Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Governo Monti: aumenta il debito pubblico

Governo Monti: aumenta il debito pubblico
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 15/05/2012

 
Sono passati cinque mesi dall'insediamento dell'attuale governo. Governo "tecnico" che necessita di altri "tecnici" per compiere il lavoro e mettere in atto quelle strategie utili al risorgere del paese  cui è stato chiamato.

Ad oggi, di sviluppo nemmeno l 'ombra. Aumentano solo tasse, imposte, accise e – ciliegina bizzarra su una torta di panna rancida – di contro, sale il debito pubblico.

"Ma come" – ci si chiede "Monti non doveva far abbassare il debito"? Pensavamo fosse così. All'atto pratico, fonti Bankitalia, il nostro debito pubblico nei primi cinque mesi dell'anno, ha avuto un incremento tale da portarlo al primo posto assoluto – record di cui tutti faremmo a meno – non solo fra i debiti internazionali ma anche di quello interno.

Più aumenta la pressione fiscale, più aumenta il debito. Più aumentano precariato e disoccupazione, più i bilanci di Stato vertono al rosso fisso.

Ovviamente, se non si opera per una rinascita dello sviluppo economico, se non si creano o ricreano posti di lavoro, se non si presta attenzione a rendere nuovamente livelli accettabili di capacità economica ai cittadini, gli equilibri già labilissimi, si rompono. E' chiaro anche che, in una situazione come la nostra, se le famiglie non vengono messe in grado di vivere dignitosamente non potranno poi mai e poi mai assolvere eventuali "debiti" nei confronti dello Stato. E qui non si parla di evasori ma di morosi: gente che le tasse vorrebbe pure pagarle, ma non è messa in grado di farlo.

Così questa Italia sempre più simile alla Grecia, avanza a grandi passi verso una crisi sempre più minacciosa.

Il governo palesemente, non ha alcuna intenzione di assecondare la richiesta corale da parte della popolazione e di qualche sparuto gruppo di politici di abbassare le uscite relative  ai costi della politica. E sembra non avere alcuna intenzione nemmeno di proporre attuabili piani di crescita che – oltretutto – non siano di lungo termine.

Così, ci ritroviamo nella situazione perversa di dover assistere alla più pesante crisi della politica, dominata da un governo che di "tecnico" ha davvero ben poco e con una situazione sociale al limite della guerriglia urbana.

L'economista Giacomo Vaciago spiega: "La riduzione assoluta del debito partirà dal 2014. Che il debito pubblico aumenti ancora in questi primi mesi dell'anno non stupisce, abbiamo ancora un deficit. La cosa più allarmante è che nel primo trimestre di quest'anno le entrate tributarie, rispetto al corrispondente periodo di un anno fa, sono in calo. Non è l'aumento dell'evasione, è la riduzione del reddito da recessione. L'economia italiana è in recessione da tre trimestri. Le entrate tributarie calano quando le cose vanno male e quindi, temporaneamente, aggravano i problemi del debito. E' un circolo vizioso che in forme esasperate abbiamo visto in Grecia e in Spagna. Da noi non è così grave, ma è presente. L'austerità che fa male temporaneamente all'economia rende anche più difficile ridurre il deficit pubblico. Ci vogliono, da un lato, politiche per la crescita e, dall'altro, austerità, e sapere che la cura richiede tre anni, non tre mesi".

Appunto. C'è da chiedersi a cosa sia servito questo passaggio dalla politica allo pseudo tecnico: probabilmente, come ho già avuto modo di descrivere in altri articoli, ad una sorta di repulisti che rendesse nuovamente "appetibili" partiti e politici per una opinione pubblica che ormai non sa più cosa scegliere, cosa decidere e cosa fare.

Per chi fosse interessato, a questo link può leggere il rapporto della Banca d'Italia sulla stabilità finanziaria con una analisi che può chiarire ancor meglio l'attuale situazione economica nel nostro paese.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/09/2022 20:30:48

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -