Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Catastrofi Naturali  
Roma: una Capitale di carta velina

Roma: una Capitale di carta velina
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 20/10/2011

 

 
Fa male. Fa veramente male al cuore, vedere come Roma – capitale d'Italia – possa venire sfregiata dagli eventi naturali. Una città per molti versi difficile da vivere. Il traffico, le lunghe percorrenze, le strade anche centrali mai manutese che presentano in alcuni casi, vere e proprie voragini anche nei marciapidei, e che non consentono di camminare con sicurezza.

 

Roma oggi è crollata. Scoppiata. Infangata.

 

Un nubifragio e zap! Un'intera città nel caos. Chiuse molte fermate della Metro sia della linea  A che B. Autobus fermi o molto rallentati. Migliaia di lavoratori che non sono riusciti a raggiungere i posti di lavoro o se ci sono riusciti, lo hanno fatto con notevole ritardo e grandi disagi.

 

Un anziano muore annegato: viveva in uno scantinato. Un 'altra persona risulta dispersa. Sono dati che fanno ghiacciare il sangue. Anche perchè – appunto – non parliamo di un'area sottosviluppata nè di qualche misconosciuto paesino arroccato chissà dove. Parliamo di ROMA.

 

La rete fognaria romana ed anche dell'interland, è un colabrodo. Nessuna amministrazione fino ad oggi ha messo mano ad una problematica molto sentita. Ogni qualvolta si presenta un semplice acquazzone, ecco che Roma si blocca. Non parliamo poi di eventuali nubifragi.

 

Il Sindaco Alemanno, chiede subito lo stato di calamità. Forse dovrebbe fare meglio i conti, e spostare risorse economiche ad esempio dal comparto "eventi" a quello della "manutenzione straordinaria ed ordinaria".

 

Certamente non vi sono colpe solo sull'attuale amministrazione. La situazione di Roma è particolarmente critica da decenni ed i Sindaci che si sono susseguiti - a parte alcuni rari casi - hanno fatto poco o nulla di reale a livello strutturale.

 

Però fa male sapere che nella città che dovrebbe essere il nostro biglietto di visita per il Mondo e che ha alle spalle la Storia più ricca di tutto il pianeta,  si perpetui un inguaribile senso del lasciare che le cose accadano. Senza un minimo di preveggenza, di intenzione a migliorare e rendere veramente ricca una città che in molti milioni, ogni anno e da tutte le parti del Mondo, sognano di vedere almeno una volta nella vita.

 

Questo invece, è farsi male. Farsi male due volte. La prima, quando mostriamo la parte peggiore della Città. La seconda, quando restiamo vittime di "calamità naturali" o semplicemente passeggiando per le strade per aspirare l'atmosfera di una delle città più belle del Mondo.

 

Tutto sembra ormai crollare sotto il peso della negligenza generale e della cattiva gestione del denaro pubblico che poi, ovviamente, lascia in eredità alle successive amministrazioni, bilanci in rosso e problemi a non finire. La parola "fine" sembra poter essere usata solo in un senso: "fine" di ciò che di buono possiamo aspettarci da chi gestisce per noi il Paese. Peccato.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 30/05/2020 13:19:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Catastrofi Naturali

Autore: Redazione Attualita'
Data: 31/10/2017
Scuole e terremoto -  Save the Children: 4,5 milioni di studenti vivono in aree ad alto pericolo sis

L’Organizzazione lancia una petizione per mettere in sicurezza gli istituti scolastici nelle zone più a rischio

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Attualita'
Data: 17/08/2015
Meteo: arriva il ciclone Troy. Temperature in ribasso

Stanchi di soppoprtare il caldo tropicale? Tranquilli: il Meteo.it assicura che è in arrivo un peggioramento delle condizioni climatiche e questo a causa di Troy, il ciclone in arrivo sull'Italia e che porrà fine alle temperature calde e afose che hanno caratterizzato l'Estate 2015.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 14/08/2015
Summer Storm: arriva la burrasca su tutta l'Italia. Crollano le temperature

Summer Storm porterà un crollo delle temperature massime che arriveranno a 22° su buona parte della penisola. 

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Attualita'
Data: 16/07/2015
Tornado in Veneto e altri strani eventi: dietro le quinte lobby come il Bilderberg

“È palese che ci sia qualcuno che orienti le cose, sia dal punto di vista economico, che climatico, che di gestione del pianeta. È tutto molto strano: in Veneto non avevo mai visto fenomeni di questo tipo. Ai tropici o negli Usa, sì; ma qui no. Può essere il cambiamento climatico; ma può essere sicuramente che qualcuno metta qualcosa apposta nell'aria...”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -