Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Risparmi: non hai convertito le lire in euro?

Risparmi: non hai convertito le lire in euro?
Autore: Federcontribuenti nazionale
Data: 24/01/2012

 
Riportiamo la segnalazione di una cittadina italiana che dopo aver scoperto di non poter più convertire le lire ha telefonato alla segreteria di Monti sentendosi così rispondere:  '' Lei ha fatto un investimento rischioso, avevate avuto tanto tempo per convertire, perchè aspettare fino all'ultimo? Il Governo ha deciso di bloccare la conversione per impedire riciclaggio e speculazione, abbiamo fatto un blitz alla criminalità organizzata. Il governo ha messo sul piatto della bilancia il guadagno e la perdita e ha deciso che ci guadagnava il Paese. Lo abbiamo fatto per il bene del Paese''.
 
Amareggiata, delusa e anche giustamente infervorata, la cittadina ha chiamato la direzione nazionale di Federcontribuenti raccontando quanto successo e chiedendo se poteva partecipare all'iniziativa intrapresa dalla stessa per vedersi riconosciuto il diritto alla conversione.
 
Al di la di tutto e alla luce di quanto ascoltato, la Federcontribuenti vuole far conoscere al governo Monti le conseguenze di questo stop improvviso alla conversione lire\euro e spiegare, carte alla mano, che i tanti cittadini colpiti da questo decreto non sono dei mafiosi o membri della criminalità organizzata, ma, contribuenti che per un motivo o per un altro hanno atteso per la conversione.
 

«Abbiamo persone che hanno scoperto piccoli risparmi in lire messi via dai propri genitori, persone che hanno da poco perduto il lavoro e volevano approfittare di questi soldi per sopravvivere, persone che vivono di pensione sociale e ai quali, questi risparmi insperati, farebbero comodo.»

Sono migliaia i cittadini che hanno contattato le sedi della Federcontribuenti e nessuno di questi è riconducibile a nessuna attività criminale, persone che, facendo dei lavoretti in casa, hanno trovato ''gruzzoletti'' messi via da genitori non più in vita e del resto ci troviamo di fronte ad un palese caso di appropriazione indebita da parte del governo che di fatto ha requisito soldi a cittadini per riempire le proprie casse. Non è tollerabile la posizione scelta dal governo Monti che deve tornare sui suoi passi e permettere a queste persone di rientrare in possesso dei propri soldi, inoltre, si trova ingiustificata l'ipotesi che questo blitz sia servito contro la criminalità organizzata, semmai, si ha il sospetto che dietro questa manovra ci sia il tentativo di far cassa sulla pelle di persone tenute all'oscuro anche perchè, Banca d'Italia, possiede tutti gli strumenti utili per smascherare manovre riconducibili ad attività legate alla criminalità organizzata. 
 
La Federcontribuenti è sicura che nei prossimi giorni altrettanti cittadini scopriranno di non poter più convertire e questo ''caso'' rischia di diventare ''il caso''.

Come si può parlare di '' investimento rischioso '' in relazione a soldi tenuti da parte e frutto di sacrifici?

  




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/02/2021 07:39:14

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -