Sei nella sezione ComunicAzioni   -> Categoria:  Malainformazione  
Festival di Sanremo: come ti aumento lo share a tutti i costi in una Italia drogata di mediaticità

Festival di Sanremo: come ti aumento lo share a tutti i costi in una Italia drogata di mediaticità
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/02/2012

 
Comici tramutati in leaders politici. Cantanti che divengono profeti. Politici che fanno cabaret. Veline che sono diventate onorevoli. Professori tramutati in politici. Ma "tecnici", per carità.

 

In Italia, c'è un profuso senso di confusione. Di ruoli.

 

Sarà perchè la politica è divenuta alla portata di troppi. Sarà perchè è stata prostituita a tutto ciò che politica non è. Sarà che oggi, la confusione, il caos, regnano sovrani su tutto... Ma non va bene. Non va per nulla bene.

 

E non è la solita polemica sterile che finisce con la solita sterile indignazione. Che non va mai oltre, per divenire azione. No, questa è una realtà che tutti abbiamo davanti agli occhi ogni giorno. Di cui le nostre orecchie sono ormai colme.

 

Come si può contrabbandare per comunicazione politco sociale, il sermone di un cantante che, seppur votato in qualche modo ad una sorta di attivismo sociale, è stato è e rimane un cantante?

 

Perchè tutto questo indaffararsi intorno alle dichiarazioni di Celentano all'interno di uno dei contenitori più contestati della televisione degli ultimi 62 anni? Perchè far credere che in Rai basti aprire un microfono e dire le prime cose che vengono in mente? Non è così. Questo è fare ancora una volta malainformazione.

 

In Rai, esistono capi struttura, dirigenti, autori, gente che scrive i testi, verifica, decide, controlla la virgola... O davvero pensavate che funziona diversamente? Pensavate davvero che i vari Grillo, Celentano et similia siano predicatori socio politici che parlano a braccio?

 

No, non è così che va. Tutti sanno tutto ciò che sta per accadere. Statene certi. In special modo quando la trasmissione del momento si chiama "Festival di Sanremo", è parte del palinsensto di mamma Rai e per giunta del primo canale: notoriamente il canale di propaganda di questa Italia ormai caotica e molto ipocrita.

 

Pensavate davvero che la cattolicissima Lorenza Lei rischiasse al buio la propria carriera dirigenziale? Pensate davvero che ci sia qualcuno oggi che dica ciò che gli viene in mente la per là?

 

Fa tutto parte del solito carrozzone mediatico. Dove si decidono parti, controparti e persino scandali, comunicati e controcomunicati.

 

A chi giova tutto questo? Ad un sistema socio politico e mediatico che è ormai andato oltre. E che a questo punto, avendo abituato l'audience a tutto l'impossibile, non può più presentarsi al suo share con cosucce normali, stupide, banali.

 

L'audience si fa con qualcosa di sempre più spettacolare. L'audience italiana ha ormai un palato "sopraffino" e se non gli dai almeno un pò di scandalo, prende il telecomando e guarda altrove. A cercare qualcuno che riesca a trasmettere qualcosa di "veramente" spettacolare. Che poi questo "veramente spettacolare" nella realtà non esista, non importa – sembra – a nessuno. La cosa importante, per molti, è tacitare quella fame di assoluta perversione, di assoluta necessità di qualcosa che ancora riesca a turbare gli animi. E poichè gli animi sono ormai anestesizzati da troppe crude e palesi assurdità. Ecco che lo spettatore trova "conforto" solo nella visione di ciò che lo colpisce dtritto in testa.

 

Che tocca fare per guadagnare qualche centinaio di milioni. Che tocca fare per ammansire i telespettatori chiamati persino a pagare annualmente la loro fetta di droga mediatica.

 

Che tocca fare, per tornare ad un pò di sana normalità?

 

Celentano, il "profeta"...




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/02/2021 22:32:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Malainformazione

Autore: La Redazione
Data: 15/08/2013
Ma il popolo di Silvio sa perche' Berlusconi e' stato condannato?

In migliaia al sit-in davanti a palazzo Grazioli, hanno cantato, gridato cori, sventolato bandiere. Sono arrivati da ogni parte d'Italia per stare vicini al loro leader, dopo la sentenza della Cassazione a chiusura del processo Mediaset. Ma loro, i fedelissimi di Berlusconi, lo sanno per quale motivo il loro beniamino è stato condannato dalla Suprema Corte?

Leggi l'articolo

Autore: La Redazione
Data: 13/06/2013
Giuliano Ferrara: se questo è un giornalista...

Bersaglio mobile, la trasmissione condotta da Enrico Mentana che questa settimana si occupava di Luigi Bisignani e delle sue rivelazioni pubblicate in un recente libro. A circa metà della trasmissione, è scattata una lite furiosa tra Giuliano Ferrara e il conduttore Mentana: il direttore del TgLa7, interrotto più volte da Ferrara, ha invitato lo stesso a far continuare gli altri, dopo che lo stesso Ferrara, mezz'ora prima, aveva minacciato di andare via se non gli fosse stato permesso di parlare.

Leggi l'articolo

Autore: La Redazione
Data: 24/03/2013
Silenzio stampa. Abbiamo deciso di non parlare di...Questa è una testata indipendente. Non amiamo usare termini volgari, non ci piace il giornalismo di propaganda e nemmeno quello che urla. Gradiamo fare analisi e basarci sui fatti. Proponiamo riflessioni, verifichiamo dati, incrociamo documentazioni. I toni diciamo così...Sopra le righe di certi neo politicanti, stanno trascendendo l'etica, la morale, la moderazione, l'educazione.
Leggi l'articolo

Autore: Mariasole De Maio - Redazione Attualità
Data: 12/12/2012
Alessandro Sallusti sospeso dall'Ordine dei GiornalistiAbbiamo seguito le vicende legate alla pubblicazione di un articolo considerato diffamante da parte di un magistrato, sul quotidiano "Il Giornale" di cui Alessandro Sallusti è (era) Direttore.Una storia singolare: per la prima volta - e ci auguriamo l'ultima - in Italia si aprono le porte del carcere, o meglio, dei domiciliari e per ben 24 mesi per un girnalista accusato di diffamazione a mezzo stampa.
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -