Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Italiani (brava) strana gente…

Italiani (brava) strana gente…
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 25/10/2011

 

 
Ci sono diverse cose che comprendo ma non ammetto. Non ci riesco, deve essere un mio limite. Gli Italiani sa sempre, sono considerati un popolo che sa affrontare le crisi, rimboccarsi le maniche, sostenere le giuste cause ed anche accettare di buon grado cose che in altri Paesi sarebbero considerate inaccettabili.

 

Se per alcuni versi tutto questo può essere definito apprezzabile, a mio avviso è proprio ciò che rende "strano" l'Italiano medio.

 

L'Italiano medio, accetta tutto di buon o cattivo grado. Sta di fatto che accetta. A priori.
 

La Politica è corrotta? L'Italiano si "indigna" – verbo assai di moda ultimamente – ma poi, lascia fare. Il denaro pubblico viene scialacquato allegramente da chi amministra il Paese? L'Italiano medio si lamenta, magari in coda alla Posta mentre ritira una misera pensione. Poi, torna a casa col fagottello della spesa e tira a campare.

 

Gli scandali nel nostro Paese si susseguono ormai con un ritmo assatanato? L'Italiano medio ascolta, legge, cambia canale televisivo, opta per un "Grande Fratello" o per una puntata di "Don Matteo". Poi, giunta la notte, si corica e dorme profondamente.

 

Il Paese è ormai palesemente sull'orlo del baratro? I Governi si fanno solo i fatti loro?  La corruzione dilaga? Le palazzine crollano per un acquazzone? Le metropoli italiane vanno in tilt per due gocce d'acqua perchè le reti fognarie nazionali somigliano più ad un colabrodo? L'Italiano medio abbozza una sorta di protesta, che dura il tempo di un panino ed una coca cola. Poi torna a casa, decide cosa mangiare, cambia i canali TV, decide se vedere Ballarò, Voyager oppure il film in prima serata – se non esce per andare al cinema, al ristorante oppure al Pub – poi, scesa la notte, dorme saporitamente, a meno di turbe del sonno, e si risveglia la mattina dopo, pronto ad affrontare un nuovo giorno.

 

Mentre tutto crolla, strade e case comprese. Mentre tutto va a rotoli. Mentre chi ruba da anni oggi lo fa ancor di più. Mentre ai cittadini si chiedono immani sacrifici da aggiungere ad altri sacrifici e chi chiede questi sacrifici invece, si arricchisce ogni attimo senza aver fatto nulla per meritarlo, l'Italiano medio affronta le sue giornate come se tutto sommato, queste cose lo coinvolgono si, ma non più di tanto.

 

Ora io mi dico: la proverbiale "pazienza" italiana, oggi mi sa di qualcosa di malato. Di corrotto. Di strano.

 

Perchè se immagginassimo ognuno che ladri cercassero di assaltare le nostre abitazioni per rapinarci, oppure se dei pirati informatici provassero ad accedere ai nostri conti correnti per rubarci il nostro denaro. Se qualcuno prendesse a schiaffoni all'improvviso la nonna malata o la zia disabile, ecco: è ovvio che ognuno reagirebbe con forza e durezza. Qualcuno forse, arriverebbe alle mani, oltre che alle denuncie.

 

In qualche modo, anche se velate dalle parole "politica, società civile ed economia" ogni giorno in ogni casa italiana – o quasi – avvenmgono nell'ordine furti, ruberie e vessazioni. Le stesse che se messe in atto da furfanti catalogati come tali dalle istituzioni, troverebbero il pugno pronto alle percosse, come minimo. Pe rgingere a denuncie su denuncie per far pagare chi si macchia di crimini contro il patrimonio individuale e contro l'incolumità personale.

 

Ebbene: la cattiva notizia per tutti è che il solito "Italiano medio" sta facendo un errore di valutazione, ogni volta che crede sia assolutamente impossibile reagire alle vessazioni ed alle ruberie che giungono da nomi altisonanti ma che nella realtà dei fatti sono furfanti mascherati da angeli, nella migliore delle ipotesi, oppure sono proprio furfanti riconosciuti da tutta la Comunità, di conseguenza ancor più aberrante che poi si accettino le loro reiterate intenzioni di furfanteria contro la nazione.

 

Ordunque: a mio parere, una presa di coscienza su cosa sia la realtà in cui viviamo, dovrebbe essere il primo passo attraverso il quale operare quei famosi cambiamenti di cui a volte si parla ma che nessuno mette in atto, almeno su larga scala.

 

Si continua a cantilenare che tanto "loro, la Casta" fa sempre ciò che vuole. Certo che lo fa. Lo permettiamo noi ogni giorno. E permettiamo cose che non permetteremmo persino ad un nostro stretto parente. Ci sono decine di fatti di cronaca finiti nel sangue per cose molto minori rispetto a ciò che l'Italiano medio ha la capacità di subire da parte del mondo istituzionale.

 

Ora, senza giungere chiaramente ad atti violenti, cosa che condanno sempre e comunque, credo che rimettere un pò di tasselli nel loro ordine sarebbe cosa buona e giusta per tutti. E se ognuno di noi metterà nel luogo opportuno il tassello, riusciremo tutti insieme a creare quel puzzle ora informe, chiamato Italia basata sulla Democrazia e la dignità umana.

 

Se fosse un gioco a premi, lo giochereste? Se la risposta è si, allora, organizziamoci e proviamo.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2021 00:57:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -