Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Il figlio di Riina progettava un attentato contro Angelino Alfano

Il figlio di Riina progettava un attentato contro Angelino Alfano
Autore: Luca De Rossi - Redazione Cronaca
Data: 03/10/2011

 
E' appena tornato in libertà il figlio di Totò Riina, Giuseppe Salvatore, dopo aver scontato una pena di otto anni e dieci mesi di carcere per associazione mafiosa, e già si parla di lui sulle cronache nazionali.

In primis, per ciò che riguarda il fatto che, dopo la scarcerazione, Salvatore Giuseppe - contrariamente a quanto si credeva - è subito partito verso Corleone e non più verso Padova, come era previsto all'inizio poichè sottoposto a regime di prevenzione, poi sospeso. Fino a nuovo ordine, a quanto pare.

Ma ecco che i cittadini di Corleone storcono il naso: il ritorno del pesante concittadino, appare poco gradito. E giù polemiche.

Ma a poche ore da una scarcerazione che alimenta discussioni di vario tipo, ecco arrivare una nuova inquietante notizia: sembra infatti che il figlio di Riina, stesse progettando un attentato contro Angelino Alfano, segretario PdL, colpevole di aver inasprito le pene relative al regime di 41 bis.

Da dove fuoriesce questa notizia? Dalle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia: Luigi Rizza.

Di conseguenza, gli inquirenti di Catania hanno aperto subito una indagine, dopo che Rizza ha riferito dell'esistenza di un messaggio relativo al progetto di uccidere Alfano per l'inasprimento della 41bis, ed ha aggiunto di aver ricevuto il messaggio in questione nel carcere di Padova nel 2009 da parte del figlio di Riina e da Umberto Bellocco..

Ma ecco il racconto di Rizza: "Nel 2009, mentre ero detenuto al carcere di Padova, Umberto Bellocco e Giuseppe Riina, figlio di Totò - riferisce Rizza agli inquirenti di Catania - mi davano dei messaggi da portare ad altri detenuti del carcere, tra cui Salvatore Alia e Paolo Lombardo (detto Nino)»

Durante un incontro, Rizza riferisce di : «aver saputo che era in programmazione un attentato nei confronti del ministro Alfano (per via dell'inasprimento del regime di cui all'articolo 41 bis)» e di non essere a conoscenza del fatto che il progetto sia ancora in essere o meno.

«In particolare - riferisce agli inquirenti di Catania - Nino Lombardo e Salvatore Alia mi chiesero di chiedere conferma della cosa a Umberto Bellocco, cosa che io feci». A questo punto «Bellocco mi confermò la cosa e mi disse «Si, procedete»; Io - prosegue Rizza - riferii ad Alia e Lombardo; nei giorni successivi Alia mi chiese se ero disposto a partecipare all'attentato» visto che «a breve avrei dovuto godere di permessi». Poi però - conclude il collaboratore di giustizia - «non se ne fece nulla perchè io fui trasferito a Tolmezzo e non so se il proposito sia ancora attuale».

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/01/2020 17:44:15

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Politica
Data: 22/01/2020
Sardine: al concerto-manifestazione di Bologna partecipa un'indagata del caso Bibbiano

A Bologna, al concerto-manifestazione che era stato organizzato dalla "sardine", si sono presentati altri attivisti provenienti da altre regioni, tra cui Fadia Bassmaji

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/01/2020
E' morto Giampaolo Pansa, il giornalista che mise alla berlina la classe dirigente

Giampaolo Pansa, morto a Roma all'età di 84 anni, ha raccontato con acume la società e la politica italiana, mettendo alla berlina i vizi della classe dirigente

 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/01/2020
Istigazione allo spinello: il rapper Clementino può finire nei guai

Il rapper Clementino potrebbe finire nei guai per alcune frasi sulla droga pronunciate durante il concerto di Capodanno a Nocera Inferiore...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 07/01/2020
Lotteria Italia: Roma provincia leader per la vendita di biglietti

Roma resta la provincia leader nella vendita della Lotteria Italia anche per l’edizione 2019

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -