Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Siamo al fallimento: possibili prelievi forzosi sui conti correnti

Siamo al fallimento: possibili prelievi forzosi sui conti correnti
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 02/11/2011

 
 

Ci siamo. Siamo all'epilogo, forse. Di una storia che è più una storiaccia. Siamo alla parte finale. Di una crisi tenuta a bada per un buon biennio dal governo attuale che pur di non parlare di crisi ci ha spinto in fondo al baratro.

 

Poi, all'improvviso, ecco il grido: grande crisi economica. Peccato che i buoi erano già scappati, l'Europa versava in pessime acque già da tempo e noi li ad attendere che qualcuno ci svelasse verità palesi quanto enormi per esser ancora tenutre nascoste.

 

Chi non ha voluto guardare in faccia la realtà, oggi è in pessime condizioni. Chi si è adagiato sulle parole effimere di una maggioranza che continua a tenere in ostaggio il Paese per scopi lontani dal benessere comune, oggi forse ha aperto gli occhi. E l'ha dovuto fare nella maniera più cruenta: tutto assieme. Dalla mattina alla sera.

 

Berlusconi passa dall'essere il "salvatore della Patria" – a parole - all'aguzzino bugiardo e tentatore, nei fatti. E con lui, tutti i suoi fedelissimi.

 

Ora è tardi, sia per riacquisire credibilità sia per salvare capra e cavoli. Almeno stante così le cose. Perchè solo chi non vuole assolutamente guardare alla realtà può ancora dichiarare che l'attuale governo non ha fatto nulla per perdere credibilità, all'interno della nazione e nei confronti del resto del mondo.

 

E' stato fatto tutto. In negativo. Non è stato quasi fatto nulla di ciò che andava fatto per il bene del Paese e dei suoi abitanti.

 

Ora si corre ai ripari, si inneggia a crisi mondiali – senza voler assolutamente guardare alla crisi interna al nostro Paese – e si sciorinano piani di rientro che come sempre colpiscono i cittadini meno fortunati. Su questo punto comunque, c'è da dire una cosa. Se è pur vero che la situazione economica di molte famiglie è critica è anche vero che sono tante le famiglie che ancor oggi possono contare su risparmi non da poco, sapientemente occultati al fine di apparire più poveri di quanto non si sia. Chi sta al governo, queste cose le sa. I dati relativi ai conti correnti ma anche ai libretti di risparmio, sono continuamente aggiornati e ben conosciuti. E' uno dei motivi per cui chi sta al governo, strizza sempre più le classi ritenute medio/basse.

 

Cosa ci attende nel breve periodo?

 

La lettera di intenti giunta a Bruxelles se da un lato lì per lì ha generato consensi, oggi - non avendo il governo italiano iniziato alcun iter per la messa in atto delle misure in essa contenute – viene reputata solo un mero tentativo di prender tempo su impegni internazionali che non possono però più attendere.

 

A questo punto, la maggioranza di governo sta producendo vizi su vizi, nel senso che se da un lato vorrebbe ancora garantire i cittadini italiani dal disastro economico e sociale dalll'altra, dovendo dare le dovute risposte e misure alla UE, si vede costretta ad esternare un programma straordinario che fra le varie proposte al vaglio del Consiglio dei Ministri, sembra mettere in luce la possibilità di ricorrere ad esempio al prelievo forzoso sui conti correnti ed alla tanto vituperata patrimoniale, che vedrebbe protagonista per una volta, quella fetta di Italia in possesso di una ricchezza che fin qui non ha subito alcun contraccolpo.

 

Per ciò che riguarda il prelievo forzoso che minaccia il risparmio italiano, potrebbe accadere qualcosa di simile a ciò che l'allora governo Amato nella crisi del '92 mise in atto e cioè una sorta di tassazione pari al 6x1.000 sugli importi dei conti correnti. 

Resta un dubbio: siamo alla vigilia del G20 che si terrà stavolta  a Cannes. Il dubbio è:  fare un decreto legge e un disegno di legge, come vorrebbe Berlusconi, oppure un maxiemendamento da inserire nella legge di stabilità attualmente in attesa di essere attivata in Senato come vorrebbe Giulio Tremonti?

In ogni caso siamo al round finale, e se il governo non tenterà per una volta almeno e per il bene di tutti di avvicinarsi all'opposizione nel tentativo – condivisibile – di mettere in atto le misure atte a salvare l'Italia, dobbiamo stavolta preoccuparci ulteriormente, perchè il famoso "effetto domino" potrebbe stavolta essere di proporzioni mondiali.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/09/2022 19:11:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -