Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Un virus chiamato Scilipoti

Un virus chiamato Scilipoti
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 22/10/2011

 

 

Nel panorama bizzarro di personaggi divenuti politici per sola nomina di "simpatia" da parte di un Premier che a quanto pare "regala" nominee dorate a chiunque gli sia simpatico, vicino o sostenitore, dobbiamo prenedere atto del personaggio Scilipoti facente parte della nostra attuale realtà politica.

 

Ma chi è Scilipoti? Da dove arriva? Cosa ha fatto? Chi lo ha portato ad essere membro dell'attuale maggioranza e da poco anche membro fondatore del gruppo "Iniziativa responsabile"?

 

Scilipoti è un personaggio per molti aspetti controverso.

 

Sventola una Laurea in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Ginecologia ed Ostetricia. Lavora – pare – anche come agopuntore. Si fregia del fatto di esser stato Professore Convitato presso il «Departamento de Anatomía Humana» all'Università Federale del Paraná e l'«Istituto A.B.P.S.» di Salvador de Bahia (Brasile).

 

Nel 2011 appare in alcune trasmissioni televisive per parlare di  medicine non convenzionali. Dopo poche ore dalle stesse trasmissioni, attraverso un comunicato stampa il  Comitato Permanente di Consenso e Coordinamento per le Medicine Non Convenzionali in Italia prende le distanze da Scilipoti ed anche sulla sua "nomina a Esperto per la Medicina Complementare del Consiglio Superiore di Sanità". Una figuraccia. Da addizionare alle altre scilipotiane.

 

Politicamente fa il suo ingresso nel 1983 come Consigliere Comunale nel PSDI in una località in provincia di Messina. Da li, la sua "scalata" fino a divenire nel 2000 deputato con IdV, passando dall'essere Assessore al Bilancio, sempre in provincia di Messina.

 

Il passaggio rocambolesco dalle fila dell'IdV all'attuale formazione di maggioranza è noto a tutti.

 

Di lui, conosciamo lo strambo modo di parlare, le sue incursioni radiofoniche e televisive che in molti casi ci hanno fatto ridere di gusto, per quel modo ciancicato di parlare un italiano misto a dialetto che ne fanno un personaggio da teatro buffo.

 

E che ci piaccia o meno, "lui" è li. Accanto al Premier. O meglio: il Premier è li, accanto a Scilipoti. Uno Scilipoti che sta andando a 1.000 nell'ascesa di un percorso politico forse a buona ragione del tutto immeritato.

 

Di Scilipoti, bisogna però anche conoscere gli scheletri dell'armadio. Il nostro ha all'attivo: una condanna per debiti, calunnia e falsa documentazione inferta per aver, nel 1987 quando era presidente di una cooperativa, firmato alcuni progetti per un nosocomio da circa 60 posti letto. Il finanziamento non fu mai erogato ed il progettista – non ottenendo il pagamento della propria collaborazione – chiede ed ottiene un decreto ingiuntivo attraverso il quale Scilipoti – che tentò di scagionarsi in ogni modo – fu condannato al pagamento di 200.000 euro.

 

Gli vengono sequestrati diversi beni immobiliari e nel 2010 riceve per questa storia un avviso di garanzia, che egli non solo non prende in considerazione, ma ribatte a muso duro dicendo che "non ha alcuna intenzione di saldare la somma dovuta".

 

Non è tutto. A metà degli anni 2000, viene sciolto il consiglio comunale dove Scilipoti fu consigliere nei primi anni '80, per "infiltrazioni mafiose". Gli ispettori ministeriali incaricati di verificare la situazione scriveranno: "Quanto sopra si rappresenta al fine di evidenziare i collegamenti intercorsi tra Scilipoti Domenico, classe '57, il quale ricoprirà nel 2002, seppur per breve tempo, anche l'incarico di assessore comunale al Bilancio nella Giunta Nicolò, con personaggi appartenenti ad una delle più importanti cosche della provincia di Reggio Calabria"

 

Questa verifica, era relativa alla costruzione di uno stabile avvenuta fra il 1993 ed il 1995 in società con altre tre persone che si è evinto fossero parenti stretti di alcuni componenti del Clan Zavettieri di Reggio Calabria.

 

Ha mai fatto un giorno di galera Scilipoti? Si, ma per andare a "verificare le condizioni delle carceri italiane". Dichiarando poi di essere "Indignato per le condizioni disumane dei detenuti, e per l'emergenza sanitaria a Gazzi" nell'ambito dell'iniziativa "Ferragosto in carcere" promossa dai Radicali Italiani nei giorni 14, 15 e 16 agosto 2009 in tutta Italia... 

 

Oggi Domenico Scilipoti, in barba ad accuse e condanne gravi, in barba al suo strano modo di rapportarsi alla realtà, in barba a tutti E' parte della dirigenza del nostro Paese. Nella stessa "allegra comitiva" di pseudo politici del calibro di Mara Cargagna, Michela Brambilla, la riciclatissima Daniela Santanchè e pure molti altri che di "onorevole" hanno davvero ben poco da mostrare.

 

La cosa ancor più raccapricciante è, che se io ho deciso di scrivere di Scilipoti affinchè non si dimentichi da che tipo di persone in questo momento l'Italia è letteralmente invasa, i media nazionali danno ampio spazio al personaggio Scilipoti ed al recente congresso di apertura lavori della "Iniziativa responsabile" con il Premier ospite d'onore, che invece di andare a diffondere molecole virulente scilipotiane, forse dovrebbe utilizzare il suo tempo a produrre risposte utili e condivisibili per lo sviluppo della Nazione.

 

Mentre lo "scilipotismo" incalza ed incombe, l'Italia va a carte 48 e non ha speranza di garantirsi nè futuro nè pace.

 

E se attualmente possiamo vantare solo records indegni in quanto a debito pubblico e basso livello di crescita, una ciliegina amara in più osteggia l'apertura delle frontiere alla trasparenza necessaria a combattere un altro virus ormai reso inattaccabile da qualsiasi tipo di cura: la corruzione.

 

Se andremo avanti di questo passo, per aumentare componenti parlamentari utili al momento opportuno, si apriranno le celle delle carceri per appozzare nuovi nomi da candidare.

 

Vi lascio con alcuni link:

 

Il primo è del sito di Domenico Scilipoti. Consiglio a tutti di abbassare l'audio...

 

Il secondo. È la scheda relativa a Scilipoti sul sito istituzionale della Camera dei Deputati

 

Sito di Scilipoti  

 

Scheda Camera dei deputati      




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 30/05/2020 14:32:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -