Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Globalizzazione  
Italia, Europa, Sud America, Asia: proteste e manifestazioni contro precariato e diritto allo studio

Italia, Europa, Sud America, Asia: proteste e manifestazioni contro precariato e diritto allo studio
Autore: Luca De Rossi - Redazione Cronaca
Data: 17/11/2011

 

 
 
 
 
Prime reazioni civili dopo l'insediamento del Governo Monti. Da Nord a Sud grande partecipazione a manifestazioni organizzate in ben 60 citta italiane. Sono giovani ma non solo. Protestano contro la crisi economica ed il governo tecnico Monti appena insediato.
 
In contemporanea, scioperi e manifestazioni sul tema della crisi, del precariato e del diritto allo studio in Europa, in Sud America, in Asia.
 

"Opporremo i nostri book block ad ogni divieto - annunciano gli organizzatori del corteo della Sapienza - raggiungeremo Mario Monti perché del suo governo tecnico non ci fidiamo" Dichiarano gli organizzatori della manifestazione di studenti contro il nuovo esecutivo.

 

Dopo la manifestazione avuta a Roma qualche giorno fa che ci ricorda ancora immagini di inaudita violenza, si teme che possano replicarsi nella capitale gli episodi che hanno portato all'arresto di alcuni manifestanti.

 

Si registra già un ferito a Palermo durante gli scontri fra manifestanti e Polizia.

 

Motivo di tanta protesta i molti dubbi relativi al nuovo governo, ma anche una serie di scioperi che in queste ore ed in questi giorni stanno mettendo a rischio il trasporto pubblico con non poche ripercussioni sulle attività quotidiane cittadine.

 

A Roma, stamane il corteo è partito alle 09:30 da Piazzale Aldo Moro per dirigersi verso il Senato. Parallelamente, i Cobas, con una manifestazione che ha trovato l'approvazione della Questura,  sfilano da Piazza della Repubblica a Piazza Santi Apostoli.

 

Ma sono oltre 60 le città che vedono manifestare studenti riuniti attraverso la Rete della Conoscenza e che si sono mobilitati per il diritto alla studio e al "libero accesso ai saperi".

 

Parte dei componenti del corteo di studenti che sfila per le vie del centro di Milano ha cercato di sfondare un cordone di polizia e carabinieri nel tentativo di dirigersi verso l'università Bocconi.

 

Sempre a Milano, si è registrato un tentativo di irruzione presso la sede dell'Abi in Via Olona da parte di alcuni studenti. "Non abbassiamo la guardia. Chiediamo di investire sull'istruzione, chiudere definitivamente l'era dei tagli indiscriminati e trasversali che hanno distrutto le scuole e le università in questi anni; rimettere al centro il ruolo dei saperi". E' il messaggio rivolto al neo Ministro dell'Istruzione Francesco Profumo.

 

Per quanto riguarda invece la città di Palermo, precari e studenti hanno organizzato la manifestazione dal titolo "Blocchiamo tutto day" attraverso lo studentato autogestito Anomalia, di OccupyUnipa e della Rete studenti medi per protestare contro la crisi economica. Sono state lanciate uova e fumogeni contro sedi di banche, hanno scritto sui muri e hanno tentato di occupare la sede dell'istituto San Paolo di Palermo ma sono stati caricati dalle forze dell'ordine. Uno dei manifestanti è stato ferito alla testa.

 

Intanto, i I Cobas, insieme alla Cub sciopereranno per l'intera giornata con manifestazioni in 24 piazze italiane.

A Roma infine,  fronte del no "a ministri, esponenti di gruppi finanziari, del Vaticano e del capitalismo di Stato" si sovrappone all'opposizione su strada "agli intollerabili divieti di Alemanno".

 

Il sindaco Alemanno, Martedì aveva annunciato una nuova ordinanza per regolamentare i cortei, limitandoli al Sabato.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/02/2021 18:43:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Globalizzazione

Autore: Redazione Scientifica
Data: 27/06/2019
Onesta': uno studio svela quanto lo siamo

L’onestà è stata molto studiata da psicologi ed economisti, ma raramente nella vita reale, e mai in 40 Paesi tutti insieme.

Leggi l'articolo

Autore: Remy Demichelis - Redazione Attualita'
Data: 31/05/2019
Ricchezza e competenza non vanno sempre a braccetto

Per sembrare competente quando non lo sei, ci vuole un sacco di coraggio. E per avere quel coraggio, l'appartenenza a una classe benestante può aiutare?

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 29/05/2019
Stati Uniti d'Europa: il caso Huawei

L'Unione fa la forza. E' un antico proverbio comprensibile a tutti, lapalissiano, diremmo. Quanto più un gruppo è compatto tanto più si riescono ad ottenere risultati.

Leggi l'articolo

Autore: Cav. Dott. Claudio S. Martinotti Doria
Data: 17/01/2017
Dietro il grande esperimento di lotta al contante in India ci sono gli USA

Come recitava un diffuso detto popolare “il diavolo fa le pentole ma non i coperchi”, qualche errore lo si commette sempre, soprattutto quando si ha la supponenza di pretendere di prevedere le reazioni di esperimenti così cruenti e su una popolazione particolare, eterogenea e numerosa come quella indiana

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -