Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Abusi di Stato: i politici si ripuliscono l’anima lasciando ai 'tecnici' l’onore del genocidio

Abusi di Stato: i politici si ripuliscono l’anima lasciando ai 'tecnici' l’onore del genocidio
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 30/04/2012 16:59:50

 
Chissà quanti di voi hanno memoria di certi accadimenti. Quanti sono al corrente di certi eventi a volte reiterati contro i diritti dei cittadini. In quanti si è coscienti del percorso di destabilizzazione della nostra nazione. E scrivo "nostra" perché nostra sarebbe, se non l'avessimo letteralmente regalata da Nord a Sud ai governi di turno. Che poi in realtà, già da tempo immemore sono un tutt'uno. Fanno semmai "a turno" appunto. Un po' io, un po' tu. Tanto in Italia c'è così tanto ancora da prendere che ce n'è per tutti. Da buoni amici.

L'attuale governo, come ho già avuto modo di scrivere in diversi articoli sul tema, è un momento di passaggio che serve al mondo politico a scrollarsi di dosso questo brutto periodo in cui bisognava convincere gli italiani che il debito pubblico è una colpa sociale, scaturita dalla cattiva gestione dell'essere cittadini. Così, giù punizioni senza fine. Giù mannaiate, tasse, imposte, tagli e contro tagli. Verifiche fiscali pure all'ortolano dietro l'angolo che aveva sempre campato con quel po' di cicoria venduta quotidianamente.

Giù a dar botte da orbi a tutte le fasce sociali, tranne – "ovviamente" – a quella fascia ricca proprio perché si permette di evadere, speculare, corrompere ed ammucchiare, col beneplacito di tutta la componente politica e pseudo tecnica. D'altronde, il mondo politico ormai si confonde con quello imprenditoriale. Vai poi a fare una suddivisione fra ricchi, imprenditori e politici. Impossibile. E' il motivo per cui nessuna patrimoniale vedrà mai l'alba nel nostro Paese. Sarebbe come dire che il ladro va a costituirsi ogni volta che compie una rapina.

Dopo Monti, un mondo politico sempre scellerato ma "ripulito" da un periodo di passaggio "tecnico" tornerà a governare, o meglio comandare, su una popolazione ormai sconfitta totalmente. Lasciata cadere nel baratro e persino oltre. Uccisa perversamente e perversamente convinta d'essere il male di questa epoca.

Loro – i politici – torneranno a dirigere l'orchestra. Ripuliti d'ogni qualsiasi responsabilità legata a questo periodo d'inferno, ove tutto l'innominabile è reso possibile al grido di "pareggio di bilancio ad ogni costo". E ad ogni costo, siamo noi. Spettatori resi inermi anche grazie alla cattiva abitudine al lassismo, al lasciarsi comandare e dirigere che molti milioni di italiani hanno stampato nel DNA.

Torneranno anche se, nel frattempo, quasi ogni partito è stato investito dal vorticoso pandemonio di crimini contro l'economia pubblica degni di un film dell'orrore. Torneranno con la consapevolezza di poter in quel momento preciso, ridare qualche tozzo di pane per far vedere che si, "loro" si sono umani. I tecnici servivano proprio a questo scopo. Disumanizzare la popolazione per renderla totalmente assoggettata ad un potere doppiamente immorale, dal momento che si presenta come elemento quasi sterile nel parterre del variegato mondo della dirigenza.

Abbasseranno qualche tassa. Ne toglieranno un paio, addirittura. Faranno dietrologia per un lungo periodo, non avendo altro di cui discutere se non di quel governo "tecnico" più politico di qualsiasi vero partito politico. Che non necessita di etichette né tantomeno di adesione da parte dei cittadini. Il potere supremo chiamato in causa per un solo scopo: togliere d'impaccio i "veri" politici in un momento di grande impasse. Un momento così critico da non trovare nessuno che se ne voglia fare carico. Così, abbiamo dovuto persino sopportare plateali rinunce – vedi quella di Bersani - ad assumere il controllo della situazione. E ce la svendono come grande atto di onestà.

Ora, vorrei ricordarvi un paio di cose. Di quelle cose che accadono e che, per far si che tutti le dimentichino in un brevissimo lasso di tempo, si sceglie di non parlarne attraverso gli organi di informazione di stato.

In queste ore, si stanno per compiere nuovi tagli a quei comparti già giunti ad esalare l'ultimo respiro. Per non aumentare l'i.v.a. di altri ben due punti, si cercano soldi. Quattro miliardi, per l'esattezza. Ecco quindi, che i tecnici, lanciati come cani molecolari cui sia stato fatto fiutare solo l'odoraccio del denaro, cercano, fiutano febbrilmente individuano. E zac! Tolgono altre risorse alla scuola ed al comparto della sicurezza. Proprio i due comparti più massacrati nella storia delle ultime decadi.

Sono qui a fare il mio mestiere: ricordare qualcosa al lettore che altrimenti non ricorderebbe.

Nel 2008, l'allora governo Berlusconi, decise di trasferire la notevole cifra di 8 miliardi di euro dal comparto della scuola pubblica a quella paritaria, notoriamente in mano al clero. Si addusse come motivazione, una scusa che ha dell'incredibile: dare alle famiglie "una maggiore scelta di istituti scolatici, dal momento che le scuole pubbliche non offrono degni servizi culturali" (…)

8 miliardi, presero il volo e dalle casse del Tesoro passarono in un battibaleno alle casse del clero.

E chi se ne frega se i bambini devono portarsi da casa persino la carta igienica. Chi se ne frega se ai bambini disabili viene tolto – in pratica – il diritto all'educazione scolastica.

Meglio foraggiare gli amici della chiesa, e tutti quei bambini belli, biondi e profumati di ricchezza che crescono all'ombra delle vesti nere di preti che hanno più la forma di una calcolatrice elettronica piuttosto che di esseri umani attentialle anime ed alla crità.

Ed ancora: i ladrocini effettuati costantemente ai fondi TFR dei lavoratori. Le ultime notizie risalgono ancora al 2008/2009. La sottoscritta fu fra i pochi giornalisti a parlarne: 3mln100 mila euro, furono letteralmente saccheggiati dai fondi TFR depositati presso l'INPS.

State capendo un po' meglio perché fanno un gran lavorio per far si che nella mente di tuti i cittadini il concetto di pensione o buonuscita fuoriescano per sempre dalla mente? Nessuno è in grado di stabilire con certezza, quale sia l'ammontare – ad oggi – dei soldi prelevati dai fondi del TFR.

Un vero e proprio abuso. Di cui molti cittadini ancor oggi non sono a conoscenza.

In definitiva vi dico: c'è un processo di destabilizzazione in atto che va avanti già da alcuni anni. Lo Stato, palesemente, ha abbandonato i cittadini abdicando in favore di quei poteri, di quelle lobbies che sono maggiormente in grado di sostenere atteggiamenti cinici più conformi a coloro che sanno come speculare sulla vita della gente.

Non siamo ancora all'ultimo atto e ne temo le conseguenze. Perché, contemporaneamente, non ravvedo nei miei connazionali quell'energia, quella forza, quella volontà di protagonismo civile che sortirebbe in breve tempo l'abbattimento di questo sistema che ormai così chiaramente ha dichiarato i propri intenti contro la nazione dei cittadini comuni.

Non mi aspetto e non desidero certamente di veder brillare le bombe e scoppiare le molotov. Ma auspico, ancora nonostante tutto, un risveglio delle coscienze ed una volontà ferrea a ridivenire finalmente proprietari innanzitutto delle proprie esistenze e collateralmente, della casa in cui tutti viviamo: l'Italia.

Non so come io faccia dopo tanti tentativi ad avere ancora una così grande speranza. Probabilmente, credo molto nell'onestà intellettuale dei miei connazionali. E ad essa mi rivolgo. Prima che la parola "fine" venga posta sulle nostre vite per mano di quel solito migliaio di personaggi ormai fuori da ogni logica umana.


L'articolo ha ricevuto 13536 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/07/2019 01:33:31

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Politica
Data: 19/07/2019 07:54:24
Crisi di governo: si, forse, no

Salvini tenta di non far tornare gli italiani alle urne, ma se non si concretizzeranno autonomia, giustuzia e manovra pensa a nuove elezioni. Di Maio rigetta le accuse di volersi alleare col PD...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 09/07/2019 06:54:50
Decreto concretezza: al via la riforma degli impiegati della Pubblica Amministrazione

E' pronto il regolamento, previsto dalla legge Concretezza, relatovo alle impronte digitali per la verifica degli accessi a lavoro dei dipendenti pubblici.

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 27/06/2019 06:44:08
Governo: la colpa? E' sempre degli altri...

C'è sempre un buon motivo per attribuire agli altri la responsabilità delle nostre insufficienze o dei nostri fallimenti.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 22/06/2019 07:01:38
DL crescita: il testo passa al Senato

Dal compromesso sul salva-Roma alla riapertura della rottamazione alle norme "salva banche" del Sud per favorire l'aggregazione degli istituti, ecco tutte le novità.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -