirne?

 

La soluzione, da sempre, è a portata di mano. Forse talmente tanto, che nessuno ci pensa.
 

I cittadini – in massa – devono tornare innanzitutto a poter decidere a chi dare delega di gestione della nazione. E per questa questione, possiamo sperare in cambiamenti sostanziali dell'attuale legge elettorale, visti i risultati sorprendenti della raccolta firme appena conclusa.

 

Ma poi, dopo aver eventualmente potuto scegliere i propri rappresentati all'interno delle istituzioni, tutti i cittadini devono operare continue verifiche sia per ciò che riguarda il lavoro legislativo, sia – e credo sia un punto fondamentale – sia per ciò che riguarda l'operato globale di ogni singolo personaggio politico.

 

Tutto questo, riporterà ad una nuova presa di coscienza e partecipazione dell'Opinione Pubblica, latente anch'essa da troppo tempo, che decreterà il successo o il fallimento del lavoro del mondo politico verso la nazione. Che deve tornare ad essere il principio prioritario ed unico di chiunque si avvalga della professione di politico.

 

In caso contrario: tutti a casa. Senza possibilità di ritorno.
 
Un vecchio detto recitava "Chi sbaglia paga. O chi rompe, paga". Ricordiamocene da oggi e per il futuro.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/08/2020 02:18:14

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -