Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
1.000 al mese

1.000 al mese
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 25/01/2012

 

 
Eppure, c’è stato un tempo in cui la cifra “1000” ha avuto un senso. Un contenuto. Tante speranze.”Se potessi avere 1.000 lire al mese...” recitava la canzone di Gilberto Mazzi del 1939. L’Italia aveva ancora speranze e sogni. Che sarebbero presto state sostituite dal terrore e dalla fame. Ma ai tempi, mille lire erano una somma importante. Da desiderare. Da sognare.

 

In una manciatina di decenni, uno sbadilgio di tempo, la lira via via ha perso potere. Si è assottigliata. Svuotata. E’ stata resa quasi del tutto inutile. E le cifre cui ci siamo dovuti abituare nel quotidiano, hanno iniziato ad avere alcuni zeri in più.

 

Negli anni ’70, con 1.000 lire potevi farci la spesa alimentare per la giornata. Dieci anni dopo, ci compravi le sigarette. Negli anni ’90 con 1.000 lire mettevi circa un litro di benzina. Inizio 2000 ci facevi colazione al bar. Poi, il cambio fra lira ed euro ha azzerato ogni cosa.

 

1.000, con l’avvento dell’euro e le crisi più o meno reali e palesate, è divenuto un pò l’ambito desiderio di stipendio dei troppi precari italiani. Incredibilmente, si è tornati a desiderare le famose “Mille lire al mese”. Cambia solo la valuta. Il criterio è quasi lo stesso. Solo che nel ’39, con mille lire al mese facevi il signore. Oggi fai la fame.
 
E che dire dei famosi "mille" garibaldini di storica memoria? Oggi i mille sono quei pochi che "comandano" una nazione di oltre 45milioni di elettori. Persino in questo senso "1.000" si è completamente capovolto. I mille di allora hanno ribaltato le sorti della storia. I mille di oggi si fanno solo le storie loro...

 

Ed ancora 1.000. Ma questa volta per una cosa davvero singolare, per non arrivare a scrivere aberrante.

 

Da una analisi condotta da prestiti.it, si evince che, crisi o meno, in Italia oltre 1.000 persone ogni mese chiedono un prestito per una media di circa 9.000 euro a testa. Si potrebbe pensare ad una aumento delle richieste date dalla crisi galoppante. Invece, si scopre che questi nuovi debitori, accedono al credito/debito per poter effettuare i famosi “ritocchini” di chirurgia estetica.

 

La notizia non è tanto la richiesta di finanziamenti, ma la motivazione ed anche, la tipologia dei richiedenti.

 

Sembra infatti che, innanzitutto siano in maggioranza gli uomini a richiedere prestitit per finanziarsi qualche intervento di “abbellimento” con una media pari al 56% contro un 44% delle donne. Poi, informazione che deve far riflettere, a chiedere prestititi per ritocchi estetici non sono solo imprenditori ed impiegati, ma c’è anche un 15% formato da pensionati, disoccupati e casalinghe.

 

L’erogazione degli importi, viene poi pagato a rate, mediamente in 5 anni.

 

A questo punto, cifre alla mano, ecco svelarsi un mistero tutto umano. 1.000 appare cifra più o meno fondamentale a seconda dei criteri e delle epoche in cui si vive.

 

Mille lire al mese, erano una cifra ragguardevole da desiderare di guadagnare negli anni ‘40. Negli anni ’90 la stessa cifra era appena sufficiente ad acquistare un litro di benzina. 1.000 sono gli euro agognati oggi da molti cittadini precari o disoccupati. Da circa 1.000 è composto l’esercito di italiani che ogni mese si indebitano per accedere ad un sogno distorto di perfezione.

 

La banda dei mille, in ogni caso è precaria. Perchè basata su un sogno. Da rispettare per alcuni versi. Da deprecare, dal momento che mai nessuno poi è riuscito davvero a compiere il sogno.

 

Mille lire al mese
Gilberto Mazzi

Che disperazione, che delusione dover campar,
sempre in disdetta, sempre in bolletta!
Ma se un posticino domani cara io troverò,
di gemme d'oro ti coprirò!
Se potessi avere mille lire al mese,
senza esagerare, sarei certo di trovar
tutta la felicità!
Un modesto impiego, io non ho pretese,
voglio lavorare per poter alfin trovar
tutta la tranquillità!
Una casettina in periferia, una mogliettina
giovane e carina, tale e quale come te.
Se potessi avere mille lire al mese,
farei tante spese, comprerei fra tante cose
le più belle che vuoi tu!

Ho sognato ancora, stanotte amore l'eredità
d'uno zio lontano americano!
Ma se questo sogno non si avverasse,
come farò.... il ritornello ricanterò!

Se potessi avere . . .




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/02/2021 08:00:18

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -