Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
“Scenario da incubo con il licenziamento facile” I Sindacati sul piede di guerra

“Scenario da incubo con il licenziamento facile” I Sindacati sul piede di guerra
Autore: Luca De Rossi - Redazione Cronaca
Data: 30/10/2011

 
 

Da stime elaborate dal centro studi della Cgia di Mestre – pur se lo scenario è definito teorico - se in Italia fossero state già applicate le nuove regole sui licenziamenti facili a cui punta il governo, avremmo 700mila disoccupati in più ed una percentuale dell'11% di disoccupazione rispetto all'attuale 8%.

 

Uno scenario davvero apocalittico, se si pensa che già attualmente lo stato in essere fra disoccupazione e precariato rende realmente critico sia lo sviluppo nazionale che l'equità degli individui ed all'interno delle famiglie.

 

Dal 2009 ad oggi i cassaintegrati sono saliti alla cifra record di 740.000 persone, consentendo a queste persone ed alle loro famiglie di poter garantirsi almeno una sorta di ammortizzatore sociale che, nel caso in cui venisse realmente messo in atto il criterio del licenziamento facile, sopazzerebbe via questi sostegni indispensabili ai cittadini per sopravvivere. Ed attenzione: c'è già una bella differenza fra Vivere e sopravvivere.

 

Il Ministro Sacconi, per "tranquillizzare" tutti dichiara: ""E' un'ipotesi priva di fondamento" e spiega che  il governo punta invece a far crescere l'occupazione, consentendo alle imprese di salire oltre i 15 dipendenti senza avere più i vincoli dell'articolo 18. Una spiegazione che in molti non capiamo.

 

E le opposizioni, cosa dicono? Per Casini si potrebbe anche avviare la normativa sul licenziamentro facile a patto che si creino, parallelamente, ammortizzatori sociali come ad esempio il reddito minimo garantito, ma dal PD la replica di Cesare Damiano è che in questo momento non si possono garantire salari minimi a tutti perchè "costerebbe troppo ed il governo intende ancora una volta tagliare sfruttando la vita dei lavoratori".

 

I Sindacati in coro inneggiano allo sciopero generale nel caso in cui la proposta non venisse ritirata, perchè – dichiarano compatti – "lo scenario da incubo che si viene a delineare nel prossimo futuro, "grazie" al licenziamento facile, provocherebbe certamente non poche proteste della società civile. Inoltre non si può pensare che il licenziamento facilitato crei poi di conseguenza, posti di lavoro".

 

In effetti a ben pensare, come si può parlare di aumento dei posti di lavoro se si stabilisce che le imprese medio grandi possano avere dalla loro un'arma da utilizzare contro i lavoratori?

 

Attendiamo tutti di comprendere meglio cosa stia pensando di fare il Governo e come intenda "creare sviluppo" attraverso proposte ancor più vessatorie contro la solita fascia di cittadinanza già da tempo immemore strizzata ogni qualvolta serva alla dirigenza del Paese.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2021 01:07:07

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -