Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
La crisi mondiale fittizia ai tempi di Matrix...

La crisi mondiale fittizia ai tempi di Matrix...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 15/01/2012

 
 

Crisi. Cri-si. C-r-i-s-i. Quante volte pensate di aver ascoltato questa parola negli ultimi anni? Sareste sorpresi dal saperlo. Perchè sicuramente è la parola più abusata a 360°. Insieme ad altre parole quali "democrazia" "indignazione" "liberale".

 

Parole. Appunto. Svuotate di ogni significato. E per far questo, abusate. Il bombardamento mentale quotidiano, ha un solo scopo: andare ad intaccare per sempre, una serie di centri neurologici al fine di far metabolizzare ad un grande numero di persone, concetti-chiave "assolutamente necessari" affinchè il sistema socio economico di una nazione o dei sistemi internazionali abbiano reazioni aderenti alle necessità del momento. Necessità che fanno strane rime con "speculazione" "offesa" "sfruttamento".

 

In molti spesso mi dicono: "Ma come mai nessuno di chi governa mette in atto soluzioni strategiche spesso facili e di basso costo che potrebbero in breve tempo migliorare la condizione sociale, economica e politica"? La mia risposta, invariabilmente è: "Perchè non gli conviene".

 

La strategia del negativismo a tutti i costi, paga. Paga i grandi speculatori, le grandi imprese, i governi maggiori. Paga la politica ed i suoi componenti. Senza differenza di area geografica. Ovunque sia stata immessa l'aberrazione del concetto di Mercato ed Economia, ecco rappresentata la grande beffa, fatta di nulla ma instillata nel DNA umano come assolutamente concreta.

 

Perchè dico che la crisi è fittizia? Perchè si basa su elementi fittizi. Il denaro è fittizio, da che peraltro ha perso in quasi ogni territorio del pianeta, un controvalore materiale. Le transazioni economiche sono per la maggiore, fittizie. Le economie dei Paesi, sono fittizie, basate su criteri astrusi da "grandi sell'Economia", ma che in realtà sarebbero di una semplicità assoluta, considerando il fatto che se prendessimo come base il semplicissimo computo fra entrate ed uscite, ci accorgeremmo che tutti potremmo essere esperti in Economia, ma se così fosse, si scoprirebbero troppe trame, allora meglio far credere che economia è cosa da pochi.

 

La vita, i contesti, l'economia, la società, sono cose molto più semplici di come vengono falsamente rappresentate. Viviamo un pericolosissimo periodo di virtualità svenduta per reale. E più passa il tempo, più la memoria lascia indietro la rappresentazione del reale a favore del virtuale.

 

Una banconota da 500 euro ed un pezzetto di carta delle stesse dimensioni. Sono la stessa identica cosa. Solo che, alla banconota con su scritto "500 euro" si è concordato di dare un valore enorme. A parole. E "grazie" anche alla tendenza degli ultimi anni di utilizzare sempre più spesso transazioni in forma elettronica, quindi: virtuali.

 

Di conseguenza, da che parte inizia la crisi? E dove potrebbe finire?

 

Concretamente, non è dato sapere. La cirsi non è tangibile. Non è rappresentabile concretamente. Non è quindi risolvibile con atti materiali. Nonostante questo, viene percepita come più o meno grave a seconda delle parole che vengono utilizzate.

 

Concretamente possiamo invece dire che, tutto ciò che è fittizio in pratica non esiste. E se il denaro che abbiamo nei nostri virtuali conti correnti o la carta stampata che conserviamo gelosamente nei nostri portafogli è fittizia, ecco che la natura stessa della crisi scompare. Perchè può esserci crisi solo ed esclusivamente quando un evento concreto accade.

 

Ma qui, cosa è accaduto concretamente? Che alcune agenzie di rating muovono il mondo decretando la crisi economica – fittizia – di intere nazioni? Lo hanno sempre fatto, più o meno. E si sono fatte le ossa, iniziando il loro percorso dal decretare il fallimento o meno di imprese nazionali ed internazionali. Ricordate il caso Parmalat? La famosa Standard & Poor's all'epoca diede per buone, anzi buonissime, le azioni di una azienda già in fallimento. Ricordiamo tutti cosa accadde di conseguenza.

 

Concretamente vi dico: ciò che toccate è reale. Ciò che non si può toccare con mano, non esiste. Viene solo immaginato, creato, costruito, inoculato via aria: le parole. Ed i numeri che ci costringono a leggere ed ascoltare, sono numeri che servono solo ad alimentare la paura di una crisi che non si era mai vista prima. E che più che economica è di sistema.

 

Un sistema che oggi, azzarda il passo più coraggioso: palesare al mondo un potere enorme basato sul nulla. Sulle parole. Sui simboli. Sulle assolute convinzioni mentali.
 

Grande strategia: vendere il male a caro prezzo, non investire un solo centesimo ed ottenere contropartite enormi di potere: unica, vera e sola moneta sonante su un mondo che di concreto ha solo le parole.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/02/2021 08:03:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -