Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
Gioco d'azzardo legalizzato: lo Stato incamera miliardi ogni Anno

Gioco d'azzardo legalizzato: lo Stato incamera miliardi ogni Anno
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 25/10/2011

 

Un settore in Italia che non conosce crisi ma che anzi è in netta salita con un 150% di crescita nell'ultimo anno. Un volume di affari stimato intorno ai 150miliardi l'anno.  Sono i vari e variegati giochi a premi di Stato. Si va dagli svariati gratta e vinci, alle varie tipologie di estrazione, al superenalotto, al lotto ed ora anche, del poker che è possibile giocare sia attraverso le infernali macchinette poste presso tabaccai e locali appositi oppure online attraverso i tanti nuovi siti dedicati a questo gioco.

 

Giochi d'azzardo? Si. Se si considera che le cifre che si evincono accedendo direttamente al sito dell'Amministrazione Autionoma dei Monopolii di Stato: AAMS

 

Per ciò che riguarda gli ultimi dati di riferimento per il mese di Settembre 2011, possiamo leggere che – ad esempio – solo con il solo gioco del Lotto a Settembre 2011 la raccolta totale delle somme giocate è stata pari a 635milioni di euro, le vincite pari a 307milioni e di conseguenza l'importo incamerato dallo Stato è pari a 328milioni di euro.

 

Ed ancora: se vogliamo proprio avere una idea più ampia del fenomeno, ecco i dati del periodo Gennaio/Settembre 2011  , sempre per il solo gioco del Lotto. Gli Italiani hanno speso la bella cifra di 5miliardi e 113milioni di euro, ne hanno vinti per 2miliardi e 861milioni di euro lasciando nelle casse dello Stato la bellezza di 2miliardi e 262milioni.

 

Provate ora a pensare quali cifre da capogiro lo Stato incamera dalla differenza fra quanto si gioca e quanto effettivamente si vince, ogni anno.

 

E pensate anche al fatto che, milioni di persone ogni giorno, dai 13 anni ai 90, dedica una parte della loro giornata alla speranza di una vincita. L'età minima di accesso al gioco in Italia sta calando vertiginosamente. Ed è anche salita vertiginosamente, poichè se è vero che un tempo gli anziani giocavano al solo gioco del lotto, parte quasi integrante della nostra cultura nazionale, ecco che ora gli anziani di oggi si dedicano ad una moltitudine di possibilità di "vincita" vista l'offerta impressionante ed anche la stupefacente semplicità di accesso agli stessi giochi a premi.

 

Lo Stato ha necessità di incamerare e non si preoccupa di aver cvreato in molti casi stati di dipendenza o addirittura episodi di suicidio per coloro che si sono letteralmente rovinate per i giochi a premi o sono addirittura caduti nelle mani degli usurai.

 

Purtroppo, negli ultimi dieci anni, lo Stato Italiano ha cambiato di fatto determinate normative creandone altre a supporto di un progetto di raccolta fondi basato addirittura su una norma che per molti anni ha vietato agli italiani di poter tranquillamente accedere ad un metodo di vincita che in altri Paesi trova invece ampio spazio: il gioco d'azzardo

Oggi come oggi, non vi è di fatto alcuna restrizione al gioco nè per numero di possibilità di giocare, nè di importo nè tantomeno per ciò che riguarda la possibilità, da parte del Monopolio di Stato, di inserire nuovi giochi a premio un pò in tuttw quelle normative di stampo economico che vanno dalle poliedriche Manovre o al risanamento di zone terremotate.

 

Un esempio per tutti è il DL 39/2009 creato per la ricostruzione post sisma in Abruzzo che prevede difatti la creazione di nuovi giochi istantanei al fine di evincere somme utili alla sudetta ricostruzione. Nessuno mai ha fornito dati sulle somme fin qui incamerate attraverso questo DL. Nè tantomeno si conosce l'utilizzo che di questi soldi incamerati si è fatto. A Maggio 2011, assessore alle politiche sociali del Comune dell' Aquila Stefania Pezzopane, intervistata da un collega di Report ha dichiarato: "«Ad oggi di questi fondi non ce ne sono tracce. Almeno 500 milioni l' anno doveva essere l'importo evinto dai giochi a premi, ma fino ad oggi non abbiamo ancora visto nulla". E nulla è cambiato attualmente.

 

Parallelamente poi ai giochi d'azzardo di Stato, si attestano le scommesse clandestine il cui volume di affari non accenna a diminuire malgrado questa sia la spiegazione a volte rilasciata dai responsabili dei Monopoli di Stato a chi chiede se lo sviluppo – a volte allarmante – dei giochi "consentiti" possa di conseguenza fra crollare il mercato di quelli illeciti.

 

Oltretutto viene da chiedersi quale tipo di controlli e verifiche la Guardia di Finanza possa effettuare se si prende ad esempio in esame il caso del gioco di poker online che oggi tiene occupati molti cittadini Italiani e non solo.

 

Nel Febbraio 2011, attraverso un DL, il Monopolio di Stato ha autorizzato persino il Poker Online in modalità Cash. Una delle forme di gioco di azzardo più forti e meno controllabili in assoluto. In pratica: non vi sono somme prestabilite all'origine, ma è proprio come se il giocatore si sedesse al tavolo di gioco e pagasse direttamente le perdite. Il rischio di rovinarsi in breve è molto alto, ed anche la possibilità che la malavita organizzata riclichi denaro sporco.

 

Insomma: Stato e Governo, parlano solo del debito pubblico – il terzo più alto al mondo – e di come strizzare i cittadini per togliere ancora denaro alle famiglie. Ma non parlano mai del denaro che entra e che non viene mai impiegato per le cause per cui gli stessi giochi vengono creati. Almeno ogni tanto, farebbe piacere a tutti essere messi a conoscenza di cosa accade al denaro che versiamo: sia esso denaro di contributi sia esso denaro di contribuzione volontaria attraverso il miraggio delle vincite dei giochi a premi istantanei.

 

Uno Stato che genera gioco e disperazione e che non usa il denaro incamerato per nobili cause civili, non è uno Stato che pensa prioritariamente al benessere dei propri cittadini.
 

Forse riflettendo su questo, qualcuno potrà trovare la forza di uscire dal giogo del gioco d'azzardo




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/05/2022 10:52:30

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 15/05/2020
Bonus vacanze 2020: tutte le informazioni utili

Un dato interessante: le perdite economiche subite dal settore ricettivo ammontano a circa 81 milioni di euro.

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Decreto rilancio: rinviata la lotteria degli scontrini

 

La partenza della lotteria degli scontrini, prevista dal 1° luglio 2020, slitterà al 1° gennaio 2021: è quanto si legge nell’ultima bozza del Decreto Rilancio 
Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 15/02/2020
Scongiurato l'aumento IVA per bar e ristoranti

Il Presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani: "Ci auguriamo che questa posizione sia mantenuta non tanto per porre fine alle speculazioni e alle voci che ciclicamente ritornano"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 23/01/2020
Il Vademecum del contribuente 2020 presentato da Unione Fiduciaria

Chi vuole orientarsi nel mondo dei tributi senza perdere le più recenti norme introdotte dall’ultima Legge Finanziaria, deve avere con sé il volume “Vademecum del Contribuente 2020” 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -